ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Vaccino anti-menigococco: diversi tipi

Vaccino anti-menigococco: ne esistono diversi tipi. Le infezioni causate dai batteri capsulati costituiscono un vero problema.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Parlando di bambini di età superiore ai due anni di età quanto é più valido un vaccino di nuova generazione coniugato che copre un solo ceppo di meningite da meningococco (il tipo C) rispetto ad uno polisaccaridico che però ne copre diversi (A, C, W, Y)? Con quale criterio scegliere? Diventa sempre più difficile districarsi nella scelta di quali vaccinazioni facoltative effettuare e quali no e, all'interno di queste, è difficile anche individuare il vaccino più appropriato alle proprie personali esigenze.

Le infezioni causate dai tre gruppi maggiori di batteri capsulati (Pneumococco, Emofilo e Meningococco), costituiscono uno dei maggiori problemi di salute nel mondo. Tuttavia sono da tempo disponibili per l'uso clinico dei vaccini ottenuti proprio a partire dagli antigeni polisaccaridici contenuti nella loro capsula batterica. Questo è possibile perché i polisaccaridi di superficie presenti sulle capsule di questi batteri funzionano sia come fattori di virulenza sia come antigeni in grado di determinare una risposta immunitaria protettiva da parte dell'organismo umano. I primi vaccini sviluppati per prevenire le infezioni da parte di questi batteri sono composti da un polisaccaride capsulare purificato. Sono vaccini innocui e molto immunogeni negli adulti e nei bambini più grandi. Invece nei bambini più piccoli, e particolarmente al di sotto dei due anni di vita, determinano una risposta anticorpale decisamente più scarsa.

Sono stati perciò ideati e commercializzati vaccini cosiddetti "coniugati" nei quali, cioè, il polisaccaride è coniugato con una proteina "carrier" diventando così più immunogeno e duraturo (cioè risposta immunitaria più potente e produzione di memoria a lungo termine), anche nei bambini di età inferiore ai due anni. La differenza tra queste due componenti antigeniche risiede nel grado di dipendenza dai linfociti T richiesti per una completa risposta anticorpale. Ed allora, i vaccini polisaccaridici purificati sono considerati meno specifici per i linfociti T e sono riferiti come "antigeni T-indipendenti", mentre i vaccini coniugati (come quello contro l'Emofilo o contro il Meningococco C) hanno un maggior grado di dipendenza dai linfociti T e sono riferiti come "antigeni T-dipendenti".

Riguardo la vaccinazione contro il meningococco, occorre fare alcune premesse: esistono cinque sierotipi patogeni di Meningococco (A, B, C, Y e W35) verso i quali esiste sia un vaccino polisaccaridico, che però non copre il sierotipo B, sia un vaccino coniugato contro il solo sierotipo C. C'è inoltre da considerare che circa un terzo dei casi di meningite da Meningococco si verificano al di sotto dei cinque anni di vita e sono dovute con maggior frequenza al sierotipo B (contro il quale non è stato ancora approntato un vaccino efficace) ma che ha un andamento meno grave. Il sierotipo C, invece, pur essendo meno frequente (in Italia, infatti, delle 40-50 forme invasive di meningite al di sotto dei cinque anni di vita, solo un quinto, cioè una decina, sono da attribuire ad esso), presenta una mortalità molto elevata.

Dunque allo stato attuale, nei bambini al di sotto dei cinque anni, ci troviamo nella condizione di dover scegliere tra una buona memoria immunologica verso il sierotipo più "mortale" anche se meno frequente, oppure un allargamento (ombrello più grande) dei sierotipi verso i quali determinare una difesa, la quale è dimostrato essere di minore intensità e relativamente transitoria. Considerata, quindi, la scarsa efficacia dei vaccini polisaccaridici nei bambini piccoli e, viceversa, la totale efficacia del vaccino coniugato verso il sierotipo C (decisamente il più pericoloso) non avrei dubbi sulla scelta verso quest'ultimo, in attesa che venga messo a punto il vaccino coniugato verso il sierotipo B (decisamente il più frequente).

8/5/2003

25/6/2013

I commenti dei lettori

insomma io ho 2 bambini di 3 e 5 anni che vanno alla scuola materna come mi devo comportare non sono bambini che hanno mai sofferto di bronchiti o polmoniti e febbre solo muco tra naso e gola , per cui mi consiglia di vaccinarli per la meningite o no e se e' si quale devo effettuare . Grazie a presto 

barbara (PA) 24/11/2010

Io invece ho una bimba di 13 mesi e non so proprio come comportarmi dal momento che il vaccino contro il meningococco non lo vorrei assolutamente fare, perchè è uno tra i più pericolosi. Anche perchè nei vaccini obbligatori è presente sia l'emofilo b che il pneumococco.Quindi anche se in minor parte è coperta. Lei soffre molto spesso di broncospasmo ma non so se questo tipo di problema potrebbe mai influire sul sistema nervoso. Per cui Lei cosa mi consiglia al riguardo?

Nadia (CZ) 12/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vaccino anti-menigococco: diversi tipi"

Meningite e difetto dell'udito
La meningite è una grave infezione che colpisce il sistema nervoso centrale e che può essere causata da molti germi diversi.
In aumento i casi di meningite?
In commercio esiste un nuovo tipo di vaccino coniugato contro il sierogruppo C del Meningococco che è altamente immunogeno e efficace.
Il vaccino contro il pneumococco
Il vaccino contro il pneumococco è efficace anche in bambini al di sotto dei due anni, e può essere somministrato in concomitanza alle altre vaccinazioni.
Il vaccino contro la meningite da meningococco C
Questo vaccino agisce contro uno dei ceppi batterici responsabili della meningite, il meningococco C.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta