ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

La mia bambina soffre di ansia

I sintomi dell'ansia della mia bambina sono la fatica ad addormentarsi, i tic nervosi e il mangiarsi le unghie. Quali sono i rimedi per farla stare più serena?

a cura di: Dott. Maurizio Rizzuto (psicologo)

Nella mia famiglia, da parte di madre, l'ansia è un tratto caratteristico; ne ravvedo, sempre più spesso e con manifestazioni chiare, i sintomi anche in mia figlia: fatica a addormentarsi, si mangia le unghie, ha dei tic soprattutto quando è stanca, respira spesso a fondo come se le mancasse l'aria, è eccessivamente preoccupata di aver fatto tutti i compiti tanto da alzarsi dal letto per controllare. Mi chiedo come posso aiutarla a vivere un po' meglio: l'ansia si può "curare", si può farlo fin da piccoli?

L'ansia è una paura generalizzata e può essere appresa facilmente osservando il comportamento dei genitori che hanno quel tipo di risposta. Non si tratta di paura di qualcosa di specifico ma della "paura di aver paura" (paura che possa succedere qualcosa di sconosciuto).

A lungo termine, si può intervenire modellando il comportamento della bambina, dandole sicurezza e fiducia in quello che fa e stimolandola nella sua autonomia. A breve termine, si può aiutare la bambina ad abbassare il livello d'ansia raccontandole ogni giorno storie che ricalchino le difficoltà generiche che il bambino può vivere e che abbiano un finale positivo e rilassante: per i bambini la migliore tecnica di rilassamento resta sempre il racconto.

Tenga conto, inoltre, che può rivolgersi ad uno psicologo che possa intervenire sull'ansia infantile con tecniche mirate di rilassamento come il Training Autogeno per i bambini.

4/3/2002

8/1/2018

I commenti dei lettori

Salve a tutti io ho un bimbo di 5 anni ed e' da un po' che semba balbetti, non so se in realta' sia quello perche'lui inizia una la frase e la prima parola la prolunga e poi continua tranquillamente .cosa posso fare? Grazie

maria (TA) 13/08/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La mia bambina soffre di ansia"

I tic
I tic sono gesti involontari ripetuti. Normalmente sono caratterizzati da rapide scosse muscolari, dette spasmi.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Trattini bianchi sulle unghie
Mio figlio ha dei trattini bianchi sulle unghie. Questi trattini sono innocui e non esprimono alcuno stato carenziale.
Si mangia le unghie
L'onicofagia, cioè la tendenza a mangiarsi le unghie, è un comportamento molto frequente fra i bambini.
Sindrome di West: cosa fare?
La sindrome di West è caratterizzata da convulsioni con uno specifico tracciato all'elettroencefalogramma.
Sbatte le palpebre, ma non insieme
Mia figlia di sei mesi, sbatte le palpebre. da che cosa è dovuto?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Lasciarlo figlio unico?
Meglio figlio unico? Vantaggi e svantaggi del dargli un fratellino. I consigli della psicologa.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Speciale bruxismo
Il bruxismo: cosa significa e come si cura. Il bambino può scaricare la tensione emotiva interna battendo o digrignando i denti.
Doppio distretto renale
Il doppio distretto renale è la più frequente variazione anatomica delle vie urinarie e nella maggioranza dei casi non si associa ad alcun problema.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".

Quiz della settimana

Chi è colpito dall'emofilia?
Soprattutto i maschi
Soprattutto le femmine
Entrambi i sessi, senza differenze