ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

I fattori predisponenti l'otite media acuta

L'otite media acuta è causata da batteri o da virus che dalla gola e/o dal naso penetrano nell'orecchio medio risalendo attraverso le tube di Eustachio.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La mia bambina di tre anni è già alla quarta otite. Vorrei sapere quali fattori predispongono un bambino a ripetere le otiti.

L'otite media è una malattia dell'orecchio che consiste in una infezione/infiammazione dell'orecchio medio, cioè quella cavità ripiena di aria che è separata dal condotto uditivo esterno attraverso una membrana sottile chiamata timpano o membrana timpanica.

E' una patologia molto frequente, soprattutto nel bambino piccolo: è stato calcolato che più di tre quarti di tutti i bambini presentano almeno un'otite entro i tre anni di vita e all'incirca la metà di essi presenta tre o più episodi.

E' causata da batteri o da virus che dalla gola e/o dal naso penetrano nell'orecchio medio risalendo attraverso le tube di Eustachio, quei sottili canalicoli che mettono in comunicazione la parte posteriore del naso con l'orecchio e che permettono il passaggio dell'aria.

Un orecchio medio sano deve contenere aria alla stessa pressione atmosferica dell'ambiente esterno, in modo che tutte le varie strutture che si trovano al suo interno (martello, incudine e staffa, articolate tra loro) possano vibrare liberamente e siano in grado di produrre i suoni.

Qualche volta le tube di Eustachio non funzionano correttamente: ad esempio possono essere infiammate da un raffreddore, da una sinusite o da un'infezione della gola oppure ostruite da un ingrossamento delle adenoidi oppure rigonfie perché il paziente ha un peggioramento di una sua preesistente allergia.

Come conseguenza i germi penetrati all'interno dell'orecchio medio producono pus ed altre secrezioni che, non potendo essere drenate dalle tube di Eustachio infiammate, premono sulla membrana timpanica causando dolore.

Numerosi fattori possono contribuire a favorire l'insorgenza dell'otite. Ad esempio la presenza nell'ambiente in cui vive il bambino di adulti che fumano sigarette, il frequentare l'asilo nido (con conseguente facilità a contrarre infezioni dagli altri bambini), la mancata o insufficiente pulizia delle cavità nasali in corso di raffreddore.

Le otiti medie acute sono inoltre particolarmente frequenti nei bambini più piccoli anche perché le loro tube di Eustachio sono più corte e più orizzontali di quelle dell'adulto. Di conseguenza si ostruiscono più facilmente e il drenaggio dell'orecchio medio è reso più difficile.

Per questi motivi i germi possono arrivare con maggiore facilità dal naso all'orecchio medio. Tuttavia, con il passare degli anni e con lo sviluppo del massiccio facciale, le tube di Eustachio si modificano per dimensioni ed angolatura rendendo il paziente meno suscettibile all'otite media.

A differenza di quello che molti pensano per la prevenzione dell'otite non serve coprire le orecchie dei bambini in inverno per proteggerle dal freddo e neanche evitare di fare entrare l'acqua nelle orecchie perché è il muco presente nel naso l'origine di tutto: si può infatti tranquillamente affermare che non esiste otite senza raffreddore e che l'uso regolare della soluzione fisiologica per liberare le cavità nasali dalle secrezioni rappresenta la migliore profilassi dell'otite, insieme alla fluidificazione del muco nasale (ad esempio attraverso mucolitici per via aerosolica).

La somministrazione di vasocostrittori nasali è invece espressamente vietata sotto i 12 anni di vita per i potenziali effetti collaterali che tali farmaci possono provocare.

20/9/2010

16/8/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I fattori predisponenti l'otite media acuta"

Otiti ricorrenti: prevenzione
Se il bambino fa otiti ricorrenti, si possono applicare diversi metodi di prevenzione: antibiotici, togliere le adenoidi, mettere un drenaggio.
Otiti ricorrenti
Le otiti sono infezioni acute dell'orecchio che possono essere ricorrenti nei bambini piccoli.
Quando ha il raffreddore le viene l'otite
Il raffreddore può essere causa di otite per colpa dell'accumulo di muco nel naso.
Prevenire le otiti con un chewing-gum?
L'uso del chewing-gum, favorendo il riflesso della deglutizione e di conseguenza l'apertura delle tube di Eustacchio, può prevenire le otiti.
Ha mal d'orecchio? Piange sempre
L'otalgia (mal d'orecchio) può essere una causa di pianto nel neonato.
Insufflazioni endotimpaniche o cateterismo tubarico
Le insufflazioni endotimpaniche (cataterismo tubarico) rappresentano il metodo più valido per portare acqua termale all'interno dell'orecchio.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura