ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

È rischioso dormire a pancia in su?

Le raccomandazioni di dormire supini valgono soprattutto per il bambino più piccolo, nei primi mesi di vita. Quando egli acquisisce la capacità di rotolare su se stesso non è più necessario.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Nel leggere i vostri consigli sulla posizione "meno a rischio" per il sonno del bambino, mi sorge un solo dubbio: la posizione supina, se da un lato riduce statisticamente il rischio SIDS, dall'altro non aumenta il rischio di soffocamento in caso di rigurgito gastro-esofageo? In altri termini, le posizioni sul fianco destro e prona sono sempre indicate come le migliori per consentire la fuoriuscita del rigurgito ed impedire che i liquidi vengano aspirati nella trachea. E' dunque possibile che la posizione supina riduca alcuni rischi e ne proponga altri, di gravità molto simili?

La posizione supina, cioè a pancia in su, del lattante nel sonno come prevenzione della SIDS (acronimo delle parole inglesi Sudden Infant Death Syndrome o sindrome della morte improvvisa del lattante) è consigliata per i bambini sani, senza patologie particolari.

I pazienti con reflusso gastro-esofageo importante o con certe anomalie anatomiche delle prime vie respiratorie (come nella sindrome di Pierre-Robin, caratterizzata da una mandibola molto piccola, da una dislocazione posteriore della lingua e da una palatoschisi, cioè da una apertura lungo la linea mediana del palato che consente un’anomala comunicazione tra le cavità orale e nasale) hanno ancora l'indicazione alla posizione prona, a pancia in giù, oppure è il pediatra che consiglia una posizione rispetto all'altra valutando il rapporto rischio/beneficio.

Come è noto la posizione prona può rappresentare un fattore di rischio per la SIDS in quanto si correla con altri fattori, da tempo ritenuti coinvolti nella sua patogenesi: l’insufficienza dei muscoli accessori della respirazione, l’aumento della temperatura corporea, l’aumentata rirespirazione di anidride carbonica, le apnee notturne (che si riscontrano più frequentemente nei bambini di madri che hanno fumato in gravidanza), l’inspirazione di gas tossici che provengono dalla biodegradazione, provocata da alcune muffe, dei materiali plastici che rivestono il materasso, materiali però necessari per rendere il materasso ininfiammabile.

Anche la posizione su di un fianco non viene più consigliata perché ritenuta troppo instabile e perché correlata ad un rischio due volte superiore di SIDS rispetto alla posizione supina.

Occorre inoltre sottolineare come sia stata effettivamente segnalata la presenza di latte nel cavo orale (per cui in passato la SIDS è stata spesso attribuita ad un "soffocamento da latte"), tuttavia l’ipotesi di un inondamento delle vie aeree con soffocamento è, nella stragrande maggioranza dei casi, da escludere poiché le autopsie eseguiti sui lattanti deceduti non rilevano quasi mai latte nelle vie respiratorie.

L’eventualità di un ostruzione delle vie respiratorie da ingestione in un lattante che vomita o rigurgita mentre dorme in posizione supina pare infondata, anche perché l’incidenza della mortalità da SIDS si è drasticamente ridotta in quei paesi in cui, per effetto delle campagne informative realizzate, i lattanti vengono messi a dormire a pancia in su.

Le raccomandazioni di dormire supini valgono soprattutto per il bambino più piccolo, nei primi mesi di vita, diciamo fino ai 6 mesi di età. Quando egli acquisisce la capacità di rotolare su se stesso non è più necessario che i genitori lo forzino a dormire a pancia in su.

1/11/1998

10/12/2017

I commenti dei lettori

La domanda dovrebbe essere: e rischioso dormire a pancia in giù?

fabiola (LU) 06/10/2012

Fabiola, stiamo parlando di rischi comunque molto bassi, ma la risposta è sì, dormire a pancia in giù è più rischioso che dormire a pancia in su.

giuseppe varrasi, pediatra (BS) 06/10/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "È rischioso dormire a pancia in su?"

Dorme a pancia in giù
Dovrebbe dormire a pancia in su, ma non ci riesce. Ci vuole molta pazienza per modificare le abitudini del bambino.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
I bambini e le domande sulla morte
A quattro anni ha cominciato a fare domande sulla morte apparentemente senza un motivo scatenante. I consigli della psicologa per tranquillizzarlo.
SIDS: mettiamoli a dormire di schiena
Un comportamento corretto contro la SIDS. Torniamo a fare dormire i neonati sulla schiena.
Un elettrocardiogramma per prevenire la sids
La morte in culla o SIDS (Sudden Infant Death Syndrome) è un evento che avviene in ogni paese del mondo. L'età di maggior rischio è nei primi mesi.
Elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo