ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Mandarlo in una scuola all'estero

La scelta di una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue ma è sempre piuì importante mantenere la famiglia compatta.

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Da qualche tempo ho un problema/dubbio per quanto riguarda la prossima educazione scolastica di mio figlio. Il prossimo settembre inizierà la scuola materna ed il mio dubbio è dove mandarlo a scuola ... abbiamo la possibilità di mandarlo a scuola in Francia, ma abiterebbe tutta la settimana con me e vedrebbe il papà solo nel week-end (non siamo divorziati ... anzi ci vogliamo molto bene ma per un'educazione migliore per il bambino saremmo anche pronti a fare un sacrificio). Lui crescerebbe bilingue e senz'altro con una mentalità più aperta ... (la scuola francese per via delle colonie è veramente multi-razziale ...) oppure mandarlo ad una scuola italiana (che tra l'altro ho visto ... ed è senza spazi all'aperto) e vivere una vita più normale (il padre verrebbe a casa tutte le sere). Non è facile decidermi e mio marito lascia la scelta a me perché in fondo sono io che sto con lui più a lungo. Forse qualcuno mi può aiutare a vedere la situazione sotto un altro punto di vista?

Non mi è molto chiara la situazione: nella tua città non c'è una scuola francese che soddisfi le tue esigenze di una cultura bilingue senza così compromettere l'equilibrio familiare? Tre anni è l'età sicuramente migliore per apprendere le lingue, ma è anche l'età in cui un bambino comincia ad apprendere la propria lingua e soprattutto sussiste la necessità di crescere serenamente, circondato dagli affetti familiari. Se sceglierai di vivere lontano, non credo che in futuro tuo figlio ti sia grato per averlo privato del padre in nome dell'istruzione!

Non penso inoltre che l'istruzione fornita dalla scuola italiana sia molto difforme da quella francese, per quanto concerne questa età dello sviluppo. Compito di entrambe è di accogliere il bambino, di favorire la sua socializzazione e fargli vivere delle esperienze in un contesto ludico, fondamentale per la sua crescita, di fornire un'educazione adeguata, non un'istruzione come la scuola elementare.

La scuola materna fornisce una base fondamentale per poi approdare a quella elementare e pure la scuola italiana è aperta e multi-razziale, anzi ti suggerisco ironicamente di contare quanti italiani ci siano in una classe. Se il bambino non vivesse in un ambiente sereno, non fosse in grado di rapportarsi agli altri, non conquistasse l'autonomia di azione, di giudizio, non sarebbe in grado di apprendere. La scuola materna fornisce tutti quegli strumenti per raggiungere questo obiettivo, ma non è l'unico sistema sociale.

Il ruolo più importante viene ovviamente detenuto dalla famiglia, ma prova ad analizzare la tua. Un bambino che, mi sembra di capire, dovrebbe affrontare un cambiamento di città, con allontanamento dal padre e forse altre figure familiari, quali sentimenti proverebbe, sarebbe sereno?

Questo è quello stress al quale è sottoposto un bambino con genitori separati, con uno dei genitori part-time, e che rende il bambino triste e ostacola il suo grado di apprendimento. I bambini definiti "difficili", che sono aggressivi o non si applicano nello studio, non sono altro che bambini sofferenti a causa di situazioni familiari di violenza o di semplice disagio.

Vivere in un contesto in cui è presente una sola mamma e per di più sicuramente afflitta dalla forzata separazione, non pensi che influisca su di lui negativamente se, come dici, nella tua famiglia sussiste amore tra coniugi e non un clima tale per cui l'allontanamento sia una scappatoia?.. Sacrificare una vita ed un equilibrio familiare perfetto... in nome di cosa?

Io ti suggerirei una semplice alternativa, come l'assunzione di una baby-sitter di lingua francese oppure l'iscrizione ad un corso di lingua, come fanno molti genitori, e rimandare ad un futuro eventuali cambiamenti di casa, possibilmente del nucleo familiare compatto.

10/6/2003

6/8/2015

I commenti dei lettori

Sono una mamma d tre figli, ho 42 anni, i due maschi grandi hanno rispettivamente 21 e 19 anni  ed una piccola di 10 anni, il mio problena nasce con Deborah. Quest'anno abbiamo deciso di comune accordo  di mandarla in viaggio studio a Hull in  Inghilterra, questo viaggio è stato programmato già da parecchi mesi fa,  nn è stata una cosa improvvisa, e in tt questi mesi Debora mi aveva convinto che era felice x quella vacanza, tral'altro è partita con la sua migliore amica, con professori e altri ragazzi e ragazze di diverse età .

Ora sono diversi giorni che mi chiama al telefono, con il magone  e piange  appena sente la mia voce, nn so cosa fare mi fa star male il pensiero che sta soffrendo e nn è tranquilla, tt le volte che la chiamo, sento che sta piangendo, allora ho chiamato la professoressa, la quale mi ha assicurato che la bambina è ben inserita, gioca  tranquillamente con tutti, è molto sensibile  ed ha questi momenti di malinconia, che confesso ho anch'io.

Mi sono pentita d averla mandata, nn sono tranquilla  mi manca da morire, e mi sento terribilmente in colpa  x tt questo! cosa devo fare x far star bene lei in questa ultima settimana li, lei torna sabato prossimo.

incoronata (NO) 23/07/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mandarlo in una scuola all'estero"

Inserimento alla scuola materna
Piange ogni mattina perchè non si è ancora inserita alla scuola materna. I consigli della psicologa.
Al nido, comunque!
Mandarlo all'asilo nido anche se la mamma è a casa può essere una saggia decisione.
Non siamo soddisfatti degli insegnanti
Siamo delusi dagli insegnanti di nostra figlia. Il cambiamento di scuola può compromettere il suo equilibrio? Il parere della psicologa.
Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze. I consigli sulla durata della convalescenza.
Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
Integrazione alla scuola materna
Frequenta la scuola materna da tre mesi ma non si è ancora integrato. Non bisogna preoccuparsi perchè certi bambini hanno bisogno di più tempo per socializzare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si raccolgono le urine per l'urinocoltura?
Per avere risultati attendibili nell'esame delle urine è necessario rispettare alcune regole nella raccolta.
Il bambino che morde
Dopo l'anno di età il bambino morde per scoprire quello che lo circonda. Dopo i due-tre anni diventa un modo per esprimere rabbia e intimidire i coetanei.
Un apparecchio per il controllo del respiro del neonato
L'apparecchio per il controllo del respiro del neonato purtroppo non assolve l'obbiettivo ovvero non suona quando a volte un bambino presenta un'apnea.
Epitelioma calcifico di Malherbe
L'Epitelioma calcifico di Malherbe è una rara lesione della pelle. Va rimossa chirurgicamente.
Ipoglicemia neonatale
L'ipoglicemia è un'evenienza frequente nel periodo neonatale. Un calo di zucchero è più frequente nei prematuri.

Quiz della settimana

Con che frequenza compaiono i cosiddetti "dolori di crescita" nei bambini sani?
2-3%
5-10%
10-20%
20-30%