Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Interpretazione del Prist e del Rast

Prist e Rast sono due sigle utilizzate per individuare due esami effettuabili sul siero del paziente, con lo scopo di individuare la presenza di elevati livelli di IgE totali o di IgE specifiche.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Interpretazione del Prist e del Rast In seguito ad alcuni episodi asmatici di mio figlio di 18 mesi, il pediatra gli ha prescritto alcuni esami da fare tra cui il Prist e il Rast. Dagli esiti di detti esami è risultato che il Prist è abbastanza elevato (150 è il valore) ma il Rast è negativo per tutto tranne una leggera positività per il bianco d'uovo. In attesa di riconsultare il mio pediatra potreste per favore spiegarmi cosa valutano esattamente il Prist e il Rast e come mai uno (il Prist) risulta alto e l'altro (il Rast) praticamente negativo?

Prist e Rast sono due sigle utilizzate per individuare due esami effettuabili sul siero del paziente, con lo scopo di individuare la presenza di elevati livelli di IgE totali (Prist) o di IgE specifiche verso i vari allergeni (Rast). Le IgE sono gli anticorpi tipici della reazione allergica di tipo I, reazione responsabile delle manifestazioni respiratorie (rinite, asma) e cutanee (orticaria, angioedema).

Il livello delle IgE totali può essere influenzato, oltre che dalla presenza di allergia, anche da altri fattori quali alcune infezioni virali. Pertanto il valore del Prist è considerato come un elemento generico ed è solo un indice grossolano della presenza o assenza di allergia. Spesso capita che bambini allergici abbiano le IgE totali basse o che bambini sani abbiano le IgE totali elevate. Il Rast è più specifico, ma anch'esso è influenzato da alcuni fattori, quali: l'assunzione di farmaci cortisonici (test falsamente negativo) o la presenza di elevati livelli di IgE totali superiori a 1000 U.I. (test falsamente positivo).

E' sempre preferibile affiancare a questi esami l'effettuazione dei prick test (prove allergiche cutanee) che, a differenza di quanto si crede, sono più sensibili. Questa maggiore sensibilità determina che un prick-test per un allergene si positivizza precocemente rispetto al Rast. Nel suo caso è necessario praticare i prick test, soprattutto per il bianco d'uovo, in modo da verificare se quella debole positività può corrispondere ad una reale allergia alimentare.

Altro su: "Interpretazione del Prist e del Rast"

Il prick test è risultato positivo
Il prick test positivo indica la presenza nel paziente di anticorpi specifici (IgE) per quell'antigene alimentare testato.
Le prove allergiche
Ha avuto una reazione dovuta all'antibiotico. Sono pericolose le prove allergiche? I consigli dell'allergologo.
Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
La lingua a carta geografica
La lingua "a carta geografica" è spesso messa in relazione con l'allergia alimentare, ma nella maggior parte dei casi si tratta di un fenomeno costituzionale.
Esami con risultati contraddittori
Si possono verificare con frequenza esami con risultati contraddittori di Rast e prick test con risultati contraddittori.
Test per allergie e antistaminico
Quanti giorni devono passare perché i test siano validi? I consigli dell'allergologo.