ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Herpes e allattamento

Sto allattando e ho l'Herpes: può essere pericoloso per il mio bambino? Non vorrei contagiarlo. I consigli dell'esperto.

a cura di: Dott. Ezio Sartori (pediatra)

Sto allattando il mio bimbo di sette settimane e mi è comparso l'herpes sulle labbra. Non ho trovato molte informazioni a riguardo e mi chiedevo come comportarmi. Ovviamente sto evitando contatti diretti con le mucose del bimbo, ma mi piacerebbe saperne di più. É molto rischioso per un bimbo piccolo contrarre l'herpes? Quale è la principale via di contagio? Il contagio avviene solo con le vescicole sulle labbra o anche quando il virus è silente?

Gli Herpes virus che possono provocare malattie nell'uomo sono vari: i più conosciuti sono l'Herpes virus 1 (HSV1) generalmente responsabile delle infezioni della parte superiore del corpo, l'HSV 2 generalmente responsabile di infezioni genitali, il virus della Varicella e dello Zoster (fuoco di S. Antonio), il Citomegalovirus (CMV), il virus della Mononucleosi infettiva, il virus della sesta malattia ed altri ancora. I meccanismi che determinano una malattia da infezione sono sempre gli stessi: un germe o un virus devono venire a contatto con l'organismo ospite, penetrare all'interno, riprodursi e provocare dei danni o subire l'azione di difesa dell'ospite.

Dall'incontro tra un microrganismo e l'uomo possono derivare vari risultati: contatto senza infezione: veniamo a contatto con il germe o il virus che viene eliminato senza penetrare nel nostro organismo;

infezione: l'agente causa di malattia penetra nel nostro organismo che si difende producendo anticorpi specifici contro quel microrganismo, in modo da diventare più resistente in occasione di un eventuale successivo contatto con quel germe (questo è il meccanismo che è alla base delle vaccinazioni);

infezione silente: il microrganismo penetra nel nostro organismo che reagisce senza eliminarlo. Inizia una convivenza, talora molto lunga, spesso con equilibri che cambiano con il passare del tempo e a seconda di vari stimoli esterni. La malattia generalmente non è grave (è il caso del suo herpes labiale che si manifesta con le bollicine in occasione di stress, o del ciclo mestruale o per altri motivi), però il virus è sempre presente anche in assenza di sintomi;

malattia: evidente manifestazione di alterazione dello stato di salute con compromissione di uno o più apparati del nostro organismo. In questi casi o la carica infettante (quantità di germi o virus) è particolarmente abbondante o i microrganismi sono particolarmente "forti" (virulenti), oppure il nostro organismo non è in grado di difendersi per un deficit immunitario dovuto a varie cause.

Questa lunga premessa era indispensabile per spiegarle la situazione. Suo figlio è nelle migliori condizioni di salute per iniziare ad affrontare i numerosissimi virus e batteri che vivono nel nostro ambiente (compreso il HSV1): infatti è nato da una madre che ha un herpes recidivante (quindi già prima della gravidanza aveva attivato i meccanismi di difesa nei confronti di questo virus e li ha trasmessi al figlio), è allattato al seno (massima garanzia di difesa dalle infezioni ), ha superato il primo mese di vita (periodo neonatale) molto più pericoloso per qualsiasi infezione. Una persona che ha un herpes labiale recidivante può trasmettere l'infezione anche quando non ha le vescicole; ovviamente in fase attiva di malattia la quantità di virus che diffonde sarà maggiore, per cui ha fatto bene ad evitare il contatto con le mucose del bimbo. In questi casi è utile accudire il bambino indossando una mascherina naso-bocca e lavandosi prima bene le mani.

L'infezione da HSV 1 o 2 può essere grave se contratta in periodo neonatale (in utero, durante o successivamente al parto) o se il soggetto che si ammala ha un deficit immunitario (non si difende dalle infezioni). Gravissime sono l'encefalite, l'epatite e la infezione disseminata da herpes virus nel neonato. Superata l'età neonatale, la malattia causata dall'HSV 1 può essere molto spesso asintomatica (tipo infezione senza malattia) o manifestarsi come una gengivo-stomatite, una infezione oculare o una lesione cutanea. Molto raramente, in bambini con dermatite precedente l'infezione, si verifica il quadro dell'eczema erpeticum, una vistosa disseminazione cutanea delle lesioni erpetiche.

10/3/2004

30/11/2015

I commenti dei lettori

io ho un herpes simplex da anni ho gia gli anticorpi formati ma ogni stress esce .ho fatto anche la profilassi del aciclovirus ma torna sempre.ora sono incinta e sono al termine mi sfaranno il cesareo, vorrei sapere se posso allattare? O PER COLPA DEL HERPES NON POSSO PERCHE LO POTREI ATTACCARE?

debora (MI) 31/12/2010

Io ho sempre avuto l'herpes e sto allattando cmq la mia bambina..l'unica cosa è che nn so cosa metterci!

vivi (BO) 03/01/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Herpes e allattamento"

Herpes
Herpes al labbro: il consiglio migliore è curarsi subito, appena si sente un leggero prurito.
Stomatite virale da Herpes
La stomatite virale da Herpes riempie la bocca di vescichette dolorose. E' un'infezione comune fra i bambini che frequentano le scuole materne.
Infezione da citomegalovirus
Il citomegalovirus è un virus responsabile di un'infezione molto comune, spesso senza sintomi.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte