Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Rimane attaccata al seno anche un'ora

Ad ogni poppata rimane attaccata al seno anche un'ora. Se si tiene attaccata per tanto tempo spende solo energia e prende pochi grammi di latte.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Nostra figlia ha 21 giorni di vita, è allattata al seno e, uscita dall'ospedale con un peso di kg. 3,050, oggi pesa kg. 3,630. La bimba sta bene, però ha il vizio di mangiare ogni due ore al massimo, spesso ogni ora e mezza, e rimane attaccata al seno della madre per un'ora ogni volta. Chiaramente non succhia per tutta l'ora, si può definire pigra mentre mangia, però mangia. Il problema più grosso è la notte, che significa fare tre, a volte quattro, pasti senza poter riposare tra uno e l'altro. Volevamo chiedere un consiglio per come comportarci per fare si che la bimba distribuisca meglio le poppate, o che comunque possa mangiare meno frequentemente.

La bambina è cresciuta in 21 giorni (avrà anche avuto un calo fisiologico) 600 grammi e ancora di più, se consideriamo 100-200 grammi di calo fisiologico dei primi giorni. Quindi sta bene ed il latte che succhia è sicuramente nutriente e le basta. Non è facile dare dei consigli a distanza, ma la bambina si difende bene e chiede a tutte le ore il latte ed ottiene (anche se con vostra fatica) quello che le serve. Se dal vostro messaggio debbo cogliere un possibile vostro errore è quello di tenerla attaccata al seno anche un'ora e mezza.

Questo è un grosso errore. Dobbiamo considerare che per un bambino dei primi mesi, e soprattutto dei primi giorni, il pasto è una fatica e pertanto necessita di un adeguato riposo e sonno. Se si tiene attaccata la piccola per un'ora e mezza nei primi 15-20 minuti si ha un ottimo rendimento e la bimba prende la gran parte del latte che le serve. Quindi spende energia ma ha un buon rendimento. Se si tiene attaccata per altro tempo spende solo energia (acquista stanchezza) e prende pochissimi grammi di latte.

Tutto questo si ripercuote sul pasto successivo. La bambina si sveglia più stanca e anche affamata. All'inizio prevale la fame e poco dopo (quando ancora non ha completato il pasto) prevale la stanchezza e si interrompe. Quindi è costretta a fare molte piccole poppate. Andrebbe adottata la regola di tenerla attaccata per ogni poppata non più di 20 minuti, mettendola poi a riposare.

Queste irregolarità di orario e i pasti ripetuti a tutte le ore sono tipici delle prime settimane, ma poi in genere il bambino prende un orario più preciso. Considerando la crescita, che è sufficiente, posso sconsigliarvi vivamente di fare aggiunte di latte artificiale. Dato che ha il suo preziosissimo latte materno lo sfrutti; per qualche mese bisogna avere pazienza perché il mestiere del figlio neonato è altrettanto difficile da imparare del mestiere della mamma del neonato.