Sono mamma di una bimba di cinque anni e mezzo che l'anno prossimo dovrà frequentare la 1° elementare. Siamo in procinto di cambiare zona abitativa e avrei pensato di far frequentare alla bimba una scuola più vicina a casa che tra l'altro, al contrario di quella dell'attuale istituto di appartenenza (a tempo pieno), sarebbe a tempo normale, con la possibilità di doposcuola collegato al servizio che offrono le suore vicine alla scuola. Ovviamente in questo modo lei si separerebbe dalle sue amiche di scuola materna con cui ha trascorso ormai tre anni, con alcune delle quali ha legato moltissimo. Il dubbio è appunto su questa separazione e sul nuovo inserimento dal momento che, nella nuova scuola, ovviamente ci saranno già gruppetti di bambini che provengono dalla scuola materna di appartenenza e riguarda  anche egoisticamente la fatica che comporta il dover, come genitore, instaurare nuovi rapporti con le famiglie, cosa che è costata non pochi sforzi in questi anni; e inoltre il dispiacere di "perdere" quelli costruiti fin adesso. Vorrei un vostro parere.

Molto spesso le preoccupazioni di genitori non sono le stesse dei nostri figli. I bambini sono abituati molto più di quanto crediamo al cambiamento e alla novità. Sicuramente sarà cura degli insegnanti che prenderanno in carico la classe di favorire, nella prima parte dell’anno scolastico, una relazione di gruppo tra gli alunni.

E’ uno degli obiettivi che ci si propone nel primo anno di un nuovo ciclo. La presenza nella nuova classe di  gruppi di alunni già provenienti dalla stessa scuola dell’infanzia non è una variabile significativa, e me ne darà ragione, perché loro stessi saranno motivati a conoscere e relazionarsi con altri nuovi amichetti.

Stia molto serena a riguardo e lavori sul fare gruppo come mamme, avete tutte lo stesso obiettivo del benessere dei vostri figli a scuola. Perché poi perdere il contatto con i compagni e i genitori che “lascia”? Pensi invece di organizzare dei momenti di incontro (durante l’anno) a casa, in cui ci si riveda con loro: questo è fondamentale per aiutare la sua bimba a ricordare le esperienze della scuola dell’infanzia e a valorizzare la nuova situazione.

Molto però sta a lei di non trasmettere alla sua piccola le sue preoccupazioni e le sue ansie a riguardo valorizzando invece la novità del nuovo contesto e delle nuove esperienze didattiche che andrà a vivere.
 

 

Altro su: "Passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare"

Non siamo soddisfatti degli insegnanti
Siamo delusi dagli insegnanti di nostra figlia. Il cambiamento di scuola può compromettere il suo equilibrio? Il parere della psicologa.
Andrà al nido il mese prossimo
Inizierà il nido il mese prossimo. I consigli su come prepararlo a questa nuova esperienza.
La maestra chiama "spioni" i bambini
A scuola, mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri per non essere chiamata "spione".
Dovrò lasciare mia figlia di otto mesi per iniziare a lavorare
Come rendere meno traumatico il distacco dalla mamma che deve iniziare a lavorare? I consigli della psicologa.
E' al secondo anno di scuola materna, ma piange al solo pensiero di andarci
Continua a fare i capricci per andare alla materna anche se è al suo secondo anno di scuola.
Non vuole fare il sonnellino
Cosa fare per convincerla a fare il sonnellino alla scuola materna. Devo insistere o lasciar perdere? I consigli dell'esperto.