ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

A scuola si agita nelle nuove situazioni

Quando la maestra spiega un argomento nuovo a scuola, il bambino si agita, entra in confusione e non riesce a concentrarsi. I consigli della psicologa.

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Mio figlio frequenta la seconda elementare. È un bambino sensibile, vivace, tenace e molto bravo a scuola, tuttavia di base ha un carattere insicuro e ansioso che lo porta ad affrontare con agitazione soprattutto le situazioni "nuove". A scuola ha un ottimo rendimento ma, quando la maestra spiega un argomento nuovo, si agita, si preoccupa, entra in confusione e non riesce a concentrarsi nella spiegazione; rassicurato dalla maestra e da me, allora si tranquillizza, pretende di allenarsi a casa (esempio le divisioni con il resto), acquisisce sicurezza, e da quel momento è una bomba! Preciso che lui resta al doposcuola al pomeriggio, dove svolge i compiti da solo, e generalmente bene, dimostrando quindi indipendenza; se non riesce a finire tutti i compiti al doposcuola vuole assolutamente finirli a casa. Vorrei avere indicazione da voi circa il comportamento da adottare da parte mia e di mio marito: quando lui manifesta preoccupazioni come nell'esempio di sopra, dobbiamo tranquillizzarlo, spiegare di nuovo, per far sì che la mattina successiva si senta pronto e sicuro, oppure al contrario evitare tutto ciò e lasciare che affronti le conseguenze della sua agitazione? Come aiutarlo ad innescare il circolo virtuoso che gradatamente abbassi il livello di ansia iniziale?

È un po' difficile capire i motivi della esagerata ansia di suo figlio da queste poche righe: solo voi genitori potete capirne la base.

Avanzo un'ipotesi di ragionamento: il bambino non ammette sbagli perché lo avete spronato voi in questa direzione, o per sua indole? Nel caso in cui voi genitori assolutamente siate contrari ad una linea educativa rigida, come interpreta il bambino il comportamento della mamma che giornalmente mette mano ai compiti, per spiegare la lezione? come un'azione rassicurante o come un messaggio implicito "devi fare meglio!" o un giudizio "da solo non saresti capace"?

Forse l'azione di fargli eseguire da solo i compiti gli potrebbe fare acquisire maggiore sicurezza, quando l'azione non risulta un abbandono, ma viene motivata con un "sono sicura che sei in grado di fare da solo" oppure "non ti preoccupare e chiedi alla maestra altre spiegazioni, confrontati coi tuoi compagni..io sono sempre accanto a te se hai bisogno, ma tu sei capace anche senza di me...". La cosa migliore comunque è attuare un programma di intervento con le sue insegnanti.

18/2/2004

20/8/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "A scuola si agita nelle nuove situazioni"

La mia bambina soffre di ansia
Fatica ad addormentarsi, ha tic nervosi e si mangia le unghie. Forse la mia bambina soffre di ansia. I rimedi per farla stare più serena.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Digrigna i denti
Il digrignare i denti in medicina si dice bruxismo. Molti bambini iniziano come movimento finalizzato a qualcosa che poi diventa abitudine consolidata.
Una mamma troppo protettiva?
Sono una mamma troppo protettiva? Mi dicono che sono troppo attenta a rispondere prontamente alle sue esigenze.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte