ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Una mamma troppo protettiva?

Sono una mamma troppo protettiva? Mi dicono che sono troppo attenta a rispondere prontamente alle sue esigenze.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

Sono troppo protettiva? Sono mamma di una bimba di cinque mesi e mi dicono che sono troppo attenta a rispondere prontamente alle sue esigenze: ad esempio non mi piace lasciarla piangere nemmeno un minuto, gioco molto con lei, la coccolo, rispetto gli orari del nutrimento e del sonno con grande precisione. Ad esempio, alcuni amici dicono che dovrei scarrozzarmela a cena fuori, lasciarla addormentare ovunque sia (fosse facile!) e poi riportarmela a casa senza sensi di colpa se dovesse risvegliarsi. Non me la sento di farlo, soprattutto perché mia figlia lotta col sonno costantemente e per me è importante che lei si assicuri un buon riposo. Che ne pensate?

Cara mamma, la tua bimba, a cinque mesi, conosce il mondo attraverso te, e da te riceve segnali emozionali ben precisi: se una situazione ti crea disagio, stai certa che tu glielo trasmetti e naturalmente lei reagirà a modo suo: piangendo, lamentandosi. Analogamente, se tu sei serena, la tua bimba lo sente e anche lei si sentirà serena. Conseguentemente, abbiamo un legittimo obiettivo - rilassarsi - che non viene raggiunto poiché la modalità scelta (andare fuori a cena) è per te inappropriata.

Ma il punto è, cara mamma, che tu hai bisogno di rilassarti. Per la tua stessa serenità, è fondamentale che tu riesca a organizzare la tua vita in modo tale da ritagliarti degli spazi tuoi, per il tuo divertimento e il tuo svago: hai bisogno di cominciare, poco per volta, ad accostare al tuo ruolo di mamma ruoli che, suppongo, hai lasciato da tempo: quello dell'amica, della donna, e anche dell'amante. Certo: il bambino ha bisogno della mamma, ma la mamma ha bisogno di un compagno.

Come fare? Naturalmente secondo il proprio temperamento: solitamente la ripresa del lavoro dopo i mesi di maternità aiuta molto la donna a riacquistare un equilibrio, come aiuta andare dal parrucchiere e dall'estetista, uscire a fare shopping, stare con gli amici. Certo bisognerà saper conciliare diverse esigenze: se andare fuori a cena ti crea tanti problemi invita i tuoi amici da te; se andare al cinema la sera è complicato puoi noleggiare una videocassetta. Qualsiasi cosa, cara mamma, che ti ricarichi: se non lo fai, prima o poi crollerai e invece hai bisogno di essere sempre adeguata per tua figlia.

16/1/2002

8/9/2016

I commenti dei lettori

buongiorno, mia figlia ha 6 anni e mezzo, ha appena cominciato la prima elementare. Da quando è nata non ha mai esageratamente pianto se non per le coliche.... l'ho seguita molto e ogni volta che mi chiamava o mi voleva... io l'ho sempre presa in braccio e ascoltata.... non l'ho mai lasciata li a piangere per paura di chissa quale vizio... in sintesi... mia filgia ha imparato che io la ascolto e noto che quando ho bisogno di dirle delle cose..... mi ascolta.. non so se ho avuto fortuna, ma so di certo che sono contro quelle idee di far piangere i bambini troppo... che male c'è nel dare calore e conforto ad un bambino che piange perchè si sente solo... non lo capisco.. grazie per l'attenzione e spero che noi mamme riusciamo a fare un mondo migliore

solange (AL) 19/09/2011

Buongiorno, il mio bambino ha 11 mesi e anche io sono nella stessa situazione:ho lasciato da parte ogni ruolo tranne quello della mamma... da qualche settimana però ho iniziato a lasciarlo al nido da solo, riprendero' a lavorare, e mi sembra che le cose vadano meglio! Ma se per 11 mesi sei a casa da sola tu e il bimbo, è ovvio che lui si attacchi a me e io a lui! E questa unione è talmente totalizzante (anche perché le cose da fare sono davvero tante) che non serve altro è tutto il resto passa in secondo piano! Sbaglio? Alessandra e Simone 11 mesi

Alessandra (MI) 03/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Una mamma troppo protettiva?"

La mia bambina soffre di ansia
Fatica ad addormentarsi, ha tic nervosi e si mangia le unghie. Forse la mia bambina soffre di ansia. I rimedi per farla stare più serena.
A scuola si agita nelle nuove situazioni
Quando la maestra spiega un argomento nuovo a scuola il bambino si agita, entra in confusione e non riesce a concentrarsi.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Digrigna i denti
Il digrignare i denti in medicina si dice bruxismo. Molti bambini iniziano come movimento finalizzato a qualcosa che poi diventa abitudine consolidata.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana