Sono la mamma di un bambino di 3 anni e tre mesi; il mio problema è che vengo continuamente richiamata dalle insegnanti della materna perchè il piccolo picchia gli altri bambini, anche quelli più grandi senza motivo, (per le insegnanti) o perchè non riesce ad esprimersi ancora chiaramente. Il problema che fuori dall'ambito della materna non picchia nessuno; a volte con fatica io e il papà  riusciamo a farci spiegare l'accaduto e il piccolo ci dice che anche gli altri bambini lo picchiano e/o lo fanno piangere (torna spesso a casa con lividi e grafi), ma non ci dice più nulla, nè chi sono i bambini o altro. L'ho riferito alle insegnanti, ma purtroppo loro vedono solo lui che picchia e il bambino non gli dice il motivo. Avrei bisogno di un consiglio. Anche perchè il bambino è molto solare e vivace.

La situazione che descrive sembra comportare un disagio a diversi livelli, sia nel vostro bambino, sia in voi come genitori sia nel rapporto di entrambi con la scuola materna. Può essere utile a questo punto lavorare su due fronti, cioè con la scuola e con il bimbo.

Rispetto alla scuola potrebbe essere d'aiuto un confronto con le educatrici, in modo tale da non instaurare un circolo vizioso per cui loro percepiscono il vostro piccolo come "il problema" mentre voi siete portati a difenderlo; questo aiuterà anche vostro figlio nel percepirsi supportato da mamma e papà ma anche capito e considerato dalle maestre, e non esposto alla possibilità  di non essere creduto.

Per quanto riguarda il bambino, c'è da dire che a partire dai due anni, e per un periodo variabile da bambino a bambino, i piccoli affrontano le loro prime scoperte, sia rispetto a se stessi sia al mondo esterno e spesso alcuni comportamenti che agli adulti possono apparire aggressivi possono essere in realtà orientati soltanto all'affermazione di sè e alla sperimentazione delle proprie capacità.

Se un bambino "picchia" o morde i compagni spesso l'istinto aggressivo non è la motivazione che spinge primariamente quel comportamento ed è importante considerare anche questi aspetti.

Ciò non toglie che con lo sviluppo cognitivo ed emotivo l'aggressività inizi ad essere sperimentata e canalizzata in azioni specifiche, quali appunto il picchiare, lo spintonare o il mordere; in situazioni come queste ultime è importante che i bambini imparino a capire che la conseguenza di un atto aggressivo compiuto su un altro crea un danno, fa male a chi lo riceve.

In considerazione della variabilità delle situazioni caso per caso, per affrontare e risolvere al meglio la vostra difficoltà, potreste consultare un professionista che vi aiuti a fare chiarezza e comprendere soprattutto quali siano i vissuti del vostro bambino, che probabilmente al momento vive la scuola materna come un ambiente per lui difficile da gestire, sia per il rapporto con i compagni sia per la relazione con le educatrici.

In bocca al lupo e un cordiale saluto
 

Altro su: "Aggressività alla scuola materna"

Inserimento graduale alla scuola materna
L'inserimento graduale alla scuola materna può disorientare una bambina già abituata all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Pro e contro l'asilo nido
La scelta di mandare all'asilo nido bambini anche molto piccoli è un'esigenza "moderna". I consigli del Pediatra.
Tampone faringeo a scuola: contro la scarlattina
Perché questo test all'ingresso alla materna? Serve a prevenire la scarlattina e altre infezioni da streptococco.
Piange all'asilo nido
Il mio bambino frequenta l'asilo nido e le maestre dicono che ha degli attacchi di pianto cercando la mamma. I consigli della psicologa.
Non vuole più andare alla scuola materna
Dopo le vacanze di Natale, il bambino non ha più voluto saperne di andare a scuola con un deciso comportamento di rifiuto! Come risolvere questa situazione.
Piange all'asilo nido
Il mio bambino frequenta l'asilo nido. Alla mattina il momento del distacco è sempre difficile, ed i pianti sono di routine.