Vorrei sapere qualcosa sul soffio al cuore. Mia figlia Cristina ha nove mesi e le hanno diagnosticato un soffio di 2/6. Potrei saperne di più?

Il soffio cardiaco è causato dalla turbolenza del flusso sanguigno all'interno del cuore. È un reperto auscultatorio, cioè si evidenzia all'auscultazione del torace. Il timbro, l'intensità e la localizzazione ne definiscono la causa anatomica. I soffi cardiaci possono essere classificati in soffi sistolici (la sistole è la fase di contrazione del muscolo cardiaco) e in soffi diastolici (la diastole è la fase di rilasciamento del muscolo cardiaco).

L'intensità dei soffi cardiaci è graduata in una scala da 1 a 6: appena percepibile; media intensità; forte ma senza fremito (il fremito è un reperto palpatorio apprezzabile con la mano senza stetoscopio); forte con fremito; molto forte, ma che ancora necessita dello stetoscopio appoggiato al torace per essere udito; così forte che il soffio può essere udito con lo stetoscopio staccato dal torace. I soffi cardiaci possono essere significativi per cardiopatie congenite, ma molti soffi non sono associati ad anomalie: questi soffi vengono definiti funzionali o normali o insignificanti o innocenti.

Il 30% dei bambini può presentare un soffio innocente e questa percentuale aumenta quando l'auscultazione è effettuata in circostanze come l'esercizio fisico, la febbre, l'ansia, le infezioni. Il soffio innocente è sistolico, eiettivo, a media frequenza, vibratorio, relativamente breve, meglio udibile al margine medio-inferiore dello sterno (osso centrale del torace) e non ha irradiazioni. Frequentemente risuona come la vibrazione di un diapason; si attenua nella posizione seduta. È importante offrire una completa rassicurazione ai genitori circa l'importanza di un soffio sistolico innocente: questo reperto è di "normalità" e non deve influenzare il tipo di educazione e la vita del bambino. Il soffio innocente è solo un "rumore": può scomparire come può rimanere in modo permanente.

Altro su: "Soffio al cuore"

Trasposizione delle grandi arterie
La trasposizione delle grandi arterie è una malattia relativamente frequente caratterizzata da un inversione delle grandi arterie che nascono dal cuore.
Cianosi
La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti.
Aritmia sinusale
Il termine "aritmia" si riferisce in generale ai disturbi della frequenza cardiaca, del ritmo cardiaco.
Coronarografia
La coronarografia permette di visualizzare le arterie del cuore.
Rigetto dopo trapianto cardiaco
Il monitoraggio del rigetto dopo il trapianto cardiaco può essere eseguito per mezzo di indagini non invasive.
Controllo chirurgico dopo valvuloplastica
Dopo una valvuloplastica è opportuno uno stretto controllo chirurgico per valutare l'evoluzione della stenosi residua.