Vorrei sapere se per un bambino di due anni potrebbe essere problematico cambiare nido dell'infanzia adesso (dopo 5 mesi di assidua frequenza) visto che ho necessità grave di inserire i miei due bambini nella stessa struttura. Potrebbe essere necessario un nuovo inserimento? Avrà problemi a cambiare le maestre? Il bambino comunque non ha mai manifestato difficoltà a frequentare il nido se si tralascia la separazione da me la mattina quando lo lascio per andare al lavoro (ma il pianto dura pochi minuti).

Le difficoltà che può incontrare vostro figlio derivano in parte dall'età: a due anni il bambino si attacca fortemente agli adulti di riferimento. Questo comportamento cambia del tutto dopo i 3 anni. E' assolutamente normale che la perdita dell'insegnante come figura di riferimento sia risentita da vostro figlio.

Non sarebbe tuttavia saggio permettere a vostro figlio di tiranneggiarvi a questo riguardo. Qualora abbiate dei buoni motivi per cambiare struttura, la cosa migliore è farlo senza per questo sentirvi colpevoli nei suoi riguardi. Il fatto stesso che voi genitori siate in ansia per il trauma che può subire, influenza il suo comportamento. I bambini sono estremamente sensibili agli atteggiamenti degli adulti.

Se voi avete fiducia nella maniera di badare al bambino della vostra nuova insegnante, egli si sentirà molto più tranquillizzato. Se avvertirà delle vostre inquetudini, sarà assai probabile che faccia delle scenate. Quindi, se vi comporterete con calma, non lasciandolo interferire nelle vostre esigenze, vi accorgerete che vostro figlio sommonterà questa difficoltà via via che, insieme con l'età, aumenterà la sua maturità affettiva.

 

Altro su: "Cambiamento dell'asilo nido"

È aggressivo alla scuola materna
Un bambino aggressivo alla scuola materna: i consigli della psicologa per aiutare il bambino a risolvere questa situazione.
Mi respinge!
Quando torno a casa la mia bambina mi caccia via e mi respinge piangendo.
La maestra chiama "spioni" i bambini
A scuola, mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri per non essere chiamata "spione".
Convalescenza: quanto deve stare a casa dopo la malattia?
La convalescenza è un periodo di "riposo" dopo una malattia, che consenta al bambino di recuperare le forze. I consigli sulla durata della convalescenza.
Asilo o baby-sitter?
Asilo o baby-sitter: una scelta difficile per la mamma che lavora. I consigli della psicologa.
Inserimento alla scuola materna
Nella sua classe di scuola materna sarà il più giovane. I consigli per l'inserimento.