ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Timpanogramma piatto

Il timpanogramma è un esame che permette di misurare l'elasticità del timpano e dunque la salute dell'orecchio.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Mia figlia di tre anni ha avuto un'infezione all'orecchio un mese fa e la sua pediatra ha suggerito un esame di controllo con l'Otorino. Il risultato di questo controllo ed il seguente esame timpanometrico è che mia figlia ha "il timpano piatto". Il medico ha consigliato una cura di Politzer termali ed aerosol. Cosa vuole dire avere il timpano piatto? Questi cure termali servono veramente?

Il timpanogramma è un esame che permette di precisare il comportamento dinamico dell'orecchio medio sottoposto a variazioni di pressione aerea. Sostanzialmente, possiede una indiscutibile utilità nella diagnosi di alcune malattie dell'orecchio medio e della tuba di Eustachio. Dal punto di vista tecnico, le variazioni di impedenza acustica (cioè l'insieme delle resistenze acustiche del sistema timpano-ossiculare) a cui soggiace lo stesso complesso timpano-ossiculare a seguito di ben definite variazioni di pressione positive e negative vengono rappresentate su di un sistema di assi cartesiani, dando luogo al timpanogramma (cioè ad un tracciato a forma di curva più o meno pronunciata).

Essenzialmente, si distinguono tre tipi di tracciati timpanometrici, più altri due decisamente meno frequenti:

  • Curva di tipo A: è un tracciato che si ottiene esaminando un orecchio normale ed in qualsiasi affezione auricolare che non alteri sensibilmente la membrana timpanica (come nell'otosclerosi o nella discontinuità della catena ossiculare). Assume forma simmetrica e descrive graficamente una V rovesciata.
  • Curva di tipo B: è rappresentata da un tracciato timpanometrico piatto che indica la completa rigidità del sistema timpano-ossiculare come può verificarsi nel glue ear (otite media con effusione), nelle otiti di tipo muco-gelatinoso, adesivo, siero-mucoso ed essudativo, nelle forme avanzate di timpanosclerosi ed in condizioni di anelasticità della membrana timpanica quale esito di pregressi episodi flogistici.
  • Curva di tipo C: è caratterizzata da un tracciato il cui picco si reperta a valori di pressione endotimpanica negativa; questo tipo di tracciato evidenzia una patologia tubarica.
  • Curva di tipo D: è caratterizzata da un tracciato ad andamento a W.
  • Curva di tipo E: è caratterizzata da un tracciato a gobba di cammello.

Dunque, nel caso in oggetto è stato evidenziato un tracciato timpanometrico di tipo B (cioè piatto) e questo depone per un otite non ancora perfettamente guarita, in cui cioè all'episodio acuto verificatosi tempo prima è residuato un versamento endotimpanico. Infatti, generalmente, più il picco del tracciato timpanometrico è arrotondato (o alla fine assente, cioè piatto), maggiore è la probabilità che sia presente un versamento nella cavità dell'orecchio medio. Però tale situazione, (avvalorata dal timpanogramma piatto) a distanza di circa un mese da un episodio di otite media acuta si verifica con una certa frequenza e non rappresenta ancora una condizione necessariamente patologica, tuttavia necessita di controlli clinici ravvicinati (perché può predisporre alla ricadute di otite e determinare danni uditivi) e di un timpanogramma di controllo a distanza di un altro mese. Nel frattempo, può essere utile mettere in atto una serie di accorgimenti atti a ripristinare la pervietà della tuba di Eustachio per agevolare il deflusso delle secrezioni dall'orecchio medio: quindi non solo cure termali, ma anche cortisonici e mucolitici (per via inalatoria) e vasocostrittori nasali.

Per completezza, spieghiamo che il Politzer è di una particolare tecnica terapeutica che consiste nell'insufflare gas solfureo nella cavità timpanica attraverso la manovra di Politzer (deglutizioni a narici chiuse con conseguente aumento della pressione dell'aria nel rinofaringe). In questa maniera si provoca l'apertura della tuba di Eustachio e la conseguente penetrazione del gas nel cavo timpanico.

18/7/2003

10/3/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Timpanogramma piatto"

Insufflazioni endotimpaniche o cateterismo tubarico
Le insufflazioni endotimpaniche (cataterismo tubarico) rappresentano il metodo più valido per portare acqua termale all'interno dell'orecchio.
Drenaggio trans-timpanico
Il drenaggio trans-timpanico è un intervento al timpano: viene posizionato un tubicino di ventilazione per rimuovere il catarro dall'orecchio.
Meningite e difetto dell'udito
La meningite è una grave infezione che colpisce il sistema nervoso centrale e che può essere causata da molti germi diversi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta