Come mai nei primi mesi di vita l'unico controllo, oltre a quelle normali del pediatra, si limita solo a verficare con un'ecografia lo stato dell'anca? Non sono previste visite cardiologiche, polmonari, ecc., eseguite con le moderne tecnologie non pericolose per un neonato, quali ecografie, tac o altro?

Per cercare una situazione di malattia, è necessario partire da qualche elemento concreto. In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico. Altrimenti, aumenta la possibilità di ottenere risultati falsamente positivi e di avviare un circolo vizioso di ulteriori controlli.

Questa regola, che non si riscontra nella medicina degli adulti o degli anziani, dipende dal fatto che i bambini normalmente non soffrono di malattie croniche e dunque la possibilità di intercettarne una in un bambino apparentemente sano è inferiore alla probabilità di commettere un errore nell'esame. In altre parole, facendo esami a tappeto nei bambini sani si raccolgono più errori che informazioni. Al contrario, se compare un sintomo significativo, la propabilità di mirare a qualcosa di concreto diventano sufficientemente consistenti da rendere l'accertamento utili e significativo.

Gli screening

Diverso è il discorso degli screening, cioè dei controlli di massa sulla popolazione sana (quale è quello dell'ecografia per la displasia dell'anca o quello dell'ipotiroidismo alla nascita).  Questi, per avere un significato, devono rispondere a precisi criteri di opportunità. In sintesi, si può dire che vale la pena di impiegare risorse in uno screening solo quando:

  • si tratti di patologie serie
  • si tratti di patologie frequenti
  • sia possibile diagnosticarle con certezza con una metodica semplice
  • sia possibile intervenire sul decorso della malattia con un intervento terapeutico precoce
  • i costi del tutto siano compatibili con le risorse (e non siano meglio destinabili altrove).

Nessuno degli accertamenti da lei prospettati risponde a questi criteri: non è quindi opportuno che la sanità pubblica li prenda in considerazione.

Da ultimo, due osservazioni. La TAC è tuttaltro che un esame innocuo (a prescindere dal fatto che è anche molto costoso): essa consiste di una serie di radiografie eseguite a strati e, se la zona interessata è ampia, rappresenta un carico di radiazioni notevolissimo, giustificato solo per un sospetto diagnostico serio.

I bilanci di salute del Pediatra

Le "normali visite" del Pediatra rappresentano invece lo strumento più completo e prezioso attraverso cui la salute del bambino viene garantita e controllata: Con un costo complessivamente molto basso (circa un quindicesimo della spesa sanitaria complessiva pro-capite, cioè di quanto lo Stato spende in sanità per ciascuno di noi: farmaci, ospedali, esami, impiegati delle ASL, ecc.), ai bambini è garantita la continuità dell'assistenza da parte di un professionista specializzato, disponibile in caso di malattia e vigile nel controllo della salute.

Pur con i limiti della generalizzazione, per cui certamente qualcuno può riferire esperienze non positive, tuttavia la Pediatria di famiglia italiana rappresenta un fiore all'occhiello nel panorama non sempre limpido della nostra sanità.

Altro su: "Accertamenti a tappeto e screening"

Urinocoltura e infezione delle vie urinarie
Urinocoltura: a cosa serve e come si esegue.
Gli esami da eseguire in gravidanza
Per monitorare l'andamento della gravidanza sarà necessario fare alcuni esami, alcuni dei quali a carico del Servizio Sanitario Nazionale.
Elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Ipotiroidismo
Il termine ipotiroidismo indica una produzione insufficiente di ormoni tiroidei. Questa situazione può essere congenita.
Screening neonatali
Gli esami che si fanno alla nascita sono importantissimi perché possono evitare, con opportune terapie o con alimentazione particolare, dei gravi problemi.
Controllo della vista
Entrambi i genitori sono miopi. Quale struttura scegliere per un bambino di nove mesi? I consigli dell'oculista.