ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Vacanza senza figli

A che età è pronto per un distacco dalla mamma? Vorrei provare una vacanza senza figli per partire con mio marito. I consigli della psicologa.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

Lo possiamo lasciare dai nonni per andare in vacanza? Io e mio marito vorremmo fare una vacanza di una settimana senza il nostro bimbo di due anni che lasceremmo a casa con i nonni materni che lo accudiscono anche durante le nostre assenze lavorative. Quello che mi chiedo è se il bimbo può essere pronto per un distacco dalla mamma, in quanto mi cerca spesso e soprattutto prima di fare la nanna... Vi ringrazio per un consiglio su come gestire la situazione.

Cara mamma, purtroppo non esistono età fisse in cui un "bimbo può essere pronto per un distacco dalla mamma": personalmente conosco bambini che a sei anni si disperano ancora per la separazione mattutina della scuola, altri che, anche se piccolissimi, non hanno mai pianto.

Tecnicamente la variabile in oggetto è quella dell'attaccamento: se il tuo bambino ha una sufficiente sicurezza di sé, data anche dalla sua disponibilità a riaccogliere volentieri chi si allontana, non dovrebbero esserci problemi. Naturalmente, nel tuo caso, la serenità della tua vacanza dipende anche dai nonni e dal rapporto che il bimbo ha con loro: certamente saprai bene se questi ultimi sono in grado di dargli ciò di cui ha bisogno, che naturalmente non è solo pappa, latte, o bagnetto, ma immagino che se tu non ritenessi i nonni dei sostituti validi non ti saresti neanche posta il problema.

Per testare tutta questa situazione, che è alquanto complessa, ti suggerisco di lasciare una notte il bimbo con i nonni, e vedere come se la cavano tutti: come gestiscono la cosa i nonni, come vive la cosa tuo figlio, e soprattutto come reagisce il piccolo quando ti rivede: è offeso, non ti cura per niente, è felice e ti corre incontro? Se vuoi partire tranquilla, solo l'ultima ipotesi va bene.

10/4/2002

6/4/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vacanza senza figli"

Asilo nido o baby-sitter?
È meglio cercare una baby-sitter e aspettare che il bimbo sia un po' più grande e mandarlo all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Piange quando vado a lavorare
Mia figlia piange quando vado a lavorare. Ha paura di essere abbandonata? I consigli della psicologa.
Andrà al nido il mese prossimo
Inizierà il nido il mese prossimo. I consigli su come prepararlo a questa nuova esperienza.
Dovrò lasciare mia figlia di otto mesi per iniziare a lavorare
Come rendere meno traumatico il distacco dalla mamma che deve iniziare a lavorare? I consigli della psicologa.
Medicine per bambini in viaggio
Quali medicine bisogna portare in viaggio per una breve vacanza al mare con i bambini? I consigli dell'esperto.
Arriva l'estate! Genitori, affrontiamola in sicurezza. I consigli della Federazione Italiana Medici Pediatri.
Le "7 regole d'oro" dei pediatri per l'attività all'aria aperta durante l'estate e per il tempo che i bambini impiegano in attività non scolastiche.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo