ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Bisogna tirare indietro la pelle del pisellino?

La cura del pisellino. Non va eseguita alcuna manovra traumatica per risolvere la fimosi perchè nei primi anni di vita è considerata una condizione normale.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Desidererei avere delle informazioni chiare riguardo la cura del pene dei neonati poiché ho riscontrato la presenza di diversi pareri da parte dei pediatri e nelle diverse riviste specializzate. E' opportuno, come sostiene la pediatra del mio bimbo (e come fa ogni volta che lo porto) tirare la pelle del pene affinché si apra poco per volta o questa manovra non è assolutamente necessaria o addirittura dannosa per la possibilità di cicatrici? Nell'ultima visita, a sei mesi, la pediatra ha ripetuto la manovra e per tre giorni mio figlio ha avuto la punta del pene arrossata e lievi perdite ematiche. Ringrazio se mi farete un po' di chiarezza in merito.

Si parla di fimosi quando il prepuzio (quell’anello di pelle che ricopre la parte terminale del pene, detta anche glande) non è sufficientemente ampio per permettere lo scoprimento del glande stesso. Alla nascita e nei primi anni di vita è considerata una condizione normale e le aderenze che si formano tra il prepuzio ed il glande, dette aderenze balano-prepuziali, fanno sì che la punta del pisellino sia quasi del tutto nascosta, impedendo o rendendo difficoltoso lo scorrimento del glande.

Per effetto di queste fisiologiche aderenze il prepuzio resta fissato alla punta del pene in almeno un quinto dei maschietti anche dopo i primi due anni di vita e si libera soltanto negli anni successivi, di solito prima dell’età scolare.

Non è mai necessario anticipare questa evoluzione naturale, anzi manovre di scoprimento forzato del glande troppo brusche, oltre a essere intensamente dolorose e traumatiche per il bambino, possono provocare vere e proprie lacerazioni spesso sanguinanti che, cicatrizzandosi, restringono ancora di più l’apertura poiché inducono una reazione fibrosa locale. Come conseguenza spesso è necessario un intervento chirurgico per risolvere una fimosi cicatriziale da sbrigliamento delle aderenze In alcuni casi poi la manovra di scoprimento della punta del pene può provocare la cosiddetta parafimosi: in altre parole la pelle del prepuzio tirata indietro stringe ad anello intorno al glande e non è più possibile riportarla in avanti per cui il pene, come strozzato dall’anello prepuziale, si arrossa intensamente e si gonfia provocando intenso dolore e rendendo necessario un intervento al pronto soccorso.

Concludendo è opportuno, soprattutto nel primo anno di vita, non eseguire alcuna manovra traumatica per risolvere la fimosi che, come abbiamo visto, è perfettamente fisiologica e destinata a risolversi spontaneamente nel tempo. E’ consigliabile mantenere un’adeguata igiene del prepuzio e del glande lavando i genitali tutti i giorni, eventualmente tirando indietro con molta delicatezza la pelle del prepuzio ma fermandosi immediatamente se si incontra resistenza o se il bambino mostra segni di fastidio.

1/7/1998

14/8/2016

I commenti dei lettori

mio figlio ha quattordici mesi e trovo molta difficolta' ad aprire il pisellino perche' l'apertura e' davvero piccola.il mio pediatra non mi ha mai fatto fare nessuna manovra e non vorrei che adesso sia troppo tardi anche perche' appena cerco di aprirlo lui prova fastidio. grazie

simona leotta (CT) 21/01/2013

mio figlio di 5 mesi aveva difficoltà a far scorrere la pelle scoprendo il glande, ma poco alla volta, senza troppi movimenti forti, siamo riusciti a scoprirlo e ora ci sembra che il pisellino sia diventato un pisellone

sergio (RD) 27/02/2013

Io sono un'uomo di sessantotto anni, Ho dei ricordi molto chiari della mia infanzia,mi ricordo benissimo quando il mio pisellino si arrossava e mi dava fastidio anche all'eta di 12 anni,allora non cerano tanti pediatri.Mia mamma doveva (aggiustarsi con la sua esperienza).Mi metteva attirittura del burro sul pisello perche diceva che toglieva l'infiammazione,finche un giorno si e rivolta a una anziana ostetrica,che gli a detto che doveva (moderatamente)abbassare la pelle del Pisellino.E medicarlo con una pomata da lei fornita. Ringrazzio molto Quella vecchia ostetrica i problemi sono finiti.(anche perche a 12 anni farsi toccare il pisello anche se da mamma non e semplice).

valter (T ) 21/09/2013

Il mio cucciolo ha quasi due anni ed ho notato tipo delle palline bianche vicino al foro da dove fa pipi Cosa potrebbe essere?

maria (RM) 20/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bisogna tirare indietro la pelle del pisellino?"

Intervento chirurgico per fimosi
Per la fimosi vera e propria l'intervento chirurgico consiste nell'eseguire una "plastica" per allargare la parte ristretta.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Circoncisione
Ci sono controindicazioni alla circoncisione? I rischi connessi alla circoncisione sono numerosi.
Fimosi
La fimosi consiste nella presenza di un prepuzio troppo stretto, che per questa ragione non riesce a scorrere sul glande fino a scoprirlo.
Si tocca il pisellino
Toccarsi il pisellino è un gesto spontaneo molto frequente nei bambini. Ma i genitori reagiscono spesso con imbarazzo.
Recurvatum penis
Una deviazione congenita del pene detta anche malattia di La Peyronie.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte