ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Recurvatum penis

Una deviazione congenita del pene detta anche malattia di La Peyronie. La rettificazione dell'incurvamento viene solitamente realizzata con un intervento chirurgico.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

A mio figlio, attualmente di 23 mesi, è stato diagnosticato un problema di "recurvatum penis" (circa 70-80 gradi verso il basso). Il pene del bimbo, a giudizio del chirurgo pediatrico che l'ha visitato, appare già molto ben sviluppato per cui lui consiglierebbe l'intervento chirurgico già a 3-4 anni. Essendo stato anch'io sottoposto a intervento chirurgico per lo stesso problema (ma in età già adulta) e sapendo che non sempre i risultati sono perfetti (da un punto di vista estetico e quindi psicologico), sono preoccupato dai seguenti aspetti: 1) età a cui intervenire - il dubbio è se sia meglio intervenire il prima possibile ma con l'incognita di come la correzione apportata evolverà nella crescita, o se sia meglio intervenire a crescita più matura, ma con gli inevitabili negativi risvolti psicologici. 2) Scelta del centro/ospedale - so che esistono possibili varianti nell'intervento, in temine di numero di incisioni, orientazione delle stesse (longitudinali o trasversali) etc. da cui immagino possa dipendere un risultato finale più o meno buono.

La "recurvatum penis" è una deviazione congenita del pene: il paziente quindi nasce con questa malformazione, a differenza che nella deviazione acquisita del pene, detta anche malattia di La Peyronie, la quale invece insorge verso i 50 anni di età. Il pene è piegato in genere in modo armonico ed omogeneo, generalmente verso il basso. Il paziente non accusa dolore e non presenta abitualmente disfunzioni nell'erezione o, quando queste siano presenti, appaiono spesso di ordine psicologico, a causa dei complessi e delle preoccupazioni che la malformazione può comportare.

Le forme di "recurvatum penis" di grado lieve o moderato, che non causano problemi durante il coito, non richiedono alcun trattamento, mentre quelle che presentano una curvatura di grado severo, che può far diventare difficoltoso il rapporto sessuale e che rende elevato il rischio di una rottura del pene, vanno corrette chirurgicamente.

La rettificazione dell'incurvamento viene solitamente realizzata con un intervento chirurgico eseguito con la tecnica di Nesbit, che prende il nome del chirurgo che per la prima volta la eseguì nel 1965: consiste nella rimozione bilaterale di una o più coppie di ellissi di albuginea dorsale (cioè dello strato di tessuto fibroso biancastro che circonda i corpi cavernosi del pene, quelle formazioni spugnose che percorrono la verga dalla radice fino alla base del glande e che, distendendosi con l'afflusso di sangue, permettono il meccanismo della erezione) in corrispondenza del punto di massima curvatura; viene eseguita poi una sutura trasversale dei margini delle incisioni stesse.

In alternativa si può ricorrere ad incisioni verticali simmetriche dell'albuginea dorsale, seguite da sutura trasversale dei bordi oppure realizzare una semplice plicatura della tunica dorsale.

A prescindere dal tipo di tecnica chirurgica che si utilizza, il chirurgo deve rivolgere un'estrema attenzione ad evitare lesioni del complesso neurovascolare dorsale. E' opportuno mettere in risalto che la tecnica di Nesbit può essere impiegata anche nella correzione di semplici angolature laterali del pene. In tali circostanze si ricorre ad appropriate incisioni dell'albuginea con plastiche trasversali, sempre in corrispondenza del vertice della convessità anormale della verga.

L'intervento di Nesbit non può essere eseguito in quella minoranza di pazienti in cui l'entità della curvatura (e quindi la richiesta di plastiche dorsali), comporterebbe una riduzione eccessiva della lunghezza del pene; in questi casi viene eseguita un'incisione trasversale dell'albuginea ventrale, nel punto di massima concavità della verga, e viene interposto un lembo di cute prelevato dal prepuzio o da un altro distretto cutaneo glabro.

Il lembo, opportunamente disepitelizzato e privato di eventuale tessuto sottocutaneo residuo, viene rovesciato, cioè posto con il versante superficiale contro i corpi cavernosi; il lembo viene in seguito suturato ai bordi dell'albuginea interrotta con alcuni punti staccati, in materiale riassorbibile.

1/1/1997

26/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Recurvatum penis"

Balanopostite
La balanopostite è una infiammazione del glande (balano) e del prepuzio (poste).
Bisogna tirare indietro la pelle del pisellino?
La cura del pisellino. Non va eseguita alcuna manovra traumatica per risolvere la fimosi del neonato perchè si risolve spontaneamente nel tempo.
Pene che non cresce
A nostro figlio non sembra svilupparsi il pene. Le sue dimensioni sembrano invariate dalla nascita.
Circoncisione
Ci sono controindicazioni alla circoncisione? I rischi connessi alla circoncisione sono numerosi.
Fimosi
La fimosi consiste nella presenza di un prepuzio troppo stretto, che per questa ragione non riesce a scorrere sul glande fino a scoprirlo.
Si tocca il pisellino in pubblico
Nostro figlio di quattro anni si tocca il pisellino in pubblico. Come ci si comporta. I consigli dell'esperto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La tosse nei bambini: tosse persistente, tosse di notte, tosse secca. Quali rimedi adottare?
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.
Vaccinarsi contro la varicella prima di una gravidanza
E' opportuno che le donne che non hanno avuto la varicella eseguano la vaccinazione prima di intraprendere la gravidanza.
Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare