ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

L'igiene della casa

La casa può essere causa di infezioni per i nostri bambini. Per evitare danni peggiori bastano piccoli accorgimenti quotidiani per mantenere l'igiene.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Nel primo anno di vita un bambino è più esposto di un adulto alle infezioni che, in alcuni casi, possono essere provocate anche dall’ambiente domestico. Il sistema immunitario di un bebè, cioè di difesa nei confronti dell’aggressione di batteri, virus, funghi ed altri agenti patogeni, necessita all’incirca di un anno per essere messo a punto. È necessario perciò che l’ambiente in cui vive il piccolo sia tenuto ben pulito, perché l’igiene rappresenta la prima barriera contro gli agenti infettivi. È importante che anche i genitori contribuiscano, con il loro comportamento, a mantenere igienicamente sicuro l’ambiente della casa: bastano semplici abitudini come lavarsi le mani non appena si è tornati a casa, usare ognuno il proprio asciugamano, evitare di mettersi in bocca il succhiotto del lattante o le posate che usa per mangiare la pappa.

La cucina ed il bagno

Sono soprattutto la cucina ed il bagno che richiedono un’attenzione particolare poiché il caldo e l’umidità che sempre caratterizzano queste stanze, uniti ad una più facile presenza di germi (biancheria sporca in attesa di essere lavata, frutta e verdura appena acquistata e ancora da lavare) rappresentano un facile terreno di coltura per lo sviluppo di diversi agenti infettivi.

Tutti i giorni occorre dapprima passare un panno inumidito di acqua sul lavello, sul piano di lavoro, sulle piastrelle e sui sanitari. Successivamente vanno usati i detergenti specifici, lasciandoli agire per almeno 30 minuti e risciacquando poi abbondantemente con una spugnetta e, per quanto riguarda il pavimento, con uno straccio bagnato. Infine tutte le superfici vanno asciugate con un panno pulito. Per le pulizie particolari (ad esempio quando in casa vive una persona ammalata) i migliori detergenti e antimicrobici sono sicuramente le soluzioni a base di ipoclorito di sodio come la candeggina o la comunissima ed economica varechina (da diluirsi in ragione di 30 ml per litro di acqua); occorre però avere l'avvertenza di non usare questi prodotti su superfici metalliche e neppure insieme ad acidi o prodotti che li contengono (ad esempio i disincrostanti per i water) perché possono sviluppare vapori tossici.

Una buona azione disinfettante la possiede anche l’alcool denaturato che tuttavia, evaporando rapidamente, è più indicato per la disinfezione di piccoli oggetti quali pinzette o forbicine. Le spugnette e i diversi tipi di panni di pulizia vanno rinnovati molto frequentemente e tenuti ben distinti nella loro destinazione d’uso tra cucine e bagno. Il ricambio dell’aria Un’altra abitudine importante è il ricambio dell’aria poiché, negli ambienti chiusi, essa può essere veicolo per la trasmissione di germi patogeni di malattie contagiose (come l'influenza o il raffreddore) contenuti nelle minuscole goccioline di saliva emesse da una persona ammalata con i colpi di tosse, gli starnuti o persino nel corso di una normale conversazione. Nelle stanze della casa l’aria va cambiata più volte al giorno, anche nel periodo invernale. Appena possibile, soprattutto quando inizia la bella stagione e non esiste più il problema del freddo, è bene far entrare il sole che, con i suoi raggi ultravioletti, è in grado di sterilizzare l’aria. Occorre ricordarsi, se si usano condizionatori d’aria, di pulire periodicamente, secondo le istruzioni del fabbricante, il filtro che, in caso contrario, potrebbe diffondere nell’ambiente agenti patogeni di vario tipo.

La camera del bambino

La cameretta del bambino va pulita tutti i giorni poiché è la stanza della casa in cui trascorre la maggior parte del suo tempo. La pulizia deve essere accurata ed eseguita non in presenza del piccolo, perché la polvere che si solleva durante le varie operazioni potrebbe infastidirlo. I mobili vanno spolverati tutti i giorni con un panno pulito elettrostatico che trattiene la polvere senza sollevarla nell'ambiente e l’aspirapolvere va regolarmente passato sul pavimento. A giorni alterni è consigliabile passare per terra uno straccio pulito inumidito con un po’ di alcool, infilandolo bene negli angoli e sotto il lettino, lavando poi il pavimento con un detergente specifico. Gli specchi ed i vetri delle finestre vanno sempre tenuti ben puliti, spolverandoli tutti i giorni con un panno morbido, perché attraggono in modo irresistibile il bambino che facilmente vi appoggia le manine e la bocca: vanno perciò evitati i detergenti forti usando, almeno una volta alla settimana, detergenti neutri, sciacquando poi abbondantemente il tutto e asciugando molto bene. Il fasciatoio e la vaschetta per il bagnetto Il materassino del fasciatoio va passato con un panno inumidito di alcool, ad ogni cambio di pannolino, in modo da eliminare eventuali residui di sporco.

Occorre poi, tutti i giorni, pulire il supporto (generalmente di plastica o di legno) utilizzando i prodotti specifici per il materiale di cui è composto. Dopo ogni bagnetto occorre sciacquare la vaschetta con acqua calda, versando una quantità moderata di un blando disinfettante, lasciandolo poi agire per una mezz’oretta. Successivamente si passa una spugnetta inumidita e si risciacqua il tutto abbondantemente con acqua calda. Si lascia asciugare all’aria per alcuni minuti e poi si passa un panno asciutto sulla parte interna della superficie in modo da eliminare le tracce di bagnato poiché l’umidità residua potrebbe favorire l’annidamento e la proliferazione di agenti patogeni. La vaschetta va infine riposta rovesciata fino alla volta seguente, in modo da proteggerla dalla polvere, possibilmente riposta in un armadio.

31/8/2001

1/1/2000

I commenti dei lettori

Per fare tutto ciò che è suggerito per l'igiene della casa servirebbe che la mamma non lavori e che il bimbo sia accudito da un'altra persona. Qualche suggerimento più praticabile con delle frequenze accettabili?

Tiziana (AN) 15/10/2010

per fare tutto ciò ogni giorno, la giornata dovrebbe durare 48 ore o bisognerebbe farsi clonare! Sono esagerate esagerazioni.

mayah 30/10/2011

Mi sembra che le indicazioni date nell'articolo siano un pò esagerate! Concordo sulla pulizia della casa che deve sempre essere fatta in modo accurato e particolare quando c'è un bimbo ma senza esagerare altrimenti come se li fa gli anticorpi???????

Chiara (MI) 30/01/2012

Decisamente impossibile se lavori tutto il giorno fuori casa e non hai la colf!

Lisa (MB) 01/02/2012

Purtroppo si è un po' perso il senso della pulizia e ci si dimentica che la mancanza di igiene può portare a malattie e disagi anche gravi.

Franco (MO) 24/02/2012

Capisco l'igiene,mq secondo l'articolo bisognerebbe stare a pulire 25 ore al giorno...

Lorenzo (UD) 07/03/2012

mi sembra francamente eccessivo. e poi l'eccessiva pulizia non facilitava le allergie? come sempre il giusto sta nel mezzo.

Fabiana (NA) 13/09/2012

io sono una nonna e sinceramente alcune risposte mi lasciano perplessa forse perche sono cose che in meno di una ora e mezza si riescono a fare senza stramazzare

ornella (MI) 07/12/2012

Io non sono ne nonna e ne mamma, sono sposata, lavoro tutto il giorno e le pulizie cosi le faccio da anni...non è difficile basta organizzarsi!

28/02/2013

Credo anch'io che il giusto stia nel mezzo, e comunque e' praticamente impossibile combattere con qualcosa che è invisibile, verrebbe un esaurimento a chiunque bisognerebbe togliere le scarpe prima di entrare a casa noi e gli ospiti distribuire dei gel disinfettanti per la casa e far diventare l'ambiente stesso una gabbia chimica a furia di pulire e sterilizzare. e' una battaglia persa... forse chiuderci in un'ampolla e stare sotto vetro!

Linda (LE) 07/03/2013

salve io sono una mamma, matteo, il mio bimbo ed è il mio primo figlio. Sinceramente non sono daccordo con alcuni di questi commenti e i consigli del pediatra non sono affatto eccessivi. In effetti sono i fondamentali dell'igiene quelli che ha suggerito il dottore. Io lo faccio tutti i giorni e mio marito qndo torna a casa la sera toglie subito le scarpe e lava le mani. Ma è una cosa che ha sempre fatto anche qndo nn avevamo il piccolo. Tutto sta nell'organizzarsi. Anche la mia mamma, ricordo, che qndo mio fratello era piccolo faceva lo stesso e aveva anche me e mia sorella bambine. Non c'è da esaurirsi, perchè lo fai per il benessere della tua famiglia.

maria (NA) 28/03/2013

buongiorno sono mamma di due bimbi...5 anni e 5 mesi...sono tornata a lavorare..la casa e' sempre pulita e ordinata (anche se non ho alcun tipo di aiuto), togliamo le scarpe e laviamo spesso le mani...ma chissà perchè anche nelle famiglie un po' piu'"pigrone" e magari con animali che sbavucchiano in giro i bambini crescono senza alcun problema legato alla scarsa igiene..forse non esistono regole..ma per me accogliere un neonato con rispetto e amore è anche questo: fargli trovare un ambiente sano!

sabrina (IM) 13/05/2013

Noi non entriamo mai in casa con le scarpe, da sempre!!! Come cultura!!!! Ma alcune cose mi sembrano eccessive..come passare alcool a ogni cambio pannolino...tutti e disinfettare tutti i giorni... Cmq ognuno fa come crede.

Alice (PA) 20/06/2013

che assurdità....poi non si dice che troppa pulizia fa male? io ho una bimba di sei mesi e preferisco passare il tempo con lei che perderlo a fare tutte quelle pulizie inutili ! ma scherziamo?? ma l'articolo lo ha scritto qualcuno che lavora nel settore dei detersivi?

barbara (VA) 15/07/2013

la mia bambina ha 14 mesi e non si è mai ammalata x la casa sporca bisogna organizzarsi e non trascurare mai la casama nemmeno trascurare i propri figli x pulire....

francesca flore (OL) 30/08/2013

Quando è nato il mio bambino mi stavo esaurendo tra l'allattamento, la mancanza di sonno e le pulizie. Non c'è solo da pulire ci sono anche lavatrici da fare, soprattutto con un bimbo col reflusso. Quando ha iniziato a gattonare non parliamone, ero sempre con spugna e alcool in mano! Va a finire che non ti godi il tuo bambino, sei già abbastanza stressata per il cambiamento che l'arrivo di un bimbo comporta e tuo marito (che in casa non ti aiuta) ti dà della pazza maniaca. Credo che la verità stia nel mezzo, o hai un bimbo che mangia e dorme e le nonne che aiutano o i pavimenti e i vetri basta farli una volta a settimana. Sono d'accordo sulla disifenzione quotidiana di giochi, fasciatoio e vaschetta del bagnetto. Va a finire se non che appena mettono il naso fuori casa il primo germe che gira se lo prendono e si ammalano subito.

Letizia (BS) 04/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "L'igiene della casa"

L'igiene nel parto
Il tempo dell'infanzia. L'igiene nel parto attraverso l'arte e la cultura.
Igiene dentale
Ecco un'indice veloce sulle più comuni precauzione per l'igiene dei nostri denti.
Il libro Bambini nel tempo di Ian McEwan
Un libro che parla dell'incessante dialettica fra l'adulto e il bambino che vivono in ognuno di noi: "Bambini nel tempo" di Ian McEwanci.
Cure di bellezza in gravidanza
La donna in gravidanza guadagna in bellezza: per il boom ormonale, lo sguardo è più luminoso, la pelle è più liscia, i capelli sono più folti.
Norme igieniche da adottare con un neonato
I genitori devono adottare semplici norme igieniche prima di prendersi cura del neonato.
La trasmissione di carie tra madre e figlio
La carie è infettiva, e spesso è la saliva di mamma a trasmetterla al bambino. E' importante migliorare l'igiene orale della mamma.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte