ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

L'obesità infantile

Si può parlare di obesità quando il peso di un bambino supera del 20% il peso ideale (in base al sesso e all'altezza), di soprappeso se lo supera del 10-20%.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Il problema dell'obesità, del "grasso in eccesso" esiste da secoli: basta visitare una galleria d'arte o sfogliare libri di storia per verificare che si tratta di un fenomeno diffuso da molto tempo. Tradizionalmente, infatti, l'obesità è stata associata alla prosperità e all'abbondanza, e questa visione è ancora viva in molti paesi in via di sviluppo minacciati dalla carestia e dove l'obesità potrebbe quindi essere considerata un vantaggio.

Nei paesi occidentali, invece, il canone della moda sostiene che "magro è bello" e la grande pressione sociale verso le persone in sovrappeso ha determinato un'enorme industria per prodotti dimagranti. 

Nonostante questa pressione sociale che impone di essere magri, la prevalenza degli obesi sta notevolmente crescendo, tanto da indurre gli esperti a credere che l'obesità dovrebbe oggi essere ritenuta uno dei maggiori e più trascurati problemi di salute pubblica del nostro tempo.

L'obesità è sempre più in aumento

Si può parlare di obesità quando il peso di un bambino supera del 20% il peso ideale (in base al sesso e all'altezza), di soprappeso se lo supera del 10-20%. In certi casi si parla di super-obesi: sono quei bambini il cui peso supera del 40% i valori normali.

Negli ultimi decenni il numero di bambini con problemi di peso, in Italia come nel resto del mondo industrializzato, è costantemente aumentato tanto che i bimbi in sovrappeso sono praticamente duplicati negli ultimi 20 anni.

In Italia, secondo i dati pubblicati dall'Istituto Superiore di Sanità e dall'ISTAT e aggiornati al 2000, sono quasi il 4% dei bambini a essere obesi e il 20% in sovrappeso. Dati più recenti (2003), forniti dalla Federazione italiana medici pediatri (FIMP), fanno salire le percentuali rispettivamente al 10% e al 30%. 

Il problema interessa soprattutto la fascia di età 6-13 anni e i maschi rispetto alle femmine, con una concentrazione maggiore al Sud piuttosto che nelle regioni centrali e settentrionali.

Cause e conseguenze dell'obesità

Questi bambini in sovrappeso hanno un rischio notevolmente maggiore di diventare degli adulti obesi e di soffrire, nel loro futuro, delle tipiche complicanze derivanti dall'obesità come il diabete, l'ipertensione, le malattie cardiocircolatorie, i calcoli biliari, l'artrosi e alcuni tipi di tumore (patologie tanto più frequenti quanto più precoce è l'obesità).

L'obesità infantile è dovuta ad un insieme di concause: scarsa educazione alimentare, predisposizione genetica, stile di vita (spesso troppo sedentario), ambiente familiare e condizioni socioeconomiche. È, però, da sfatare la convinzione generale che un bambino diventa obeso solo perché mangia troppo; non sempre, infatti, un bambino "cicciotello" è necessariamente un "mangione"; più frequentemente capita che egli preferisca cibi molto calorici, ricchi di zuccheri e grassi, associati a bevande dolci.

Intervenire fin da piccoli

Occorre ricordare che un'iperalimentazione nei primi due anni di vita oltre a causare un aumento di volume delle cellule adipose, determina anche un aumento del loro numero; da adulti, pertanto, si avrà una maggiore predisposizione all'obesità ed una difficoltà a scendere di peso o a mantenerlo nei limiti, perché sarà possibile ridurre le dimensioni delle cellule, ma non sarà possibile eliminarle. Intervenire durante l'età evolutiva è, quindi, di fondamentale importanza, perché ci dà la garanzia di risultati migliori e duraturi.

