Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Stitichezza nel neonato

La stitichezza del neonato non dipende dalla frequenza delle evacuazioni, quanto piuttosto dallo sforzo ad evacuare, causato dalla eccessiva compattezza delle feci.

Il mio bambino (due mesi e mezzo) allattato esclusivamente al seno, ultimamente soffre un po' di stitichezza (se così si può definire l'assenza di evacuazione per più di due giorni). Ho letto in qualche libro e rivista che difficilmente i bambini allattati al seno soffrono di stitichezza, per cui mi domando se tutto ciò è normale, se c'è qualcosa nel mio latte (dovuto probabilmente a qualcosa che mangio) e soprattutto, cosa posso fare per stimolare l'evacuazione, anche perché durante la poppata il bimbo è molto irrequieto, si stacca spesso dal capezzolo e spinge, ma riesce solo a fare un po' d'aria, con il risultato che, secondo me, non prende abbastanza latte.

La stipsi (stitichezza) non si identifica con una bassa frequenza delle evacuazioni, quanto piuttosto con lo sforzo ad evacuare, che dipende dalla eccessiva compattezza delle feci. Un lattante può scaricarsi diverse volte al giorno oppure una volta ogni 2-3 giorni: se le scariche hanno la giusta consistenza, la cosa non è un problema. Se invece si tratta di vera stipsi (feci dure, caprine; sforzo ad evacuare; ragadi anali con qualche perdita di sangue), allora il bambino va aiutato.

Per qualche giorno può essere sufficiente stimolare l'evacuazione introducendo un sondino rettale nel sederino e muovendolo delicatamente oppure con qualche microclisma. Se il problema persiste, è preferibile utilizzare il lattulosio, cioè uno zucchero da somministrare per bocca (sciroppo o bustine da sciogliere nel latte). Questo zucchero, poiché non viene assorbito, richiama liquidi nell'intestino e rende le feci meno dure. La dose va aggiustata a seconda del risultato ottenuto.

Attenzione, però: può causare meteorismo e peggiorare le coliche gassose. Infine, una osservazione importante: la stipsi del lattante allattato al seno può anche essere un segno che il bambino mangia poco, cioè che la mamma ha meno latte di quanto creda. Per risolvere questo dubbio basta pesarlo: se cresce regolarmente, nessun problema.

Altro su: "Stitichezza nel neonato"

Supposte per la stitichezza
Utilizzare supposte di glicerina o l'ampolla del termometro per stimolare l'ano può essere utile sporadicamente. Non può diventare una pratica abitudinaria.
Stitichezza a sei mesi
Da quando mio figlio ha iniziato lo svezzamento soffre di stitichezza. I consigli del pediatra.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
Stitichezza e allergia al latte
In uno studio di autori italiani sull'allergia alle proteine del latte vaccino è stata confermata l'associazione tra stipsi e proteine del latte vaccino.
Il megacolon congenito
Mio figlio è affetto da mega colon congenito. I sintomi e la terapia chirurgica.
La stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un problema comune in gravidanza. I consigli per risolvere o per attenuare il problema.