Le vitamine sono un gruppo eterogeneo di composti chimici essenziali per le normali funzioni del nostro organismo. Per lungo tempo sono state considerate prodigiose fonti di crescita e di benessere e anche attualmente mantengono una grande “fama” che induce a un loro largo impiego soprattutto nei bambini.

A differenza delle proteine, dei grassi e degli zuccheri che sono necessari in quantità notevoli e forniscono calorie, le vitamine sono necessarie in quantità piccolissime e non apportano calorie.

La maggior parte delle vitamine deve essere introdotta con gli alimenti, in quanto l’organismo non è in grado di sintetizzarle. Alcune vitamine però possono essere prodotte dai batteri che normalmente risiedono nell’intestino oppure possono provenire dalla trasformazione di precursori presenti nell’organismo.

Le vitamine si suddividono in due grandi gruppi:

  • liposolubili (cioè si sciolgono in presenza di grassi): vitamina A, D, K, E
  • idrosolubili (cioè si sciolgono in presenza di acqua): vitamina C, vitamine del complesso B.

Oltre che per la solubilità, i due gruppi di vitamine si differenziano per alcune caratteristiche. Infatti le vitamine liposolubili:

  • vengono immagazzinate abbondantemente nell’organismo, soprattutto nel fegato
  • i sintomi della loro eventuale carenza si manifestano lentamente e subdolamente
  • vengono eliminate scarsamente; quindi se somministrate a lungo e/o in dosi elevate, possono causare fenomeni di “intossicazione vitaminica”.

Le vitamine idrosolubili invece:

  • non vengono immagazzinate nell’organismo o lo sono assai limitatamente
  • l’eventuale loro carenza si manifesta rapidamente
  • vengono eliminate con le urine e quindi di solito non possono dar luogo ad una intossicazione vitaminica.

Attualmente le gravi carenze di vitamine esistono soltanto nei paesi in via di sviluppo, come manifestazioni di uno stato di malnutrizione globale. Nei paesi industrializzati come l’Italia si possono verificare stati carenziali lievi, dipendenti soprattutto dal tipo di alimentazione condizionata dalla società industriale (cibi conservati o precotti, frutta maturata artificialmente, ecc.). Queste situazioni si presentano in genere con perdita dell’appetito, stanchezza, irritabilità e anche perdita di peso.

Altro su: "Le vitamine"

La vitamina B6
La vitamina B6, detta anche piridossina, è idrosolubile, cioè si scioglie in acqua.
Lo iodio
Lo iodio si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. Buone fonti sono il pesce l’aglio, i fagioli, le zucchine bianche, le bietole e le cime di rapa.
Vitamine e gravidanza
E' utile integrare l'alimentazione della mamma in gravidanza con vitamine e sali? I consigli del pediatra.
Bambini al sole, con prudenza!
Il sole è un amico dei bambini favorendo la calcificazione delle ossa, perché attiva la vitamina D presente sulla pelle.
Consigli di puericultura per il neonato
Post parto e neonati: proponiamo alcuni consigli di puericultura per facilitarne il compito nei primi mesi di vita del neonato.
Dare vitamine con l'antibiotico?
Dare vitamine con l'antibiotico è una vecchia ed inutile abitudine.