Meno grassi più carboidrati

È importante sapere che non conta solamente quanto si mangia, ma anche e soprattutto che cosa si mangia. I grassi dovrebbero fornire mediamente il 25% delle calorie totali, con prevalenza di quelli di origine vegetale (soprattutto olio extravergine d'oliva); mentre la maggior parte delle calorie deve venire dai carboidrati (55-60%), soprattutto dai glucidi complessi, come pasta, pane, riso, che impiegano più tempo ad essere assimilati e quindi mantengono più a lungo sotto controllo la sensazione di fame. 

È, invece, consigliabile non esagerare con lo zucchero, e più in generale con gli zuccheri semplici (come il miele), che vengono immediatamente assorbiti dall'organismo.

Nel bambino obeso è più che mai necessario un approccio dietetico adeguato che prevede, pur nella riduzione dell'apporto calorico globale, un'assunzione perfettamente bilanciata di tutti i nutrienti essenziali. In generale, comunque, si può mangiare un po' di tutto e nessun alimento andrebbe eliminato completamente, a meno che il medico stesso non lo consigli.

Prevenzione dell'obesità

Esistono tuttavia alcune regole generali da seguire:

  • Non saltare la prima colazione;
  • Mangiare ad ogni pasto verdure cotte o crude, meglio se all'inizio, per stimolare il senso di sazietà;
  • Preferire cotture che non prevedono un condimento grasso (al vapore o al forno);
  • Consumare pochi formaggi e solo magri;
  • Sostituire almeno due volte la settimana il primo e il secondo con un piatto unico;
  • Consumare due o tre frutti tutti i giorni;
  • Sostituire pane e pasta con patate e legumi: il loro assorbimento è più lento e perciò, a parità di peso, aumentano di sazietà;
  • Inserire nella dieta il pesce (almeno due o tre volte la settimana);
  • Non bere bevande zuccherate.

L'importanza dell'attività fisica

Contemporaneamente è opportuno abituare il bambino a praticare attività fisiche e sportive (uso della bicicletta, corsa podistica, gioco del calcio, alcune attività di palestra); è importante che questa scelta diventi per il bambino un'attività costante e serva a limitare le attività sedentarie come il dannoso stazionamento davanti alla televisione e l'uso eccessivo del computer.

l ruolo dei genitori diventa quindi molto importante, perché sono proprio loro a dover dare il buon esempio e garantire un ambiente di crescita sereno e sano. Se questo non dovesse essere sufficiente diventa opportuno richiedere l'intervento di medici, dietisti e psicologi specializzati.

18/6/2004

28/3/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "L'obesità infantile"

Plicometria
La plicometria eseguita con uno strumento chiamato plicometro misura il grasso corporeo.
L'obesità: un libro da leggere
Un percorso nella storia dell'arte tra artisti che hanno riprodotto scenari conviviali, con l'aiuto di ricette per gustare l'opera nella sua completezza.
Tetralogia di Fallot è un difetto cardiaco
La Tetralogia di Fallot è la piu' frequente e conosciuta delle cardiopatie congenite del bambino. Le cause, i sintomi e le cure suggeriti dello specialista.
L'obesità nell'arte
Vediamo alcuni esempi di come è stata raffigurata l'obesità nell'arte.
Sovrappeso
Ho un figlio di 8 anni che è in sovrappeso. Ilconsiglio è di affrontare con il Pediatra Curante il problema, analizzando sistematicamente bambino e famiglia.
L'obesità nel bambino
Si definisce obesità quando un bambino/a con un peso superiore al 20% del peso ideale per la sua altezza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
I disturbi del sonno nei neonati e nei bambini
Disturbi del sonno nei neonati: si svegliano parecchie volte di notte. Come facilitare il sonno nei bambini: i consigli del Pediatra.
Sindrome di West
La sindrome di West è una malattia epilettica con esordio nel 1° anno di vita, caratterizzata dalla presenza di spasmi epilettici.
Allattamento artificiale: come faccio a fargli accettare il biberon?
Consigli per far accettare il biberon in corso di allattamento artificiale.
Incompatibilità da RH in gravidanza
L'identificazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh deve essere sempre fatta all'inizio della gravidanza per tutelare la salute fetale.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza