ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Aggressività

Gli impulsi di aggressività fanno parte della vita psichica anche di un bambino e fino ad un certo limite sono da ritenersi non solo normali, ma necessari.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Scrivo per sottoporre un problema che ho con mio figlio, un bambino di tre anni e mezzo. Frequenta la scuola materna ed è contento di andare a giocare con i suoi amici tutte le mattine. Ma da un po' di tempo a questa parte è molto "violento" con i suoi amici. Non è quasi mai lui ad iniziare per primo ma quando gli viene fatto un torto risponde sempre picchiando o morsicando il suo interlocutore. A scuola lo mettono in castigo (lo fanno star seduto per 5-10 minuti). Io, alla sera, quando lo vado a prendere lo sgrido e gli parlo spigando che non si deve far male agli altri bambini ho inoltre provato a portagli un regalino quando fa il bravo, ma nessuna strategia sembra aver successo. Alla televisioni non vede film o cartoni violenti. Sono un po' preoccupata per questa cosa e non vorrei sbagliare metodo per poi avere degli effetti contrari.

Aggressività? Gli impulsi aggressivi fanno parte della vita psichica di un soggetto e fino ad un certo limite sono da ritenersi non solo normali ma necessari. Essi subiscono una modulazione dagli stimoli che provengono dall'ambiente e che agiscono sulle strutture della personalità: relazioni interpersonali, educazione e principi morali.

Nel bambino di 3-4 anni le crisi di collera (episodi violenti) sono molto frequenti e sono manifestazioni dirette dell'aggressività: generalmente, in seguito a rifiuti o richieste, anche non esplicite, di modificare atteggiamenti e comportamenti, il bambino reagisce violentemente con urla, aggressioni fisiche, pianti intensi, segni vaso-motori e così via; poi si calma lentamente. I tentativi di tranquillizzarlo spesso non servono a nulla. Il castigo è assolutamente da bandire, perché sortisce l'effetto opposto ed è controproducente (parlare chiaramente con le maestre!).

La genesi dei disturbi del comportamento deve essere ricercata nel complesso sviluppo psicologico del bambino, ovvero nell'evoluzione della sua personalità attraverso il gioco, nelle difese che l'Io instaura, nei processi di identificazione e nella formazione dei principi morali. La strutturazione della personalità provoca, al di fuori di una vera e propria patologia, momenti di disagio che possono manifestarsi anche attraverso le crisi di collera-aggressività (oltre che altri disturbi quali le bugie, i movimenti ritmici ripetuti di parti del corpo, il furto, la masturbazione, l'ipercinesia o iperagitazione, fobie, disturbi del sonno, dell'alimentazione, del linguaggio, balbuzie ecc...).

Tra gli atteggiamenti ambientali limitanti il processo di sviluppo della personalità ricordiamo l'eccessiva ansia materna, gli scarsi contatti affettivi in qualità e quantità, l'eccesso di autorità con modalità di castigo (famiglia ed asilo), oppure al contrario la mancanza di regole, la nascita di un fratello, la frustrazione nella vita scolastica, piccoli difetti fisici. Elementi di giudizio importanti per stabilire la transitorietà del problema o la sua strutturazione in comportamenti anomali veri e propri sono l'osservazione del bambino in seno alla famiglia e con i coetanei a scuola e la ricchezza o frustrazione della sua vita immaginativa.

Da ciò si deduce che è importantissimo creare un clima di affetto, comprensione, amore in famiglia sia verso il bambino che tra i genitori stessi; evitare crisi, discussioni, liti in presenza del bambino; insegnargli la fiducia nel prossimo; durante le crisi, non sgridarlo, non gridare, mantenere un atteggiamento fermo di insegnamento preciso sul comportamento senza punire, meglio talvolta ignorare. Importante chiedere la collaborazione delle maestre d'asilo perché il comportamento educativo sia omogeneo a casa e a scuola.

1/12/1997

24/3/2015

I commenti dei lettori

IL MIO BAMBINO DA QUANDO VA ALL'ASILO HA REAZIONI VIOLENTE NEI MIEI CONFRONTI (MAMMA). COME DEVO COMPORTARMI? IGNORARE O PREOCCUPARMI? GRAZIE DI CUORE

TERESA (BA) 21/09/2011

Anche il mio bimbo di 2 anni e due mesi da novembre frequenta l'asilo edevo dire che è cambiato molto. Èra molto dolce e rideva sempre. Adesso fa capricci, non dorme la notte, piange per ogni cosa e fa crisi di pianto e mi picchia. Sono indecisa se non farlo più andare all'asilo ma se il problema sono le relazioni con gli altri bambini sarebbe un danno. Spero che passi questo momento perchè è pesantissimo. saluti, monica

monica (VA) 18/12/2011

salve ho un bambino di 8 anni che a parecchie volte a scuola e fuori durante il gioco presenta degli episodi di violenza, tipo dare pugni e calci per diffendersi.... cosa posso fare ? come mamma studiando i suoi comportamenti credo di avere bisogno di uno specialista per risolvere in parte i miei dubbi... a quale specialista ci si rivolge per studiare l'origine di questi fenomeni?

tina (SS) 26/03/2012

salve a tutti,io ho un bimbo di 3 anni,è molto sveglio,dolce,simpatico ma non riesco a capire come devo fare perchè quando si trova insieme ad altri bimbi,grandi o piccoli li spinge,vuole buttarli in terra,insomma diventa pericoloso...premetto è figlio unico,coccolato ma non sta solo con adulti perchè va all'asilo e va ai giardini,ma vuole fare sempre la lotta come faccio a frenarlo? AIUTATEMI!!!!!!

FRANCESCA (LI) 28/03/2012

ho due bambini il primo di 5 anni e gli piace stare all'asilo per giocare con i suoi compagni ma ultimamente usa troppo le mani, tan'è vero che mi ha fatto chiamare dalla maestra perchè a mensa ha quasi preso, nell'occhio, con la forchetta il compagno banco. l'altra ha solo 15 mesi e già mi fa i dispetti, tipo mette in bocca quello che non deve o prende le cose dove le ho gia detto di no, mi guarda e se faccio finta di niente mi si avvicina con l'oggetto in mano e mi chiama, per farsi guarda e mi sfida,se le dico di no ride e scappa. aiuto, ma che devo fare, eppure mi sempre di essere una mamma che dimostra il proprio amore, dove sbaglio?

daniela (RM) 26/09/2012

Salve ho una bambina di 4 anni che ha reazioni aggressive, si graffia e urla. sono disperata non so più cosa fare.

Wendy 26/09/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Aggressività"

Aggressività nel bambino piccolo
A dieci mesi non esiste aggressività: sono "prove tecniche" di relazioni con gli altri, basta guidarle nel modo giusto.
Si impone con forza
Mia figlia di due anni si impone sugli altri con forza. Come proteggerla da eventuali rifiuti? I consigli della psicologa.
Reagisce violentemente
Come comportarsi se un bambino reagisce violentemente ad un rimprovero o se gli viene tolto di mano un oggetto che lo interessa? I consigli della psicologa.
Sbatte la testa
Mio figlio di 15 mesi sbatte la testa. Questo non è segno di nessun disagio.
Una bambina scontrosa
La mia bambina è scontrosa, scorbutica con tutti e prepotente. E' morbosamente attaccata alla mamma. I consigli per farle superare questa fase.
Non vuole stare con il papà
Mia figlia è sempre più attaccata a me. Se il papà le si avvicina gli dà schiaffi in faccia. Il consiglio dello psicologo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte