Mio figlio di sette anni ha sempre il naso chiuso. A cosa attribuire tale disturbo? Che accertamenti eventualmente mi consigliate di fare?

Il problema di suo figlio, pur essendo molto fastidioso, è frequente e risolvibile. Potrebbe comunque esserle utile sapere quali altre caratteristiche di questo disturbo è opportuno notare e segnalare al suo pediatra. E' sempre utile, in presenza di un disturbo persistente o recidivante, compilare un "diario" che ci potrà permettere di notare delle associazioni o coincidenze che talora possono sfuggire pur essendo importanti.

Il bambino può avere il naso sempre chiuso, però ci saranno dei momenti della giornata in cui il fastidio è maggiore (quando cambia ambiente: casa, scuola, giardino?, oppure durante alcune attività: pulizie domestiche, cotture dei cibi?, o ancora solo in alcune ore della giornata) oppure ci sono ambienti o giorni o periodi dell'anno duranti i quali il fastidio diminuisce. Se il bambino presenta frequenti starnuti possiamo anche notare se vi è uno stimolo che più frequentemente causa lo starnuto. La presenza di animali in casa va segnalata.

E' importante osservare come dorme il bambino, se respira rumorosamente o russa, se presenta ripetuti risvegli notturni, se ha l'alito pesante quando si sveglia al mattino, se presenta mal di testa. Le caratteristiche di una eventuale secrezione nasale, mucosa o giallastra o in alcuni casi maleodorante, possono aiutare a spiegare il disturbo: alcune volte è solamente una narice a presentare una secrezione giallastra e/o maleodorante (questo è un segno abbastanza caratteristico della presenza di un corpo estraneo che nei giorni precedenti il bambino ha introdotto nel naso).

Infine è molto importante prendere in considerazione le medicine che sono state date al bambino, il loro effetto positivo o negativo non dimenticando le gocce nasali e gli eventuali prodotti che non necessitano di ricetta medica, come mentolo ed eucaliptolo o simili, che vengono applicati sotto il naso o sul torace del bambino oppure aggiunti all'acqua dell'umidificatore e che possono a volte essere proprio loro responsabili di eventuali fastidi.

Non ultima per importanza è l'eventuale esposizione passiva al fumo di tabacco che sicuramente peggiora qualsiasi malattia delle vie respiratorie. Sono convinto che il pediatra che si prende cura del suo bambino potrà, con il suo aiuto, affrontare il problema e risolverlo anche chiedendo quegli accertamenti o quelle consulenze specialistiche che si rendessero necessari.

Alcune volte i genitori non si accorgono che anche per risolvere un piccolo problema è necessario che il pediatra conosca il bambino e la sua famiglia (il naso non è un pezzo difettoso da riparare ma fa parte di TUTTO il bambino e così il bambino fa parte di quella famiglia e di quell'ambiente). Per capire e curare un disturbo o un disagio è fondamentale questa visione complessiva altrimenti il problema diventa di difficile soluzione e non si riesce a realizzare quella alleanza tra la famiglia ed il pediatra che garantisce le migliori possibilità di salute per quel bambino.

Altro su: "Ha il naso sempre chiuso"

Epistassi: il sangue dal naso
Il sangue dal naso: l'epistassi è un disturbo molto comune nell'infanzia.
Naso chiuso
Un organo molto importante: ci permette di ricevere ossigeno e funge da filtro naturale per l'organismo.
Il raffreddore nei bambini
Il "raffreddore comune" è una malattia infettiva acuta, molto frequente nei bambini, causata prevalentemente dai Rinovirus.
Naso chiuso nel neonato
Per un neonato avere il naso chiuso rappresenta un problema importante perché può disturbare l'allattamento e il riposo notturno. Come migliorare i sintomi.
Anosmia: non sente gli odori
La forte diminuzione fino alla scomparsa della sensibilità olfattoria è chiamata in termine medico "anosmia".
Uso del rinowash
Il mio bambino soffre di naso chiuso. E' consigliabile l'uso di rinowash al posto dell'aerosol ad ultrasuoni? I consigli dell'allergologo.