ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

E' maschio ma gli si è formato un "bottoncino mammario"

A mio figlio si è formato un bottoncino mammario. Si tratta di una fase normale visto che si sta sviluppando? Questa situazione prende il nome di ginecomastia puberale.

a cura di: Dott. Gianpaolo De Filippo (endocrinologo pediatra)

Mio figlio ha 11 anni e mezzo, ha una crescita regolare ed è piuttosto grande di taglia (155 cm). Da qualche tempo ha manifestato fastidio ai capezzoli che, al tatto, hanno rivelato la formazione di un "bottoncino" (mammario?). Si tratta di una fase normale?

Durante la pubertà maschile (che normalmente inizia dopo i 10 anni di età con l'ingrandimento dei testicoli) é abbastanza frequente una fase di ginecomastia (= sviluppo della ghiandola mammaria) che in genere non assume dimensioni importanti, è reversibile spontaneamente e non richiede pertanto alcun trattamento. Tale situazione prende il nome di "ginecomastia puberale (proprio perché compare durante il periodo della pubertà) del maschio".

Questo avviene perché una piccola parte degli ormoni maschili prodotti in pubertà, in particolare il testosterone, vengono convertiti dall'organismo in ormoni femminili (estrogeni); sono proprio questi ultimi che vanno a stimolare la ghiandola mammaria. Quindi, se lo sviluppo puberale è in corso (ingrandimento dei testicoli, comparsa dei peli pubici), il fenomeno descritto rientra nella normalità e verrà valutato di volta in volta dal pediatra curante in occasione dei controlli clinici.

1/4/2004

5/9/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "E' maschio ma gli si è formato un "bottoncino mammario""

Ha un capezzolo in più
Gli hanno riscontrato un capezzolo in più sul torace. Molto spesso il reperto passa inosservato. Non bisogna fare alcun controllo.
Allattamento al seno: capezzolo introflesso
Il capezzolo introflesso è un difetto che interferisce con l'allattamento al seno.
Allattamento al seno: ragadi del capezzolo
Allattare al seno può essere doloroso: dipende da quanto profonde sono le ragadi del capezzolo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Bendaggio dell'occhio
Il trattamento per l'ambliopia prevede il bendaggio dell'occhio, cioè la copertura dell’occhio sano con un cerotto o bendaggio per riattivare "quello pigro".
Il bagnetto del neonato
Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. Come comportarsi.
Le fiabe e il mondo emotivo dei bambini
La lettura delle fiabe, dei racconti o delle poesie diventa la via maestra per entrare in contatto con il mondo emotivo dei propri figli.
Cardiopatia e sport
Quali tipi di sport può praticare un bambino che soffre di una lieve cardiopatia? Il parere del medico sportivo.
Le principali tappe dello sviluppo del bambino
Le principali tappe dello sviluppo neuro-motorio e cognitivo del bambino da 2 a 12 mesi.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa