ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Quale sport scegliere per i bambini di 3 anni?

Lo sport per un bambino di 3 anni è da considerarsi come progetto educativo e di orientamento per la crescita e lo sviluppo, e non finalizzata alla prestazione e al risultato sportivo.

a cura di: Dott. Gaetano Iachelli (medico sportivo)

La mia bambina ha tre anni e mezzo: le posso già far praticare qualche sport? Eventualmente qual'è il più adatto per la sua età?

L'attività motoria e sportiva è da considerarsi, in età prescolare, come progetto educativo e di orientamento per la crescita e lo sviluppo in salute, e non finalizzata dunque alla prestazione e al risultato sportivo. Il movimento è condizione primaria per la funzionalità del corpo, un linguaggio che consente di esprimere l'interiorità individuale, di raggiungere la soddisfazione del piacere corporeo, di realizzare i propri intenti comunicativi e di interagire con gli altri. Il movimento del corpo è elemento strutturale di ogni sistema relazionale in evoluzione.

Tutto ciò potrà trovare piena realizzazione se verrà esperito dal bambino sotto forma ludica: il gioco infatti ha un ruolo di centralità nella costituzione delle relazioni affettive primarie e nella formazione e sviluppo delle abilità cognitive del bambino. Il gioco permette al bambino di sperimentare gli schemi motori (correre, saltare, afferrare) e mentali, di assimilarli e accomodarli in vista di un miglior adattamento all'ambiente. Il bambino a quest'età sperimenta il gioco non come occasione di apprendimento, bensì in relazione ad un bisogno, quello cioè di ridurre la tensione neuromotoria (e ciò oltre a dargli piacere, ne costituisce la motivazione primaria al movimento). Successivamente il gioco richiede l'introduzione di regole: queste sono fondamentali nella costruzione del pensiero logico e contemporaneamente nella percezione della dimensione sociale del comportamento umano.

Fatta questa debita premessa va detto che la maturazione attraverso l'esperienza psico-corporea del bambino prevede delle fasi graduali di sviluppo fino all'età puberale, dove può avere piena realizzazione l'idea di sport inteso anche come competizione agonistica: fase dell'educazione motoria di base, fase dello sviluppo delle capacità motorie, fase dell'avviamento allo sport. Obiettivo principale dell'educazione motoria di base è lo sviluppo delle capacità senso percettive, uditive, visive, tattili, cinestesiche, delle capacità coordinative, che concorrono a formare nel bambino una corretta percezione dello schema corporeo, una buona lateralizzazione, una motricità generale ben orientata.

Questi obiettivi neuropsichici sono dei prerequisiti fondamentali per l'apprendimento di alcune capacità strumentali scolastiche, quali la lettura e la scrittura, o per l'acquisizione di fondamentali concetti spazio temporali (dentro - fuori, alto - basso, avanti - dietro, prima - dopo) necessari all'orientamento del bambino nello spazio fisico e psichico. Da una buona educazione motoria di base può avere avvio un lavoro di sviluppo di quelle capacità motorie più generali e specifiche, che permettono la padronanza del movimento (nella fase dello sviluppo delle capacità motorie), l'adattamento e la trasformazione dei movimenti in vista di prestazioni fisiche diverse, l'acquisizione di strategie di orientamento, di differenziazione dinamica, di anticipazione motoria, di attenzione e di esecuzione. In tal modo lo sport diventa occasione per sperimentare situazioni emotive particolari (vittorie, sconfitte, esaltazioni, frustrazioni, ansie, divertimento), che, per il loro carattere ciclico, rituale e graduale, diventano strumenti di crescita, di evoluzione, di autostima solo se c'è accanto un istruttore /educatore che aiuta ad elaborare, in un clima agonistico non esasperato, questi vari momenti non solo dal punto di vista tecnico, ma emozionale e mentale. Nella fase di avviamento allo sport infine si realizza l'evoluzione, il perfezionamento o il potenziamento di gesti motori di base.

In conclusione mi sento di sottolineare, in riferimento alla specificità della domanda, che in età prescolare si deve intendere lo sport come un'attività motoria da far praticare ai bambini sotto forma di gioco e nel senso dello sviluppo degli schemi motori di base (correre, saltare etc.). Altresì non esiste ovviamente uno sport migliore di un altro ma un'attività ludico motoria che deve piacere al bambino e che sia adatta alle sue possibilità di apprendimento. Ciò va ovviamente supportato fondamentalmente dalla scelta di un istruttore/educatore in grado di interpretare a fondo tali obiettivi pedagogici.

3/10/2001

29/10/2015

I commenti dei lettori

Salve, il mio bambino ha tre anni e mezzo, ama tanto giocare più di tutto è il pallone anche il campo da calcio, appena li vede si impazzisce. Ha la dimestichezza con il pallone, l'ho portato per la prima volta al campo, si è ben inserito subito con i compagnetti un po' più grandi. Ho ancora dei dubbi, ho fatto bene a portare il campo o no?, perchè mi hanno detto "E' troppo piccolo, perchè la corporatura deve essere ancora sviluppata. Mi può dire qualche suggerimento? Grazie Orazio

Orazio (CT) 31/05/2012

Anche mio figlio va pazzo x il pallone ha 21 mesi,ma già calcia con una certa dimestichezza...non so se il calcio sia il top come sport x loro piccoletti così,forse e meglio il nuoto...magari quando si è liberi dal lavoro lo si porta al campo o al Prato,poi sarà Lucia dire cosa piace di piu

Daniele (RO) 05/10/2013

ciao mio figlio spesso dorme con la palla :-)) se devo essere sincera ho paura del calcio a livello "agonistico" perchè so che ci si fa male parecchio. preferirei il nuoto :-) forse sono troppo apprensiva (giro con uno stick all'arnica sempre in borsa e certe volte pure col ghiaccio spray) :-)))

Stefy (AQ) 17/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Quale sport scegliere per i bambini di 3 anni?"

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Praticare uno sport
Praticare uno sport per un bambino è innanzi tutto una fonte di divertimento e di benessere psichico e fisico.
Attività fisica in gravidanza
Lo sport e una adeguata attività fisica sono consigliabili dall'inizio della gravidanza, almeno come facili esercizi di ginnastica da eseguire tutti i giorni.
Bambini e sport: l'alimentazione nei giorni di allenamento
Per i bambini che fanno sport, nei giorni di allenamento occorre aumentare la quota di alimenti forniti con la prima colazione e con lo spuntino del mattino.
A sei anni non vuole fare nessuno sport
L'attività motoria, soprattutto verso i sei anni, deve avere un carattere essenzialmente ludico. Come convincerlo a fare sport?
Quale sport per farlo socializzare?
L'occasione "sport" per un bambino diventa un insostituibile strumento di crescita che gli consentirà di esplorare e realizzare i suoi bisogni interiori.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte