ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Come si misura la febbre

Come si misura la febbre: i vari modi per misurare la temperatura corporea, sia con termometro ascellare che rettale o auricolare.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Esistono svariati metodi per misurare la febbre.

Misurazione della temperatura con termometro tradizionale (ascellare o rettale)

Il modo più preciso e rapido nei bambini al di sotto dei tre anni di vita consiste nell'inserire delicatamente la punta del termometro nel sederino, spingendola per circa due centimetri e lasciandovela per almeno un minuto. In questa maniera si misura la temperatura interna o rettale del piccolo che risulta essere superiore all'incirca di mezzo grado rispetto a quella esterna o cutanea che si misura sotto l'ascella. Il bebè va tenuto supino (con la pancia all'insù) sul fasciatoio o sul letto, mantenendo le gambine alzate.

I termometri che si usano in questi casi sono di due tipi: quelli elettronici con lettura digitale, estremamente precisi, infrangibili, alcuni dei quali dotati anche di un segnale acustico che avverte quando è stata raggiunta la temperatura massima e quelli più tradizionali, di vetro, di forma prismatica con un bulbo piccolo, dotati di una scala graduata di non sempre facile lettura (i termometri a mercurio non sono più in produzione).

Con i bambini più grandi e collaboranti si ricorre per lo più alla misurazione cutanea, mantenendo il termometro sotto l'ascella per almeno tre minuti. I termometri a mercurio, molto precisi e affidabili, sono tuttavia destinati a scomparire (come è già avvenuto in alcuni stati americani fin dal 2001) per i problemi relativi alla tossicità del mercurio e alle difficoltà legate al suo smaltimento.

Altri modi per misurare la temperatura

È invece meno attendibile e soprattutto meno precisa la determinazione della temperatura con le striscette a cristalli liquidi che si appoggiano sulla fronte.

In commercio si trovano altri due tipi di termometri: quelli auricolari e quelli costituiti da un succhiotto dotato di un dispositivo elettronico di rilevazione.

I termometri auricolari consentono di ottenere la temperatura dall'orecchio, in un modo facile e comodo, molto rapido (sono necessari da uno a tre secondi, a seconda della marca dell'apparecchio), anche in un bambino che dorme. La sonda del termometro va appoggiata all'entrata dell'orecchio e il padiglione auricolare va tirato delicatamente all'indietro.

L'apparecchio funziona come una macchina fotografica che prende una "foto" del calore infrarosso emesso dal timpano: quest'ultimo è irrorato dalle arterie dell'ipotalamo (la regione del cervello che regola la temperatura del corpo) ed è perciò un preciso indicatore della temperatura interna dell'organismo. Un minuscolo computer contenuto nel termometro auricolare converte il valore ottenuto in un'equivalente temperatura che, a seconda della marca dell'apparecchio, corrisponde a quella rettale o a quella cutanea (consultare perciò attentamente le istruzioni).

Come per tutti i nuovi strumenti, il termometro auricolare richiede di acquisire un minimo di manualità, facendo 4-5 prove di posizionamento dell'apparecchio, poiché altrimenti si rischia di ottenere valori poco attendibili o letture errate (anche di qualche grado). La presenza di otite media non sembra influenzare la rilevazione della temperatura mentre un tappo di cerume la diminuisce significativamente.

Da ricordare tuttavia che, secondo alcuni studi, la misurazione auricolare sembra meno affidabile nei bambini sotto i tre anni di vita. I termometri digitali a forma di succhiotto consentono anch'essi, in un tempo poco superiore ai tre minuti, una accurata misurazione della temperatura sopra la lingua; per ottenere un valore corrispondente alla temperatura cutanea il risultato ottenuto va corretto sottraendo circa 0.3 °C.

Più recentemente sono entrati in commercio termometri a raggi infrarossi che rilevano la temperatura della fronte o per contatto oppure, grazie ad un puntatore ottico, a distanza. Questi strumenti presentano un grado di precisione paragonabile ai termometri elettronici e, come quelli auricolari, sono rapidi nella rilevazione, semplici da usare e bene accetti dai piccoli pazienti. Anche per questi è necessario attenersi alle istruzioni d'uso.

1/1/1997

29/6/2015

I commenti dei lettori

HO UN BIMBO DI 11 MESI CON UN FORTE CATARRO. LA PEDIATRA MI HA DATO DI FARE L'AEREOSOL "CLENIL" ED I LAVAGGI NASALI. MA NON GLI PASSA ASSOLUTAMENTE. E' DA 2 MESI CHE CONTINUO COSì. FREQUENTA L'ASILO NIDO. SICCOME DI NOTTE RIPOSA MALE PER IL CATARRO, LEI COSA MI CONSIGLIA? GRAZIE PER LA GENTILEZZA,  SIMONA

PS=GRAZIE PER L'OTTIMO SUPPORTO CHE CI DATE!!

simona (MI) 22/11/2010

i termometri infrarossi che misurano la temperatura della fronte sono una truffa: non perchè il termometro in se non sia valido ma perchè la temperatura della fronte non è un'indicatore corretto. io ne ho comprato uno, fra l'altro anche molto costoso, e sparava numeri completamente diversi fra loro facendo misure molto ravvicinate nel tempo, che variavano fra i 35 e i 45°C. forse bisognerebbe provare a puntarli sotto l'ascella?

CosmicMummy (RM) 25/11/2010

Anch'io ho acquistato un termometro ad infrarossi e mi sono trovata malissimo perchè appunto mi dava temperature completamente diverse.

silvia (PD) 17/01/2011

Il termometro ad infrarossi è purtroppo soggetto ad interpretare anche la temperatura dell'aria che il raggio infrarosso attraversa, ragion per cui può rilevare valori "sballati".

Nicola (LE) 10/03/2011

anche io con il termometro ad infrarossi mi son trovata male, sparava temperature a caso, una diversa dall'altra nel giro di pochi attimi.... infatti l'ho sostituito con uno elettronico e misuro la febbre dal sederino...

Valentina (CO) 17/07/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come si misura la febbre"

PFAPA
PFAPA è l'acronimo di Febbre Periodica con Faringite Aftosa e Adenopatia cervicale.
Febbre senza spiegazione
Soffre di febbre senza spiegazione. Che cosa sospettare? Il consiglio dell'esperto.
Ibuprofene (Nurofen, Moment): un farmaco per la febbre dei bambini
L'Ibuprofene (Nurofen, Antalfebal, Fevralt, Moment) è un farmaco per la febbre dei bambini con azione anche antinfiammatoria e antidolorifica.
Con la febbre si cresce?
La crescita del bambino in corso di febbre è una credenza delle nonne. Nessuno può misurare una variazione di così piccola entità.
Convulsioni febbrili
Le convulsioni febbrili in genere scompaiono tra i cinque ed i sei anni di vita.
Temperatura in casa con un neonato
Quale temperatura deve essere tenuta in casa quando si ha un neonato? I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Prime mestruazioni in ritardo
Il menarca (prime mestruazioni) si presenta, nella nostra popolazione, generalmente in un'età vicina ai 12 anni.
Ultrascreen in gravidanza
L'ultrascreen si basa su un'ecografia ed è un prelievo di sangue effettuati ad 11-13 settimane di gravidanza.
Candida
La Candida albicans è un fungo che si trova normalmente sulla pelle ma che può dare problemi.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.

Quiz della settimana

Cosa pensare della doppia pesata del lattante, prima e dopo la poppata al seno?
va incoraggiata in quasi tutti i casi
è necessaria solo qualche volta, in presenza di fondati motivi
è sempre da consigliare
fornisce informazioni sulla qualità del latte della mamma