ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

I tic

Normalmente sono caratterizzati da ripetute e rapide scosse muscolari, dette anche spasmi. In genere interessano i muscoli del viso o delle spalle.

a cura di: Dott. Leo Venturelli (pediatra)

Normalmente sono caratterizzati da ripetute e rapide scosse muscolari, dette anche spasmi. In genere interessano i muscoli del viso o delle spalle: ammiccamenti con gli occhi, smorfie della faccia, corrugamento della fronte, scosse del capo, movimenti verso l'alto delle spalle. I tic sono più frequenti nei maschi (tre volte di più che nelle femmine); si presentano quasi sempre durante l'età della scuola, dai sei ai dieci anni. Circa il 20% dei ragazzi ha questo problema, che viene ad essere più evidente quando il bambino è preoccupato, teso o sotto stress.

In effetti i tic sono l'espressione esterna, involontaria, di una tensione emotiva. Di solito si verificano in soggetti normali, svegli, sensibili; sono più a rischio i bambini timidi e coscienziosi, anche se i tic possono presentarsi in bambini instabili e turbolenti. Sono accentuati spesso dalla invadente presenza di genitori eccessivamente pretenziosi, che, per esempio, si mettono a fare paragoni tra il bambino e i suoi fratelli, o sulle sue abilità. Se i genitori non danno peso al difetto, i tic tendono a sparire nel giro di due - tre mesi, massimo in un anno. Se si applicano strategie rilassanti sul bambino eccessivamente emotivo, spariscono ancor prima.

Senza alcun intervento i tic comunque vanno gradatamente e spontaneamente a risoluzione spontanea nei mesi successivi; solo il 3% dei bambini sviluppano tic persistenti e fastidiosi se non aiutati.

Come aiutare un bambino coi tic?

  • Cercate di far rilassare il bambino a livello generale
    I tic sono un barometro della tensione interna; assicuratevi che vostro figlio abbia del tempo libero, non sia soverchiato da più attività organizzate. Se è molto auto-critico, lodatelo per i suoi comportamenti e fate sì che riprenda fiducia in sé stesso.
  • Fate finta di niente davanti ai tic quando si verificano
    Quando un bambino presenta dei tic, non concentrate l'attenzione su di lui; se gli fate notare il suo difetto tutte le volte, reagirà con maggior tensione e ansia, piuttosto che con l'accettazione del suo comportamento, creando un circolo vizioso. Non lasciate che fratelli o altri lo prendano in giro: assicuratevi che tutti si comportino in questo modo.
  • Identificate e rimuovete i fattori determinanti tensione
    Provate a tenere, a sua insaputa, un diario dei tic, per segnarvi quali fatti sono avvenuti prima degli spasmi abituali; da qui dovreste essere in grado di risalire a quegli eventi che scatenano le crisi. Diminuite comunque la pressione psicologica esercitata in merito ai suoi risultati scolastici, alla pulizia della sua camera, alle performance sportive. Evitate medicine a base di efedrina, per esempio i decongestionanti nasali, che possono favorire la comparsa dei tic.
  • Non parlate dei tic, quando non si verificano
    Se il bambino ha dei periodi senza tic, non sollevate il problema. Solo se il discorso parte dal bambino che vi chiede informazioni in merito, siate disponibili a parlarne; spesso il bambino se ne vergogna. Rassicuratelo che tutto finirà presto e che riprenderà il controllo di questi spasmi involontari.
  • Evitate qualsiasi punizione per i tic
    Alcuni genitori credono che basti fare la voce grossa per spaventare il bambino e impedirgli di avere i tic: non c'è nulla di più falso. Del resto non servono nemmeno massaggi o esercizi di rilassamento ai muscoli facciali; né osservazioni allo specchio, perché darebbero comunque risalto al problema.

Consultate il vostro pediatra se:

  • i tic compromettono i rapporti coi coetanei a scuola o in gruppo;
  • si associano ad altri disturbi, come parole, versacci, imprecazioni;
  • si presentano insieme a tosse;
  • coinvolgono parti del corpo diverse dalla testa, spalle, faccia;
  • diventano frequenti, più di 10 al giorno;
  • durano a lungo, più di un anno;
  • ci sono dubbi o domande. 

1/7/2002

30/5/2016

I commenti dei lettori

Grazie, ho letto diversi articoli sui tic nei bambini, ma come sempre, dal vostro sito si ottiene un quadro più ampio e rassicurante. Patrizia

Patrizia (RM) 08/06/2012

A mio figlio di 10 anni è stato suggerito di assecondare volontariamente il movimento delle palpebre, rendendolo più ampio e più lento. In questo modo riesce effettivamente a fare smettere il movimento involontario, e via via ha smesso anche di cominciare a sbatterle.

anna (PD) 12/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I tic"

Strizza gli occhi
Strizza spesso gli occhi e mi hanno consigliato un collirio, ma non migliora. Il parere dell'Oculista.
Sindrome di West
La sindrome di West è una epilessia caratterizzata da spasmi in flessione, perturbazione dell'elettroencefalogramma e deterioramento neuropsichico.
La mia bambina soffre di ansia
Fatica ad addormentarsi, ha tic nervosi e si mangia le unghie. Forse la mia bambina soffre di ansia. I rimedi per farla stare più serena.
Sbatte le palpebre, ma non insieme
Mia figlia di sei mesi, sbatte le palpebre. da che cosa è dovuto?
Tic nervosi
I tic nervosi compaiono dopo i 6-7 anni di età e la loro evoluzione è molto variabile: possono apparire e scomparire spontaneamente.
Sindrome di West: cosa fare?
La sindrome di West è caratterizzata da convulsioni con uno specifico tracciato all'elettroencefalogramma.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Calmare il pianto del neonato
Il pianto del neonato è fatto apposta per non lasciare indifferenti. Non esistono neonati che mangiano, dormono e non piangono mai.
Che ruolo gioca il freddo nelle malattie da raffreddamento?
Il termine "raffreddore" ha ancora senso? La sola esposizione al freddo non può causare una malattia infettiva delle prime vie aeree.
Inserimento graduale alla scuola materna
L'inserimento graduale alla scuola materna può disorientare una bambina già abituata all'asilo nido? I consigli della psicologa.
E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
Uso del montelukast nei bambini piccoli
Esistono controindicazioni ad usare gli antileucotrieni Montelukast nei bambini piccoli? Il parere del Pediatra.

Quiz della settimana

Come si corregge una ernia ombelicale del diametro di 2 cm in un bambino di sei mesi di età?
Applicandovi sopra un cerotto
Con un intervento chirurgico immediato
Entrambe le cose sono da fare
Non si deve fare nulla