ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

E' adolescente e a volte salta qualche pasto

L'adolescenza e il periodo immediatamente precedente sono critici per il rischio della comparsa di disturbi del comportamento alimentare che possono evolvere anche verso l'anoressia.

a cura di: Dott. Ezio Sartori (pediatra)

La prima dei miei tre figli, che ha 12 anni e mezzo ed è già sviluppata, dopo un iniziale periodo di regime alimentare ristretto (adottato di sua iniziativa) per un leggero sovrappeso, si sta autolimitando eccessivamente fino a saltare qualche pasto. Volevo sapere che comportamento adottare da genitore e se esiste un certo tipo di familiarità dato che anch'io (mamma) ho avuto, all'età di 15 anni, un problema analogo curato con una lunga psicoterapia. Preciso che il mio atteggiamento verso il cibo è tornato perfettamente normale e che ho sempre cercato di apprendere dalla mia esperienza quali errori evitare verso i miei figli. Sono certa che il comportamento di mia figlia sia nato soprattutto da esigenze di perfezionamento fisico tipiche della sua età.

Gentile mamma, l'anoressia nervosa (termine improprio ma ormai abituale: spesso infatti queste ragazze sentono lo stimolo della fame, ma il desiderio di perdere peso è più forte e le costringe a non alimentarsi) è dovuta a vari fattori che, cooperando in varia misura, determinano la malattia. L'importanza dei fattori genetici non è fondamentale (non è una vera malattia ereditaria) però sappiamo che l'anoressia è più frequente tra i familiari di un soggetto ammalato e tra le coppie di gemelli monozigoti. Quindi una madre anoressica (o ex), pur avendo molte possibilità che le sue figlie non siano anoressiche, avrà una probabilità leggermente maggiore (rispetto ad una madre non anoressica) di dover affrontare questo problema nella propria famiglia.

L'adolescenza e il periodo immediatamente precedente sono critici per il rischio della comparsa di disturbi del comportamento alimentare che possono evolvere anche verso l'anoressia. Ovviamente, come sa, non è sufficiente che una ragazza salti qualche pasto per definirla anoressica. Durante l'adolescenza non sono rari comportamenti alimentari scorretti ma non patologici: desiderio di autoaffermazione, sperimentazione, opposizione alle regole familiari, scarso interesse per il cibo o limitazioni (qualitative o quantitative) per motivi ideologici o agonistici sono solo alcuni esempi. Talvolta è difficile individuare il limite tra comportamento occasionale ed inizio di un disturbo del comportamento alimentare.

Spesso, quando ci troviamo proprio dentro ad una situazione, siamo come i presbiti: vediamo sfumato e non capiamo le cose che ci sono troppo vicine, ed è indispensabile chiedere aiuto a chi può guardare un po' da lontano. Il suo pediatra conosce la ragazza sin da piccola e la famiglia: potrà valutare se ci sono problemi o pericoli in vista, saprà giudicare lo stato nutrizionale della ragazza e potrà consigliarle un regime dietetico equilibrato.

7/6/2002

4/6/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "E' adolescente e a volte salta qualche pasto"

Non mangia
La mia bambina di due anni da quando è nata non è mai stata una gran mangiona, ma in questo ultimo periodo non mangia proprio nulla. Siamo disperati.
Inappetenza del bambino
A che cosa può essere dovuta l'inappetenza del mio bambino? Non bisogna preoccuparsi perché verso i due anni di vita del bambino.
Non mangia
E' importantissimo non sgridare la bambina al momento del pasto e creare un ambiente sereno.
Rifiuta la pappa
Da circa un mese abbiamo cominciato a proporgli le prime pappe, ma dopo un discreto inizio ora rifiuta del tutto la pappa.
Due gemelli inappetenti
I miei gemelli mi stanno esaurendo con la loro inappetenza. L'atteggiamento da assumere deve essere sereno e gioioso, il cibo non va mai forzato.
Non mangia più carne
Da circa due settimane non mangia più la carne. I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Mia figlia è a rischio di asma
La diagnosi precisa di asma si può fare dopo i sei anni di età. I sintomi e la terapia da seguire.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare