ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Il taglio cesareo

Il taglio cesareo consiste nel far nascere il bambino attraverso un'incisione chirurgica nelle pareti dell'addome e dell'utero.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Il taglio cesareo consiste nel far nascere il bambino attraverso un’incisione chirurgica nelle pareti dell’addome e dell’utero; rappresenta la soluzione migliore per evitare i rischi di un parto complicato.

Le attuali indicazioni ad effettuare un taglio cesareo sono rappresentate da:

  • sproporzione feto-pelvica: la madre ha per statura o conformazione, un bacino stretto, sproporzionato al corpo del bambino, oppure se il feto è molto grosso rispetto al bacino materno
  • se il feto si presenta in posizione podalica: il bambino ha la testa in alto e i piedi o le natiche in basso
  • possono essere presenti, più raramente, altre presentazioni anomale quali presentazione di faccia, di fronte, di spalla che impediscono la nascita del feto per via vaginale
  • anomalie di posizione della placenta o distacco di placenta
  • presenza di ostacoli al passaggio del feto (fibromi uterini previ)
  • distocia cervicale: il collo dell’utero non si dilata pur in presenza di contrazioni valide
  • malattie complicanti la gravidanza che richiedono un parto anticipato
  • gravidanza gemellare
  • pregresso taglio cesareo: se la madre ha già avuto due o più figli con il taglio cesareo.

Attualmente il taglio cesareo viene praticato in anestesia spinale, che non rappresenta un pericolo per il bambino e rispetto all’anestesia generale comporta meno complicanze materne. Per l’esecuzione dell’ intervento attualmente viene seguita una tecnica nuova (taglio cesareo secondo Stark) che consente un intervento più rapido, minor perdita di sangue, meno traumi sui tessuti, minor durata della degenza post-operatoria, minor rischi complessivi sia per la madre sia per il bambino.
Dopo il taglio cesareo è necessario un periodo di convalescenza e l’allattamento al seno può svolgersi normalmente.

16/12/2009

7/11/2017

I commenti dei lettori

Ho fatto due parti naturali 12 e 10 anni fa. A marzo partorirò il bimbo. Adesso è di 30 settimane, podalico, si prospetta un cesareo?

Donatella Porcelli (LT) 10/01/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il taglio cesareo"

Parto naturale dopo un cesareo
Si può fare un parto naturale dopo un cesareo, ma il travaglio deve essere monitorato attentamente.
Il puerperio
Il puerperio è il periodo di tempo necessario all'apparato genitale femminile per riprendere la sua normale funzionalità dopo un parto.
Rischi del parto cesareo
Ho già subito un parto cesareo. Esistono dei rischi reali di cedimento della precedente ferita in caso di travaglio? I consigli del ginecologo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Diabete in gravidanza
In gravidanza vanno distinti due diversi tipi di diabete: quello preesistente e quello gestazionale.
Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.
Una febbre ricorrente senza spiegazione
Gli esami sono tutti negativi, ma io sono preoccupato.
Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Le sono già comparse le smagliature sul seno
Il seno si è riempito di smagliature ancora rosse, posso fare qualcosa di più efficace? I consigli del dermatologo.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore