Secondo voi è importante, o preferibile, scegliere una scuola materna che offra la continuità con la scuola elementare?

Nella mia esperienza di educatrice di scuola materna, sussiste un rapporto di collaborazione con le scuole elementari di zona, un progetto di continuità col quale il bambino viene introdotto alla scuola elementare e l'insegnante accogliente riceve informazioni sulla personalità dei singoli alunni.

Ma immagino che il suo dilemma riguardi l'opportunità o meno di iscrivere il bambino ad una scuola che non faccia parte dell'istituto comprensivo frequentato ora. In un istituto comprensivo pubblico o privato i vari ordini di scuola hanno delle normative, delle strutture organizzative comuni ma, nel momento del passaggio di gradi, si ha una situazione di collaborazione tra colleghi e, così come accade in tutte le scuole, il bambino viene comunque inserito in un nuovo contesto, nuova classe, nuovi insegnanti, nuovi compagni. Non cambia solo l'ubicazione.

Altro su: "Scuola materna, scuola elementare"

Piange all'asilo nido
Il mio bambino frequenta l'asilo nido e le maestre dicono che ha degli attacchi di pianto cercando la mamma. I consigli della psicologa.
Piange perché non vuole andare alla scuola materna
Non vuole andare alla scuola materna e piange. I consigli dello psicologo per aiutarlo nell'inserimento.
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia, dall'atteggiamento di ricerca, curiosità che dimostrano gli adulti.
Non vuole fare i compiti
Frequenta la prima elementare e le maestre dicono che in classe non ha problemi, ma non vuole fare i compiti nel pomeriggio.
Dovrò lasciare mia figlia di otto mesi per iniziare a lavorare
Come rendere meno traumatico il distacco dalla mamma che deve iniziare a lavorare? I consigli della psicologa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.