Ho 40 anni e sono diabetica dall'età di 15 anni e celiaca dall'età di 35. Avendo una bimba di 19 mesi mi era stato consigliato di non introdurre il glutine fino all'anno e di verificare dopo sei mesi gli anticorpi anti-trasglutaminasi (N.d.R.: gli anticorpi anti-transglutaminasi tissutale umana o tTG sono tipici della celiachia e sono auto-anticorpi diretti contro l'enzima transglutaminasi tissutale, una componente importante della mucosa intestinale). Essendo la bimba cresciuta in altezza e peso durante la dieta libera (sono passati già cinque mesi) devo necessariamente fare gli esami o posso posticipare? Quali possibilità ci sono di trasmettere il diabete o la celiachia?

Gentile signora, può aspettare ad eseguire gli esami a sua figlia, soprattutto se non presenta alcun sintomo che possa suggerire la celiachia. Eseguirei il primo controllo degli esami di sangue all'età di tre anni, possibilmente facendo eseguire anche il test genetico per la celiachia. Se da questo risultasse che la bambina è negativa per i geni DQ2 e DQ8 sarebbe chiuso il discorso del rischio di sviluppare questa patologia. Data la storia familiare, la probabilità che la bambina divenga celiaca è all'incirca del 10%.

Altro su: "Genitore celiaco e diabetico"

E' allergica al latte vaccino
Può esserci una relazione tra l'assunzione di latticini tramite latte materno e il continuo rifiuto delle pappe? I consigli dell'allergologo.
Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
Zucchero nelle urine
Con il termine di glicosuria si intende la presenza di zucchero nelle urine.
Rifiuta la pappa
Da circa un mese abbiamo cominciato a proporgli le prime pappe, ma dopo un discreto inizio ora rifiuta del tutto la pappa.
Al ristorante e al supermercato con un celiaco
Come devo comportarmi quando andiamo a mangiare al ristorante?
Lo svezzamento nel bambino con predisposizione allergica
Nel bambino allergico o predisposto alla allergia, lo svezzamento prevede maggiore attenzione ai tempi di introduzione di carne, pesce, uovo, frutta e verdura.