Mio figlio ha 18 mesi ed è un bambino sano e allegro. Purtroppo non è rientrato nelle graduatorie per l'asilo nido, quindi ci siamo organizzati con baby-sitter (per la mattina e il pranzo) e nonni. Raramente vede bambini della sua età (non più di una-due volte al mese) e in quelle occasioni manifesta entusiasmo e curiosità, ma anche comportamenti "aggressivi": toglie i giochi agli altri bimbi, spinge o tira i capelli. Il Comune ci ha comunicato che ci sono dei posti disponibili per gli Spazi Gioco, strutture dove i bimbi stanno massimo 4-5 ore, dal lunedì al venerdì, senza spazi per il sonno o per la pappa, ma con le educatrici che li fanno giocare e socializzare.
La mia domanda è questa: mi consigliate di mandare il piccolo agli Spazi Gioco?
È importante per il suo sviluppo intellettivo e sociale?
Non mandarcelo potrebbe rendere più difficili i suoi rapporti con gli altri bambini al momento di andare alla scuola materna?
Per noi adesso significherebbe stravolgere la routine quotidiana, ormai consolidata da diversi mesi, ma siamo disposti a farlo se per lui fosse importante.

Spingere e strappare i giochi di mano è un comportamento normale per quell'età e usuale anche oltre i 2-3 anni. Può darsi che la frequenza di una struttura sociale possa anche non incidere in maniera rilevante sotto questo aspetto, ma sicuramente il relazionarsi coi coetanei è comunque importante. Frequentare gli spazi gioco è sicuramente positivo, per lui e per i genitori, che hanno la possibilità di confrontarsi con educatori e altri genitori.

Non so qual'è la realtà della tua città, ma nella mia, in questi spazi, è previsto anche un supporto psicologico per le quotidiane problematiche dei bambini. Se però la frequenza implica problematiche nella quotidianità, non dimentichiamoci che anche i vecchi e cari "giardinetti" sono degli ambienti altamente socializzanti.

Altro su: "Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco""

L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Al nido, comunque!
Mandarlo all'asilo nido anche se la mamma è a casa può essere una saggia decisione.
Scuola materna o nido
Mio figlio ha un ritardo nel linguaggio e preferirei che frequentasse ancora un anno di asilo nido, prima di mandarlo alla materna. I consigli della psicologa.
Piange perché non vuole andare alla scuola materna
Non vuole andare alla scuola materna e piange. I consigli dello psicologo per aiutarlo nell'inserimento.
E' angosciata dalla scuola materna
Questa bimba ha bisogno, più degli altri, dell'asilo: deve imparare a contenere le sue crisi d'angoscia.
Asilo nido o baby-sitter?
È meglio cercare una baby-sitter e aspettare che il bimbo sia un po' più grande e mandarlo all'asilo nido? I consigli della psicologa.