ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Due gemelle molto vivaci

Una mamma che si lamenta perchè le sue gemelle sono troppo vivaci e non riesce a gestirle. I consigli della psicologa per aiutarla a superare questo momento.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

Sono la mamma di due gemelle di due anni e tre mesi molto vivaci. Durante il giorno in casa ho dei momenti in cui sono impegnata per cucinare, lavarmi ecc. e le due belve si scatenano... I danni che fanno sono di tutto e di più: generalmente si arrampicano sui tavoli e sui mobili e da qui iniziano a distruggere vasetti, creme spalmate ovunque, quadri rotti, fiori .... insomma drammi. Purtroppo sono da sola e in certi momenti devo occuparmi di qualcosa: ho provato con i film ma dopo poco si stufano (a meno che non sia presente con loro) e non giocano ancora insieme se non per fare danni. Come posso educarle senza ricorrere a troppe sculacciate ??? Purtroppo stanno diventando sempre più disastrose e non so come frenarle, non riesco neppure a coinvolgerle in quello che sto facendo perché, immancabilmente, una delle due si stufa, se ne va in un'altra stanza, l'altra la segue .... e me ne fanno una. Ho provato di tutto: a partire dal castigo in camera loro..ormai ci vanno da sole appena glielo dico ma anche lì riescono a fare danni (oltre ai rischi perché salgono sui mobili). Ho provato con sculacciate: come se niente fosse. Adesso ho cominciato a metterle nel bagnetto al buio per pochissimi minuti ma è una soluzione che non mi piace ... Non so come fare...

La tua lettera, che confesso mi ha suscitato un'infinita tenerezza e divertimento, pone a mio avviso un indebito problema di gestione delle tue bambine. Premetto che sono comprensibilissime le tue difficoltà: crescere due "belve" contemporaneamente richiede una enorme fatica, fisica e mentale, che suppongo ti farà arrivare a fine giornata esausta. Ma oltre a questo, cosa posso dirti??? Le tue bimbe stanno crescendo, tutti i bambini crescendo fanno danni e certamente in due ne faranno di più: probabilmente ti consolerà sapere che il concetto di forza di gravità non è innato in loro, e che invece lo acquisiscono nel tempo, quando mettono in relazione causativa la manina che aprono con il vaso che va a terra e fa bum.

Credimi, per loro è un'esperienza cognitiva straordinaria, così come l'esplorazione dell'ambiente. Tieni presente che le stai punendo per questo. Non riesco a non darti anche qualche buon vecchio consiglio della nonna: crea, per quanto ti è possibile, un ambiente domestico quanto più sicuro e innocuo per le tue bimbe, elimina oggetti frangibili e suppellettili, chiudi a chiave le stanze più pericolose; pensa, se ti è possibile, ad affidare per qualche ora al giorno le figlie ad una baby-sitter e concediti qualche ora di tregua. Così facendo ti garantisco un immediato abbassamento del tuo livello di stress e, conseguentemente, una maggiore pazienza e tolleranza con loro. E forse è proprio questo il problema: sei stanca e stressata, e lo posso capire, ma non scaricare la tua frustrazione sulle bimbe.

17/10/2000

24/4/2016

I commenti dei lettori

Anche a me è venuta tenerezza leggendo qeusta lettera. Io ho solamente una "belva" di 2 anni esatti. Una bambina mooooolto vivace, che vuole essere sempre stimolata, vuole avere sempre qualcuno vicino mentre fa le sue cose(non necessariamente solo la mamma, papà, nonni, baby-sitter, vicini, sconosciuti, tutto va bene). Le scene che descrive la signora sono identiche ai disastri che combina la mia, ma 3 cose hanno migliorato la situazione: a) va al nido e quindi interagisce con altri bambini, infatti, ora ha un'amichetta di 3 anni che le insegna tante cosine (la presenza di un bambino più grande secondo me aiuta a farli diventare un po' più "responsabili", b) abbiamo messo su tante mensole in posti alti alti e tutte le cose sono inscatolate, oppure messe sotto chiave. (una rottura di scatole per i genitori, ma si vive moooooolto meglio e senza quelle preoccupazioni tipo "è sparita, c'è silenzio in casa, cosa sta combinando!?!?" c) coinvolgerla, spiegarle le cose - certo faticoso con 2 belve, e poi a quest'età non hanno ancora tanta concentrazione, si stufano presto - io ho una "tattica militare" nel fare le cose - prima penso - ok, devo cucinare, quanto tempo mi ci vuole? bene, dunque, prima bisogna coinvolgerla, spiegarle quello che farà la mamma, farle vedere tutti gli ingredienti, e come si prepara, poi se si annoia, pronti, tiro fuori fogli e pennarelli da sopra il frigo (eh certo, li teniamo nascosti altrimenti rischiamo la casa stile picasso), le chiedo di disegnarmi il peluche preferito, intanto magari le disegno qualche scarabbochio pure io, poi, finiti i pennarelli (bisogna ributtarli subito sopra il frigo), le chiedo di portarmi un contenitore, una pentola, sempre per distrarla dal combinare guai, magari le sbuccio una mela e per pochi minuti sta ferma a mangiarsela...insomma, bisogna pensare a tanti piccoli diversivi, non lasciarli mai senza sorveglianza, magari farle portare qualche gioco in cucina (che poi dovranno riportare in camera loro)... se sono da sola a casa la doccia la faccio mentre fa il pisolino, o se proprio, la metto in vasca con me e tante paperette, oppure gioca per terra in bagno (mentre io le parlo, cerco di farla cantare, ecc., ovviamente doccia supersonica degna di superman) - bisogna sempre avere una lista mentale di diversivi/giochini/impegni e mai abbassare la guardia :-) la cosa che ho notato, a quest'età ai bambini piace sentirsi "utili" e ripetere quello che fanno gli adulti. (infatti, la mia adora l'aspirapolvere...speriamo che rimanga così) purtroppo, anch'io la spedisco in castigo ogni tanto... ma ahimé ci vuole.

13/05/2011

Anch'io ho due gemelli e questa fase l'ho superata da poco. Ho ancora tutti i mobili spogli, ma anche il fatto di averli e` pericoloso per loro quando si rincorrono per casa senza guardare avanti! Io ho provato di tutto come te. La cosa che ha funzionato di meno sono le sculacciate, quello che ha funzionato di piu` un 'tabellone' con disegnata una scala e le loro foto che salgono ogni volta che fanno qualcosa di buono (i miei mangiano pochissimo quindi li faccio salire quando mangiano tutto, o quando mettono a posto i giochi) vice versa li faccio scendere quando invece me le combinano. L'importante e` ricordarglielo prima perche` mentre giocano si dimenticano le regole (anche se a richiesta le sanno ripetere). Chi arriva in cima va al parco giochi come premio. Sapessi quanto ci tengono a salire quella scaletta! Altra cosa utile a farli calmare e` risultata metterli in due camere diverse. Se l'unione fa la forza, dividerli per una mezz'oretta serve a farli calmare e a riscoprire giochi che magari piacciono solo a uno dei due. Intanto mamma riesce a cucinare! Oppure fatti aiutare da una soltanto per volta per es, mentre l'altra deve svolgere qualche altro compito o gioca o guarda un cartone animato. Oppure mentre sbuccio le patate per es me ne metto uno da ogni lato: uno me le porge e l'altro butta le bucce e intanto tutti e due aspettano pazientemente di essermi utili mentre io preparo la cena. Il premio in questo caso? Poter lavare le patate! Altra cosa meravigliosa per avere una mezz'oretta e` la pasta modellante o addirittura impastare un pugnetto di farina (nel caso in cui se la mettono in bocca non succede nulla e sto piu` tranquilla). In ogni caso, per la tua serenita`, portale al nido anche per mezza giornata se possibile. Una mamma serena e` anche una mamma migliore! Auguri!

Antonia (AG) 04/07/2011

Cara mamma, ma perchè non le mandi un pò all' asilo queste bambine, ormai grandi ed in grado di relazionarsi con altri bambini.

Non possiamo pretendere di tenere chiuse due bimbe piccole, dentro una casa di 100 metri quadrati, con mobili , televisori e telefono, e dire tutto il giorno di non toccare qui, e non toccare là... che inferno per queste piccoline che vogliono esplorare e giocare, e poi ricorrere a questi metodi antichi della punizione che può solo generare altro astio e ribellione da parte di chi subisce, perchè arriva solo come una violenza fuori posto...

I bambini devono avere i loro spazi in cui si sentono liberi di muoversi e fare le loro conquiste. Io consiglio di trovare un buon asilo, in cui le bambine vengono trattare con cure e rispettate nelle loro esigenze, cosi anche la mamma può rilassarsi, senza correre rischi di arrivare a gesti estremi, come quelli che si sentono al telegiornale,.. e quando le bambine sono a casa , già un pò stanche, la mamma è più disponibile e meno stressata e più desiderosa di dare la sue cure e attenzioni  sino a che non arriva sera e anche le " belve " di solito dormono, ma cosi almeno sono più sereni tutti, forse anche il papà , che non capito perchè non è mai citato... in qualche modo  avrà fatto qualcosa anche lui ? non dite..

Pina Orsini (RM) 19/07/2011

Anch'io ho due gemelli: adesso hanno 4 anni e io anzichè "belve" li chiamavo i mostri, perchè sembravano bionici. Si sono tirati di tutto addosso: dalla televisione nuova, ai barattoli, alle tovaglie...e si arrampicavano ovunque. Per loro le maniglie delle cassettiere erano scalette. Poi a due anni li ho portati 3 giorni alla settimana in una ludoteca - asilo nido perchè non ce la facevo più. Di notte non dormivano e il loro fratello grande (ne avevo già uno!!!) era sempre dietro a far capricci. Adesso va un po' meglio, ma solo il tempo mi ha aiutata.. però è sempre difficile. Auguroni a tutte

Roby (BO) 21/10/2011

Come ti capisco anch'io ho due gemelli maschi di tre anni e mezzo e stiamo vivendo adesso il momento più critico. non ascoltano, fanno quello che vogliono, si alzano le mani tra di loro e a volte anche a noi genitori, non so' più come prenderli.....ma come ti consigliano e li ascolto anch'io sarà solo la pazienza di parlargli per spiegare gli errori e sopratutto il tempo!!!cresceranno anche loro!!!i miei a Settembre inizieranno l'asilo aiuttttooooo speriamo in bene.In bocca al Lupo!!!

laura (MI) 25/06/2012

Rispondo a Pina da Roma.. ho anche io due gemell di 3 anni e 4 mesi.. a giorni tremende altri giorni degl'angeli.. penso che il segreto sia tenerle occupate in attività che le coinvolga.. dalle costruzionia qualche buon cartone animato tutto serve alle volte per farli star buoni.. Pina, il problema è che non tutti possono contare sul marito, che ci sia o meno, non tutti gli uomini si prestano a stare con i bambini. Inoltre l'asilo nido è molto costoso.. Dalle mie parti di mezza giornata lun-ven, senza pasti,vogliono 300€ a bambina.. e considerando le spese gemellari non tutti possono permetterselo.. inoltre nel mio caso sono in lista d'attesa da mesi perchè non ci sono nemmeno i posti.. Non è facile fare la mamma.. la bi-mamma tanto meno.. e non è detto che si possa sempre contare sugl'altri!

Eleonora (PT) 13/11/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Due gemelle molto vivaci"

Un bambino troppo vivace che non si concentra
Non riesco a fargli fare nessuna attività per più di cinque minuti: è troppo vivace e non si concentra.
Dorme poco ed è molto attiva
Mia figlia di due anni da qualche tempo dorme pochissimo e di giorno è sempre molto attiva. Individuare le cause è essenziale per definire il programma di cura.
Deficit di Attenzione ed Iperattività
Il "Disturbo da Deficit di Attenzione ed Iperattività" colpisce circa il 4 per cento dei bambini in età scolare.
Non sta mai fermo
Non riesce ad applicarsi in niente ed è in continuo movimento cambiando sempre gioco. Non sta fermo neppure quando guarda la TV. I consigli dello psicologo.
Un bambino troppo vivace
Nostro figlio è molto vivace e se non riesce a fare qualcosa urla e strepita. I consigli della psicologa.
Gemelli
Nei primi mesi della gravidanza capita a quasi ogni donna di farsi la domanda: e se i bambini fossero due gemelli.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte