ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Dermatite atopica

La dermatite atopica è una malattia cronica della pelle dei bambini, il cui sintomo più costante e fastidioso è il prurito. La storia familiare è positiva per malattie allergiche.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Nostra figlia di 10 anni è affetta da una forma di dermatite atopica, che di tanto in tanto si acutizza causandole notevoli problemi di prurito, soprattutto localizzato agli arti inferiori, manifestandosi con degli arrossamenti con conseguenti formazioni di crosticine soggette a possibili infezioni (impetigine). Avendo già consultato parecchi esperti e non avendo trovato che rimedi sintomatici, chiediamo cortesemente un vs. parere.

La dermatite atopica è una malattia cronica della pelle dei bambini con un decorso tipicamente recidivante; il sintomo più costante e fastidioso è il prurito intenso. Nella maggioranza dei pazienti (circa il 70%), la storia familiare è positiva per malattie allergiche e i bimbi affetti presentano o verranno a sviluppare (dato che la dermatite è spesso il primo sintomo di atopia, vale a dire di predisposizione a sviluppare allergia) altre manifestazioni allergiche quali asma, febbre da fieno, congiuntivite ecc..

eczema dermatite atopica alle labbraLa pelle di questi bambini è ruvida e secca per la perdita eccessiva di acqua dallo strato corneo, più superficiale, della cute; inoltre è molto sensibile e facilmente irritabile. L'uso di sapone e detergenti, il contatto con indumenti di lana o sintetici, o anche semplicemente l'acqua sono sufficienti per irritarla.

La forma e la sede delle lesioni variano con l'età: fino a circa due anni sono prevalentemente eruzioni cutanee di colore rossastro, spesso con vescicole o con formazione di essudato, localizzate al viso con possibile estensione al cuoio capelluto, alle superfici estensorie degli arti (gomiti, ginocchia) ed al tronco.

eczema dermatite atopica alle gambeNel bambino di età superiore ai tre anni le lesioni sono prevalentemente desquamative e lichenificate (per lichenificazione si intende un ispessimento della pelle, che appare secca, quasi incartapecorita) e interessano tipicamente le superfici flessorie degli arti (cavo del gomito e del ginocchio), la regione periorale, le palpebre, le pieghe dietro alle orecchie, i polsi, le caviglie. La dermatite atopica è un'affezione molto comune: colpisce circa il 5% della popolazione infantile.

Nel 60% dei casi insorge entro il primo anno di vita (ma raramente prima del 2°-3° mese) e nel 90% entro i primi 5 anni. Il decorso clinico varia alquanto, ma riacutizzazioni periodiche sono la regola. Non sono da sottovalutare i risvolti psicologici di questa malattia: i bambini affetti si grattano continuamente, sono spesso irritabili ed iperattivi. In genere si assiste ad un miglioramento spontaneo durante i mesi primaverili ed estivi, particolarmente se vi è una permanenza in clima marino; entro la pubertà in più del 70% dei casi le manifestazioni cutanee migliorano o si risolvono.

In presenza di lesioni, il prurito di base, già intenso, si aggrava e il grattamento che ne consegue non solo irrita ulteriormente, ma anche facilita l'instaurarsi di infezioni secondarie dovute soprattutto ad un germe chiamato stafilococco aureo (il termine medico di tali infezioni è quello di impetigine). Questi bimbi sono anche particolarmente suscettibili a infezioni cutanee diffuse provocate da un virus, l'Herpes Simplex, che guariscono lentamente.

La diagnosi di dermatite atopica si basa esclusivamente sulla clinica; in un'alta percentuale di pazienti (70-80%) si evidenzia una positività dei test cutanei e/o di quelli del sangue (Rast o Fast) per i vari e più comuni allergeni (cioè sostanze capaci di indurre allergia), soprattutto alimentari. Va ribadito, comunque, che la sola presenza di anticorpi specifici (IgE) nei confronti di una sostanza alimentare non è sufficiente per fare diagnosi di allergia alimentare; per la sicurezza diagnostica ed interpretativa, oltre che per le relative implicazioni terapeutiche, è necessario verificare, mediante il test di provocazione (vedi più avanti), la responsabilità dell'alimento nell'indurre i sintomi.

La cute sensibile e tendenzialmente secca del bimbo eczematoso richiede accorgimenti particolari; è necessario lavare questi bimbi il meno possibile e preferibilmente senza sapone, ed idratare la pelle dopo il bagno con emollienti. Nella fase acuta della dermatite atopica (quando cioè sono presenti lesioni vescicolose, edematose ed essudanti), i cortisonici in crema svolgono un'azione pronta sia sull'essudazione che sul prurito. Può essere necessario eseguire più medicazioni al giorno, associando antibiotici e antimicotici in pomata se coesiste una sovrainfezione microbica e da funghi.

Nel bambino l'assorbimento di qualsiasi farmaco attraverso la pelle è notevolmente superiore a quello dell'adulto ed è perciò necessario limitare le applicazioni di cortisonici ad aree circoscritte di cute e possibilmente evitarne l'uso eccessivo sulla cute del viso e sulla regione del pannolino; per lo stesso motivo e consigliabile non superare i 5-7 giorni di terapia.

Tutto ciò è necessario poiché un'eccessiva assunzione di cortisone può provocare molteplici effetti collaterali, quali alterazioni della crescita, facilità alle sovrainfezioni, atrofia cutanea, e molte altre. Nella fase cronica della dermatite atopica va corretta la secchezza della cute per prevenire il prurito e il grattamento; sono utili soprattutto gli unguenti e le creme idratanti, e gli emollienti semplici come la vaselina associati, se necessario, ad antisettici quali l'ossido di zinco o il vioformio.

In caso di lesioni croniche particolarmente resistenti, può essere utile accompagnare l'applicazione delle pomate e delle creme con il bendaggio, che ne favorisce la penetrazione e impedisce il grattamento e la comparsa di nuove lesioni cutanee; il bendaggio, però, amplifica l'effetto del cortisone e dunque va deciso dal dermatologo.

La terapia della dermatite atopica si avvale anche di altre misure qui riassunte:

  • terapia antistaminica per via orale per combattere il prurito
  • misure preventive come mantenere le unghie del paziente corte e pulite, evitare ambienti polverosi, troppo caldi o troppo umidi, utilizzare guantini di cotone durante la notte, evitare il contatto con gli animali
  • terapia dietetica: la forma più semplice consiste nell'esclusione dalla dieta degli alimenti responsabili dei sintomi; quando questi cibi sono difficili da individuare in base ai dati anamnestici, a scopo terapeutico si può ricorrere anche alla dieta di eliminazione.

Essa si propone di indurre un miglioramento delle lesioni cutanee attraverso l'esclusione dalla dieta degli alimenti più comunemente responsabili del loro aggravamento, per lo più rappresentati dalle proteine del latte vaccino e dell'uovo e dai cibi per i quali esista un forte sospetto anamnestico da parte dei genitori. Se il miglioramento viene raggiunto si passa alla fase successiva di reintroduzione: ogni settimana si inserisce un alimento o una classe di alimenti per volta. In questa fase si accerta la tollerabilità o meno degli cibi aggiunti e così, via via, si stabilisce quali alimenti fanno peggiorare il prurito e le lesioni cutanee, e sono quindi da escludere dalla dieta.

1/3/1997

23/2/2016

I commenti dei lettori

buonasera ho una bambina di 8 anni che soffre di dermatite atopica e varie allergie facciamo uso quotidiano di creme idratanti (locoidon repair e proxera bionike) è possibile che qst creme abbiano causato un aumento eccessivo della peluria sulle gambe e sulle braccia dove vengono date tutte i giorni? preciso che cerco di limitare al minimo le creme cortisoniche ....solo in caso di estrema necessita grazie per un gentile riscontro Rossella da Firenze

Rossella (FI) 26/10/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Dermatite atopica"

Dermatite neonatale
Il neonato spesso va incontro ad eruzioni cutanee di diverso tipo assolutamente normali e innocue.
Dermatite atopica e allergia alimentare
La dermatite atopica può essere causata da un'allergia alimentare come sostiene l'allergologo? I consigli dell'allergologo.
Asma e dermatite atopica
La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni.
La lingua a carta geografica
La lingua "a carta geografica" è spesso messa in relazione con l'allergia alimentare, ma nella maggior parte dei casi si tratta di un fenomeno costituzionale.
Eczema sui gomiti
Da circa un anno che a mio figlio di sei anni sono comparsi degli eczemi sui gomiti. E' necessaria una visita da un dermatologo che imposterà una terapia.
Ha predisposzione allergica
E' opportuno posticipare l'introduzione dei latticini?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acyclovir per la varicella
Perché alcuni pediatri sono restii a somministrare l'acyclovir in caso di varicella? I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno: da che lato attaccarlo al seno?
E' consigliabile iniziare ogni allattamento con lo stesso seno con il quale si è terminata la poppata precedente.
Passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare
Oltre al cambio dalla scuola materna alla scuola elementare, mia figlia dovrà inserirsi con nuovi amici.
La terza settimana di gravidanza
Alla terza settimana di gravidanza ma non dovresti avvertire, per il momento, alcun segnale.
Sindrome di Alport
La Sindrome di Alport è la malattia più comune fra i diversi tipi di nefriti ereditarie.

Quiz della settimana

Che cosa sono le petecchie?
piccole macchioline rosse che spesso compaiono dopo sforzo
lividi dovuti ad un trauma
piccole escrescenze cutanee causate da un virus
malformazioni congenite dell'intestino