ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Bruxismo: digrigna i denti tanto da consumarli

Un bambino che digrigna i denti durante la notte. Come si cura il bruxismo in un bambino? I metodi da adottare per evitare di consumare i denti.

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Mio figlio ha quattro anni e mezzo e quando dorme digrigna i denti tanto da consumarli. Ha ancora i dentini da latte ma se dovesse continuare anche dopo? Mi hanno consigliato una protezione per la notte ma so già che non la metterà mai... Cosa posso fare?

Il motivo del digrignamento notturno non è conosciuto: sono state formulate varie ipotesi ma nessuna poi ha trovato conferma scientifica. Nella fase di crescita una certa usura dei decidui tuttavia è da considerarsi fisiologica perché esiste l'esigenza di favorire lo scorrimento in avanti della mandibola durante l'accrescimento del complesso maxillo-facciale.

L'alimentazione odierna dei bambini manca di quella consistenza in grado di determinare quell'usura invece filogeneticamente necessaria. Naturalmente, se la cosa supera i limiti della normalità, è necessario valutare la presenza di interferenze devianti la normale occlusione e l'eventuale perdita di simmetria.

Talvolta l'applicazione di dispositivi morbidi (realizzati con una sorta di silicone) per un tempo limitato risolve il problema nel soggetto in crescita. È interessante notare come invece gli stessi dispositivi, applicati nei teen-ager o negli adulti, possano al contrario peggiorare il bruxismo.

Questo quasi a testimoniare il fatto che l'origine del fenomeno possa essere diversa. In entrambi i casi si osservano dei miglioramenti e dei peggioramenti legati allo stress genericamente inteso.

15/4/2004

12/11/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bruxismo: digrigna i denti tanto da consumarli"

Digrigna i denti
Il digrignare i denti in medicina si dice bruxismo. Molti bambini iniziano come movimento finalizzato a qualcosa che poi diventa abitudine consolidata.
Difetti dello smalto nei denti da latte
I difetti congeniti dello smalto dei denti da latte sono un disturbo non pericoloso ma difficilmente risolvibile.
Le mancano quattro molari permanenti
Che problemi comporta questa situazione? Il parere dell'ortodonzista.
Sono spuntati i denti permanenti
Sono spuntati i denti permanenti e quelli da latte non sono ancora caduti.
Cosa fare se si frattura un dente
Cosa devo fare nel caso un bambino si fratturi un dente? I consigli dell'odontoiatra.
Lo spazzolino da denti
I consigli per pulire in modo corretto lo spazzolino da denti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte