ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Spasmi affettivi: crisi che sembrano convulsioni

Gli spasmi affettivi sono movimenti di irrigidimento del bambino scatenati spesso da dolori acuti che sembrano convulsioni o capricci. L'età di insorgenza è tra i 6 - 8 mesi ed i 3 anni.

a cura di: Dott. Bruno Spinetoli (neuropsichiatra infantile)

Sono la mamma di un neonato di 10 mesi circa; quando aveva otto mesi gli si sono manifestate delle crisi con irrigidimento delle braccia e delle gambe ed una smorfia del viso che durano pochi secondi, ma alcune volte gliene venivano anche, al massimo, dieci una dopo l'altra, soprattutto appena sveglio e nel tardo pomeriggio. Gli abbiamo fatto fare due elettroencefalogrammi (uno da sveglio e uno mentre dormiva) ed il neurologo ha escluso al 99% l'epilessia, dicendoci che poteva essere qualcosa che faceva per attirare l'attenzione. Tengo a precisare che non tutti i giorni gli venivano. All'inizio del nono mese di vita queste crisi sono andate a sparire e solo due giorni orsono sono riprese. All'inizio del nono mese gli sono cresciuti anche i primi due dentini. Il pediatra di mio figlio invece sostiene che queste crisi si chiamano "spasmi affettivi". Io sono molto in ansia per mio figlio e mi piacerebbe sapere se è una cosa normale che lui fa e che poi andrà a scomparire con la crescita, se è il caso di preoccuparmi oltre, se può essere associata alla comparsa dei denti, o quant'altro. Preciso in ultimo che il mio bimbo comunque non perde conoscenza durante le crisi, e che la sua crescita è normalissima.

Riguardo la domanda posta, e cioè se sia "normale" o meno e se sia il caso di preoccuparsi, confesso di avere un po' di imbarazzo nel rispondere poiché di solito simili questioni richiedono sempre almeno tre, quattro osservazioni in tempi separati. Quindi rispondere adesso è un po' come operare delle ipotesi generali ed in questo senso le parlo delle riflessioni che ho fatto leggendo la sua domanda. Prenderei certamente in considerazioni i seguenti elementi.

Definizione di spasmi affettivi

Movimenti di irrigidimento del bambino scatenati spesso da dolori acuti e/o pianto in ragione di varie frustrazioni con arresto del respiro e breve perdita di coscienza.

L'età di insorgenza è tra i 6 - 8 mesi ed i 3 anni. Se ne distingue una "forma asfittica" in cui, spesso durante il pianto, si ha un progressivo aumento dei singhiozzi con apnee intervallari sempre maggiori fino ad un arresto del respiro, cianosi, perdita di coscienza, ripresa automatica (cioè senza interventi esterni tipo schiaffi ecc.) del ritmo respiratorio, risveglio; ed una forma non cianotica di tipo lipotimico-sincopale, più spesso ad insorgenza secondaria ad un dolore acuto.

In entrambe le forme l'EEG deve essere assolutamente negativo (ricordo che nel bambino l'EEG deve essere fatto in sonno per avere delle informazioni attendibili, tanto più quanto il bambino è piccolo). Nella mia pratica accoppio spesso, e tanto più il bambino è grande, una routine ematica di primo livello, un ECG, una consulenza ORL ed Oculistica.

Una età "ansiosa"

L'età tra gli 8 ed i 10 mesi è l'età in cui si manifesta la cosiddetta "angoscia per l'estraneo", cioè un comportamento di ansia che può prendere varie forme di espressione, compresi gli spasmi affettivi e/o, più spesso, il semplice pianto alla vista di persone diverse dai familiari.

Questo comportamento è dovuto alla prima consapevolezza che ha il bambino riguardo la sua individualità e quindi separatezza dalla madre. Coincide a livello cognitivo con la capacità di ritrovare un oggetto nascosto alla vista. E' una fase normale ed un comportamento normale; inizio della dentizione: spesso questo periodo è un altro marcatore della evoluzione affettiva del bambino. Segna le prime frustrazioni nella relazione con il seno materno e non a caso spesso coincide con lo svezzamento definitivo (un altro momento in cui il bambino sperimenta il No e la difficoltà alla realizzazione dei suoi desideri).

Dentizione che sicuramente costituisce un momento di dolore e spesso di dolore acuto e pianto intenso (favorenti gli spasmi affettivi); è già stato contattato un neurologo ed il pediatra di famiglia ma "la madre" continua ad essere in ansia... mi si conceda la licenza, forse perché non è stato ascoltato un neuropsichiatra infantile ... più seriamente, penso che su questi disturbi debba essere il pediatra ad indirizzare eventualmente la famiglia (non il solo bambino) per approfondire la diagnosi ed eventualmente attivare i presidi opportuni.

Non penso che indicazioni tipo "deve attirare l'attenzione" possano essere risolutive, poi magari una madre iperprotettivo-ansiosa diventa una madre indeciso-preoccupata perché è stata lasciata sola con i suoi problemi e nessun tecnico l'ha aiutata ad indirizzarsi verso il comportamento più adeguato per il bambino.

Quindi in conclusione mi sento di dire che, acquisite queste, spero utili, nozioni, lei possa tornare dal suo pediatra e magari ampliare la discussione oppure farsi inviare ad un collega neuropsichiatra infantile che sicuramente ha sia le competenze per valutare la parte neurologica (EEG ecc.) che la parte relazione, che è non meno importante.

11/11/1999

24/6/2015

I commenti dei lettori

buongiorno dottore,sono la mamma di un bimbo di 4 anni anche lui soffre di spasmi affettivi,e non sopporta il dolore fisico, ad esempio se si fa male sul naso piange diventa cianotico e sviene. e da un po che non lo fa più. pero io vorrei un'altro figlio ma ho paura che anche lui poi soffra di spasmi affettivi, e possibile che anche il mio secondo figlio possa soffrire di questa cosa? grazie.

amalia (NA) 20/01/2012

salve a tutti sono una giovane mamma di 23 anni il mio cucciolo di nome nicola presenta crisi di spasmi affettivi da praticamente il primo mese di vita (ora ha 3 mesi)continua ad avere crisi adesso piu frequenti e importanti trattiene respiro quasi ogni volta dopo il pasto pero non perde conoscenza.e stato ricoverato ed per fortuna tutto apposto.pero vorrei capire se si puo in qualche modo aiutare a diminuire le crisi anche perche troppo piccolo a mio avviso per voler attirare attenzione.come posso fare grazie mille

francesca (MS) 17/03/2012

Buongiorno Dottore , anche noi abbiamo una situazione di spasmi affettivi nella nostra piccola Denise , lei ora ha 16 mesi e ne soffre da quando ne aveva 9 . E' stata ricoverata due volte perche' la prima volta ha perso conoscenza e a parer nostro , sempre molto opinabile perche' quando ci si trova in quei momenti il tempo sembra essere infinito , non aveva respirato per almeno un minuto , iper-controllata, in quell'occasione, ecg veglia sonno , ecocardiogramma , elettrocardiogramma e' stata rimandata a casa .Dopo qualche mese abbiamo riscontranto che oltre a trattenere il fiato , diventare cianotica e svenire , la piccola ha manifestato anche movimenti convulsori con gli arti primari e secondari e con la lingua alche' abbiamo fatto presente tutto alla pediatra parlandole anche del fatto che avevamo letto di una terapia marziale con somministrazione di ferro ....sia da lei che da un altro dottore del ps al quale ci siamo rivolti successivamente non troppo convinti , ci hanno detto che assolutamente non era da prendere in considerazione la cura di ferro . Morale della favola siamo tornati ancora al ps in quanto la piccola ha avuto un'altra crisi piuttosto pesante non respirando , sempre secondo noi per un minuto e mezzo circa. Tornati ad essere ricoverati , e tornando a fare gli stessi esami dell'altro ricovero, sempre tutti negativi , la neurologa ci ha prescritto appunto una cura di ferro , per il periodo della cura in questione la piccola non ha avuto piu' nessun problema , nel senso che ha comunque avuto gli spasmi affettivi ma senza nemmeno perdere conoscenza . Oggi invece dopo 2 settimane circa dalla fine della cura ha avuto un altro episodio , piu' leggero dell'ultimo prima del ricovero , con la comparsa ancora dei movimenti convulsivi .....non so piu' a che santo votarmi ha qualche parere al riguardo? Un papa' disperato

Baldaccini Andrea (MO) 17/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Spasmi affettivi: crisi che sembrano convulsioni"

Si dà gli schiaffi in faccia
Quando la sgridiamo si dà gli schiaffi in faccia e comincia un pianto nervoso. I consigli di come riuscire a risolvere la situazione.
Trattiene il fiato
Non ci si deve preoccupare se il bambino trattiene il fiato. Si tratta di una manifestazione di "spasmi affettivi".
Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Spasmi affettivi
Gli spasmi affettivi sono una crisi emotiva: per una causa anche banale, il bambino piange, trattiene il fiato. Quali sono le cause e come comportarsi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte