L’influenza decorre nella maggior parte dei casi senza complicazioni, che sono comunque curabili. Tuttavia in alcuni gruppi di età (anziani e bambini sotto i 2 anni) la probabilità di sviluppare complicazioni è più elevata, con un consistente aumento delle richieste di assistenza medica sia sul territorio che a livello ospedaliero.

L’influenza può essere pericolosa quando colpisce persone che per le loro non buone condizioni di salute (ad esempio malattie respiratorie croniche, disturbi cardiaci e renali, diabete, sistema immunitario indebolito) sono più suscettibili e possono subire una riacutizzazione o un aggravamento della loro malattia di base oppure sviluppare complicazioni a carico dell’apparato respiratorio.

L'influenza può quindi complicarsi con una sovrainfezione batterica, cioè con una malattia localizzata causata da un batterio (un germe diverso dal virus influenzale), che sfrutta l'indebolimento generale per svilupparsi. Le complicazioni più frequenti sono:

  • broncopolmonite;
  • otite media, cioè l’infezione dell'orecchio medio (la parte dell’orecchio che sta al di là del timpano);
  • sinusite, cioè l’infezione dei seni paranasali (cavità all'interno delle ossa del cranio e della faccia).

Altro su: "Le complicazioni dell'influenza"

Vaccinazione antiinfluenzale
La vaccinazione anti-influenzale va riservata a quei bambini che presentano patologie croniche. Cosa consiglia il pediatra.
Farmaci contro il virus dell'influenza
Sono in commercio in Italia tre farmaci contro il virus dell'influenza.
A cosa serve la tosse
La tosse è un importante meccanismo di difesa per liberare le vie respiratorie.
Si può allattare con l'influenza?
L'influenza non è una controindicazione all'allattamento. Si può ridurre il contagio mentre si allatta mettendo una mascherina.
Mi consigliate il vaccino antinfluenzale?
Mi consigliate il vaccino antinfluenzale? Mio figlio di sei anni non ha particolari problemi.
Come si fa il vaccino contro l'influenza
Il vaccino contro l'influenza viene somministrato attraverso un'iniezione intramuscolare nella coscia o nel braccio.