ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

I consigli dei pediatri sulla conservazione del latte materno

Le tecniche migliori per conservare il latte materno e non perdere nessuna delle sue proprietà nutrizionali per il neonato. I consigli del pediatra.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

A poco più di due mesi dalla nascita di mia figlia, il latte materno è sempre più scarso. Per averne a disposizione quando serve, mia moglie è solita prelevarlo al pomeriggio col tiralatte e conservarlo in frigo per integrare la poppata naturale della sera. Per il resto della giornata si fa uso di latte artificiale in polvere. E' corretto conservare il latte materno in frigo - ed eventualmente per quanto tempo - o così facendo lo si fa decadere di qualche proprietà?

Il latte materno si conserva anche a temperatura ambiente; senza perdere alcuna delle sue proprietà, ha una buona conservazione per 24 ore alla temperatura di 15 gradi, per 10 ore a 19-22 gradi e per 4-8 ore a 25 gradi. Se invece viene tenuto in frigorifero, si mantiene per 5 giorni a 0-4 gradi, anche se è consigliabile consumarlo entro 48 ore. E' anche possibile conservare il latte materno nel congelatore: in tal caso si conserva per circa 3-6 mesi se tenuto in un freezer (i tempi variano a secondo del tipo di freezer e a secondo di quanto frequentemente viene aperta la porta del freezer).

Per quanto riguarda il tipo di contenitore per conservare il latte materno, possono essere adoperati sia i biberon di vetro (Pyrex) sia quelli di plastica (polipropilene).

Per scongelare il latte, è consigliabile porre il biberon in un contenitore di acqua tiepida oppure, in modo più graduale, spostarlo prima dal freezer al frigorifero, mantenendolo alla temperatura di 4 gradi. Per evitare la distruzione di fattori immunologici ed enzimatici, il latte materno congelato non dovrebbe essere tenuto troppo a lungo a temperatura ambiente o scaldato con forno a microonde o con acqua bollente. Una volta scongelato, il latte può essere nuovamente conservato in frigorifero per 24 ore; non va invece tenuto a temperatura ambiente o ricongelato.

1/10/1997

16/8/2015

I commenti dei lettori

salve io ho la mia bambina i 2 mesi e 3 settimane lei prende il latte materno ma da poco che si lamenta sempre e ogni volta che la cerco di attaccare si gira dall'altra parte e si lamenta così ho provato a tirarmi il latte glielo ho provato a dare e così mangia tranquillamente ma vorrei sapere ogni quanto dovrei tirarmelo, come lo posso conservare, nel frigorifero a 6 gradi e congelatore, io l'ho scaldato a bagno maria, ma mentre bolliva l'acqua l'ho messo giu il biberon di plastica, va bene? Grazie

leslie (AN) 20/02/2012

Ciao mamme, vi pubblico questo articolo che può esservi utile e interessante da leggere. http://www.sconfini.eu/Medicina/che-buono-il-latte-materno.html

helpvolontariato (TS) 20/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I consigli dei pediatri sulla conservazione del latte materno"

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Allattamento al seno: da che lato attaccarlo al seno?
E' consigliabile iniziare ogni allattamento con lo stesso seno con il quale si è terminata la poppata precedente.
Si può allattare in gravidanza?
Non esiste prova che l'allattamento in gravidanza comporti pericoli per la madre o per il feto.
Quanti pasti deve fare un neonato?
Il numero dei pasti di un neonato è relativamente poco importante, purché la quantità di latte ingerito nella giornata sia normale.
Allattamento al seno: i consigli dell'ARP
Allattamento al seno: le schede della Associazione per la Ricerca in Pediatria. I consigli dei Pediatri.
Allattamento al seno: quanto latte deve mangiare?
Allattamento al seno: non si possono dare valori validi per tutti i bambini. La cosa migliore da fare è verificare la crescita settimanale della neonato.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Prime mestruazioni in ritardo
Il menarca (prime mestruazioni) si presenta, nella nostra popolazione, generalmente in un'età vicina ai 12 anni.
Ultrascreen in gravidanza
L'ultrascreen si basa su un'ecografia ed è un prelievo di sangue effettuati ad 11-13 settimane di gravidanza.
Candida
La Candida albicans è un fungo che si trova normalmente sulla pelle ma che può dare problemi.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.

Quiz della settimana

Cosa pensare della doppia pesata del lattante, prima e dopo la poppata al seno?
va incoraggiata in quasi tutti i casi
è necessaria solo qualche volta, in presenza di fondati motivi
è sempre da consigliare
fornisce informazioni sulla qualità del latte della mamma