La mia bambina di tre anni e mezzo manifesta crisi d'angoscia al momento del distacco, alla scuola materna. Devo insistere o è meglio tenerla a casa? Il disagio si riflette sul sonno notturno, agitato e frequentemente interrotto. Con che cosa posso aiutarla?

Spesso, come in questa situazione, la scuola materna diventa l'elemento perturbatore di un ideale equilibrio della coppia "mamma-figlio". In realtà questa è una coppia molto chiusa in se stessa, e se questo equilibrio è adatto alle esigenze di crescita dei primi sei mesi di vita di un lattante, dopo diventa alquanto limitante, poiché un bimbo ha bisogno, per crescere, di imparare a relazionare con gli altri.

Immagino che la lettrice, non lavorando, venga assalita dai sensi di colpa per i pianti della figlia (e che magari venga anche rimproverata dal marito, dalla suocera e da qualche intima "amica"), e che quindi tenda a minimizzare gli effetti benefici della scuola materna.

Questa bimba ha bisogno, più degli altri, dell'asilo: deve imparare a contenere le sue crisi d'angoscia, deve imparare a trattare con altri adulti e a giocare con i coetanei. E' pacifico che, fino a che piange, non apprezzerà niente di tutto questo. Ma deve imparare anche a smettere di piangere, e a trovare consolazione.

Altro su: "E' angosciata dalla scuola materna"

Integrazione alla scuola materna
Frequenta la scuola materna da tre mesi ma non si è ancora integrato. Non bisogna preoccuparsi perchè certi bambini hanno bisogno di più tempo per socializzare.
Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
Piange all'asilo nido
Il mio bambino frequenta l'asilo nido e le maestre dicono che ha degli attacchi di pianto cercando la mamma. I consigli della psicologa.
Prima di iniziare la materna stava sempre bene
Esistono numerosi motivi per spiegare perchè il piccolo sia più esposto ad episodi infettivi.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Cambiamento dell'asilo nido
Potrà essere traumatizzante per mio figlio di due anni cambiare l'asilo nido?