ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Bruxismo: digrigna i denti tanto da consumarli

Un bambino che digrigna i denti durante la notte. Come si cura il bruxismo in un bambino? I metodi da adottare per evitare di consumare i denti.

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Mio figlio ha quattro anni e mezzo e quando dorme digrigna i denti tanto da consumarli. Ha ancora i dentini da latte ma se dovesse continuare anche dopo? Mi hanno consigliato una protezione per la notte ma so già che non la metterà mai... Cosa posso fare?

Il motivo del digrignamento notturno non è conosciuto: sono state formulate varie ipotesi ma nessuna poi ha trovato conferma scientifica. Nella fase di crescita una certa usura dei decidui tuttavia è da considerarsi fisiologica perché esiste l'esigenza di favorire lo scorrimento in avanti della mandibola durante l'accrescimento del complesso maxillo-facciale.

L'alimentazione odierna dei bambini manca di quella consistenza in grado di determinare quell'usura invece filogeneticamente necessaria. Naturalmente, se la cosa supera i limiti della normalità, è necessario valutare la presenza di interferenze devianti la normale occlusione e l'eventuale perdita di simmetria.

Talvolta l'applicazione di dispositivi morbidi (realizzati con una sorta di silicone) per un tempo limitato risolve il problema nel soggetto in crescita. È interessante notare come invece gli stessi dispositivi, applicati nei teen-ager o negli adulti, possano al contrario peggiorare il bruxismo.

Questo quasi a testimoniare il fatto che l'origine del fenomeno possa essere diversa. In entrambi i casi si osservano dei miglioramenti e dei peggioramenti legati allo stress genericamente inteso.

15/4/2004

14/10/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bruxismo: digrigna i denti tanto da consumarli"

Febbre, dentini e sesta malattia
Mio figlio di nove mesi ha la febbre da tre giorni. Gli hanno diagnosticato la "febbre da dentini" o la sesta malattia.
Alito cattivo
L'alito cattivo o alitosi nei bambini si spiega con la formazione nella bocca di sostanze maleodoranti o con alcune malattie della bocca o del naso.
Igiene orale nel bambino piccolo
Perché in Italia viene data così poca informazione sull'igiene orale nel bambino piccolo?
La prima visita del bambino dal dentista
La prima visita dal dentista per un bambino deve essere fatta intorno ai quattro anni e mezzo.
Igiene dentale
I consigli da seguire per l'igiene dei nostri denti.
Eruzione dei dentini da latte
Esiste una certa variabilità dell'epoca di eruzione dei dentini da latte? Il parere dell'odontoiatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo