ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Si sveglia di notte, a tre anni ancora non dorme bene

Si sveglia di notte, talvolta piangendo. Non viene nel lettone, ma ci tiene svegli a lungo. I problemi legati all'alimentazione e al sonno sono i più diffusi nei primi anni di vita.

a cura di: Dott.ssa Laura Fornari (psicopedagogista)

Mia figlia, tre anni e mezzo, non ha mai dormito bene. Si addormenta facilmente, ma si sveglia molto spesso, nei primi due anni anche 12-15 volte a notte, adesso 2-3 volte, anche se si riaddormenta subito dopo un sorso di latte o di ciuccio. Non ha mai dormito con noi nel lettone o in camera ma, per stanchezza, io e mio marito (l'addormentiamo a turno) passiamo poi metà della notte nel suo letto. Se si sveglia ed è sola, ci chiama invariabilmente, o viene da noi. Le abbiamo parlato, spiegandole che ognuno deve dormire tutta la notte nel suo letto, che noi siamo esausti di passare da un letto all'altro 2-3 volte a notte, ma lei ha paura di dormire da sola. Abbiamo promesso premi, ci siamo arrabbiati: non funziona niente, e noi comunque non vogliamo che dormire da sola diventi una punizione. Vorrei specificare che per il resto è una bambina assolutamente serena e solare. Evidentemente abbiamo sbagliato qualcosa fin dall'inizio, ma non so cosa, e adesso ho bisogno di aiuto per non trascinare questa situazione fino a non so quando. Cosa posso fare? Aiutatemi, vi prego!!

Gentile signora, i problemi legati all'alimentazione e al sonno sono i più diffusi nei primi anni di vita; sono due funzioni molto importanti per la sana crescita del bambino e forse per questo creano tanta ansia nelle mamme. Nei problemi legati al sonno si aggiunge anche il disagio dei genitori che, non potendo riposare bene, inevitabilmente sono più nervosi ed irritabili con conseguente ansia nel momento del sonno; questi stati d'animo arrivano anche al bambino e lo rendono irrequieto ed insicuro e così il sonno dei bambini diventa la spia della tensione che c'è in famiglia.

È naturale che tutto ciò che accade nel corso della giornata si rifletta sui sogni e sul sonno del bambino. Il momento del "distacco" dai genitori e dal mondo esterno, rappresentato dalla solitudine della propria cameretta, prima o poi per ogni bambino diventa un problema che naturalmente va affrontato subito per non creare ulteriori disagi poi meno facilmente sanabili.

Nella sua lettera una frase mi ha fatto riflettere, "non vogliamo che dormire da sola diventi una punizione". Provate a ripensare se, nella vostra infanzia, avete vissuto questa esperienza. Forse lei o suo marito, avete sperimentato "l'essere mandati a letto per punizione". La mia è un'ipotesi ma spesso questo accadeva in passato e succede anche ora. Me lo sento dire frequentemente nelle consulenze "non ha voluto mangiare ed il papà l'ha mandata a letto...", è un esempio delle situazioni che sto ipotizzando.

La mancanza di sicurezza reale e profonda nell'impartire delle regole nell'educazione è all'origine del comportamento insicuro dei bambini che devono sentire che quello che i genitori chiedono loro di fare è veramente ciò che pensano sia meglio per il loro benessere. Se voi sarete veramente tranquilli e fermi nel dire a vostra figlia che la sua cameretta e il suo lettino sono il luogo più sicuro dove lei può fare la nanna tranquillamente, per poi essere più riposata durante il giorno, anche lei si sentirà più sicura.

Potete darle un indumento che "sa di mamma" o qualche altra cosa che faccia provare alla bimba la sensazione di averla vicina. Dormendo con lei nel lettino è come se voi le diceste "è vero che se noi dormiamo con te tu puoi stare più tranquilla e c'è veramente qualche cosa di cui aver paura stando sola nel tuo letto, perciò noi accettiamo di dormire qui con te". Spesso non sono le parole che trasmettono un pensiero, ma un comportamento dice molto di più. Quando si sveglia, abbracciatela e rassicuratela ma poi nel suo lettino ci torna da sola.

Sarebbe interessante poter "leggere" i suoi disegni perché spesso rappresentano il mondo onirico del bambino. Invitatela a raccontarvi i suoi sogni, così potrete aiutarla ad esprimere le ansie che vive durante il sonno. Controllate i programmi televisivi che guarda e tenete presente che le scene dei cartoni animati spesso sono troppo eccitanti anche se non violente; anche nei telegiornali, che occasionalmente potrebbe sentire, si trasmettono frequentemente notizie che possono diventare inquietanti per chi è troppo piccolo per distanziarsene, anche se spesso ne sono coinvolti emotivamente anche gli adulti. Ma soprattutto è importante la vostra autentica e profonda convinzione che il sonno sia un momento di benessere che la bimba "può" vivere con serenità e senza paure.

Solo se ne sarete veramente convinti voi riuscirete a contenere le sue inevitabili "suppliche" di dormire con lei e le infonderete la sensazione che il suo lettino è il luogo più sereno e sicuro che per lei possa esistere. Mi ripeto, ma purtroppo andando a letto con lei avete confermato le sue paure; è come se voi le diceste "se io sto qui con te, tu puoi stare più tranquilla".

Ora, naturalmente, sarà più difficile farle perdere questa convinzione ma, dicendole che avete sbagliato nel credere che per lei fosse meglio dormire con la mamma o con il papà e che ora siete "sicuri" che "per lei" la cosa più giusta è dormire da sola nel suo letto, la aiuterete ad accettare il cambiamento. Qualche volta i genitori hanno la sensazione che ammettere un proprio errore con i figli possa far perdere autorevolezza, ma è proprio il contrario: solo essendo veri e "umani", e come tali soggetti ad errore, si è più credibili.

Nel caso dell'educazione dei figli in particolare, gli errori che si commettono sono sempre in assoluta buona fede, ma spesso si ha grande difficoltà nel dire ai figli, soprattutto quando sono ancora piccoli, "ho sbagliato". Questo mette i bambini nella condizione di considerare i genitori infallibili e nel confronto loro ne escono sempre perdenti sentendosi una nullità.

Per comprendere meglio queste dinamiche vi consiglio di leggere "Genitori efficaci" di T. Gordon, edito da "la Meridiana".

Cari auguri e se lo ritenete necessario riscrivetemi.

1/9/2003

22/8/2016

I commenti dei lettori

Buongiorno e grazie anticipatamente per l'aiuto che saprete darmi! Ho un bambino di due anni e mezzo e penso di aver fatto tutti gli errori possibili per dargli delle abitudini sbagliate.

A cosa mi riferisco? Al sonno ed al pasto. Ho allattato al seno per otto mesi e forse fraintendendo il significato di "allattamento a richiesta", ho trasformato ogni pianto di mio figlio in un piccolo pasto, lui ha anche sofferto di coliche violente sia diurne che notturne, quasi ad oggni poppata, quindi la nostra giornata si è trasformata ben presto in un delirio continuo, ovviamente allattamento frequente + coliche uguale "sempre in braccio" e per sfinimento anche la ninna nel lettone.

Dopo il terzo mese, passate le coliche (tramite cura con l'Alginor), è sopraggiunto, tanto per non darci tregua, il famigerato "reflusso", ogni volta che beveva, rigettava tutto, con mia relativa ansia, dopo il quarto mese subentrò la dieta solida, dove il reflusso ebbe un lento , ma inesorabile miglioramento, per fortuna! Però ora, ovviamente, il mio bambino, porta gli strascichi, dei miei errori e della mia inesperienza.

Per quanto riguarda l'alimentazione, il mio bimbo non è un gran mangione, però mangia quasi sempre un pasto completo, primo, secondo e frutta, con porzioni moderate, uno yogurt a merenda.

Iil problema che mi pongo è sul fatto che a due anni e mezza, lui abbia a volte paura di strozzarsi, questo avviene quando magari non gli va più qualcosa, ma anche quando vorrebbe assaggiare qualcosa di più sostazioso e non riesce. Mangia a piccoli morsetti, proprio come un uccellino, la mia domanda è...come fare per aiutarlo a capire che  il cibo a pezzi un po' più grossi, non è così pericoloso?

Il secondo problema è il sonno, ovviamente dormendo con noi nel lettone, "pensavamo" di rendere più sereno il suo sonno, dopo la maratona continua di coliche e reflussi; eppure, abbiamo sbagliato, perchè forse l'abbiamo reso ancora più insicuro, per lui ora, è difficoltoso, staccarsi da me, anche se devo lasciarlo per un po' da solo con la nonna e non si addormenta mai da solo, (come è ovvio che sia, dato le nostre insane abitudini), ma la cosa più triste è che di notte, spesso si sveglia piangendo e non vuole essere toccato da nessuno, ne' consolato.

Durante il giorno, ha un temperamento forte, ha già ben chiaro quello che vuole o non vuole concedere, non è un bambino che fa le cose a comando, ma solo se sente realmente di farle...anche se qualcuno chiede di dargli un bacio se l'avverte come imposizione, si ritrae e sembra poco socevole, mentre con chi sa prenderlo con naturale dolcezza, concede tutto il suo dolcissimo carattere. E' un bambino dinamico, gli piace correre, giocare a tutto! Lo innervosisce stare troppo in casa...e quando piove è veramente dura, trovare giochi che possano "tranquillizzarlo", anche se poi inaspettatamente a volte si ferma per guardare i suoi cartoni animati preferiti, soprattutto ad ora di pranzo(altra abitudine, magari sbagliata...data per disperazione, perchè altrimenti non mangiava nulla). Insomma..questo è il mio bimbo, da una mamma che sa di aver sbagliato...ma che vorrebbe, con il vostro aiuto...cercare una soluzione.

silvia (RM) 23/02/2011

Sai che la maggior parte dei bambini del mondo dormono con i propi genitori?Tutto ciò di cui parli nella tua lettera sono cose assolutamente normali, ma che la nostra "moderna" società a deciso che sono sbagliate. Segui il tuo cuore, mamma, e non sentirti in colpa a causa delle stupide opinioni altrui.

giulia (RN) 10/12/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si sveglia di notte, a tre anni ancora non dorme bene"

Crisi d'angoscia
Le crisi d'angoscia sono una normale fase della vita di un bambino, nella quale il piccolo sperimenta la paura di staccarsi dalla madre.
È rischioso dormire a pancia in su?
Le raccomandazioni di dormire a pancia in su valgono per il bambino fino ai 6 mesi di età.
Pavor nocturnus: ha gli incubi di notte
Il pavor nocturnus è un disturbo del sonno che insorge in genere tra i 4 e i 12 anni di vita.
Dorme poco di notte
Il bisogno di sonno e di riposo è molto variabile da individuo ad individuo. A otto anni un bambino dovrebbe dormire come un adulto, fra le 7 e le 9 ore.
Dormire nel lettone
Dormire nel lettone è il sogno di quasi tutti i bambini, in quanto vedono in questo fatto la possibilità di stare vicino ai genitori.
Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La tosse nei bambini: tosse persistente, tosse di notte, tosse secca. Quali rimedi adottare?
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.
Vaccinarsi contro la varicella prima di una gravidanza
E' opportuno che le donne che non hanno avuto la varicella eseguano la vaccinazione prima di intraprendere la gravidanza.
Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare