ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Opacità corneale congenita

Una opacità congenita corneale è in genere legata ad un fenomeno disembriogenetico malformativo.

a cura di: Prof. Paolo Nucci (oculista)

Mia figlia (due mesi), è nata con un problema di opacità corneale e coloboma irideo monolaterale (N.d.R.: il coloboma dell'iride è una intaccatura o una fessura congenita presente nella porzione inferiore dell'iride). Visitata in un centro specialistico, ci è stato detto che non vi è altro da fare che attendere i 3/4 anni per effettuare poi un trapianto di cornea. Esistono altre alternative? Se davvero bisogna attendere i quattro anni, cosa possiamo/dobbiamo fare nel frattempo? A quali eventuali sintomi o cambiamenti dobbiamo porre attenzione?

Una opacità congenita corneale è in genere legata ad un fenomeno disembriogenetico (malformativo). La chirurgia del trapianto di cornea nel neonato è francamente complessa e frustrante. In realtà condivido la perplessità dei genitori: l'intervento dovrebbe esser fatto subito (se ne vale la pena) perché a tre anni non avrebbe più la stessa efficacia. Temo però che il procrastinare l'operazione dipenda dagli scarsi risultati ottenibili in questi piccoli pazienti. Suggerirei comunque di valutare in sedazione la presenza di altre malformazioni angolari e la pressione oculare.

30/4/2002

27/10/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Opacità corneale congenita"

Rigetto dopo trapianto cardiaco
Il monitoraggio del rigetto dopo il trapianto cardiaco può essere eseguito per mezzo di indagini non invasive.
Cataratta congenita
E' nata con una cataratta. I consigli dell'esperto su quando effettuare l'intervento.
Atresia biliare
L'atresia biliare consiste in una ostruzione delle vie biliari. Una malformazione congenita del fegato.
Anomalia di Peters
L'anomalia di Peters è una malattia genetica all'occhio. Per effetto di questa malformazione si ha una riduzione della capacità visiva.
Leucocoria: un riflesso bianco nell'occhio
La leucocoria è un termine generale ed in disuso che indica un riflesso pupillare biancastro dovuto a diverse cause.
La cataratta congenita
Come può una mamma accorgersi che il suo bambino ha una cataratta congenita? E' un disturbo più complesso di quanto si creda.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.
Sono spuntati i denti permanenti
Sono spuntati i denti permanenti e quelli da latte non sono ancora caduti.
Misurare la temperatura basale per individuare il periodo fertile
La rilevazione della temperatura basale serve per individuare il momento dell'ovulazione e quindi stabilire il periodo fertile.
Pronazione dolorosa del radio
Ha già subito due pronazioni dolorose. La patologia si risolve spontaneamente entro i 4 anni di vita.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica