ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Stomatite virale da Herpes

La stomatite virale da Herpes riempie la bocca di vescichette dolorose. L'incubazione varia da 2 a 12 giorni. E' un'infezione comune fra i bambini che frequentano le scuole materne.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Vorrei avere informazioni sulla stomatite erpetica. La figlia di una mia amica, che ha attualmente 18 mesi, sta trascorrendo un terribile periodo a causa di questa infezione, che le ha causato febbre alta, difficoltà nel deglutire, sonno disturbato e, ovviamente, estrema irritabilità. Come si tratta questa infezione? Esiste un modo per velocizzarne il decorso naturale o almeno alleviarne i sintomi? Vorrei sapere inoltre quali sono le modalità di trasmissione di tale infezione (ho una bimba di 13 mesi e, dato che mia madre ha sofferto in passato di herpes alla bocca ed agli occhi, vorrei in ogni modo evitare una possibile trasmissione).

La stomatite viraleLe infezioni erpetiche, estremamente diffuse, sono endemiche e trasmesse da soggetti sintomatici o asintomatici con infezione primaria o ricorrente; spesso tuttavia si sviluppano episodi epidemici intrafamiliari, in ospedali e in comunità.

La prima infezione avviene per contatto diretto o tramite goccioline di saliva, penetra nell'organismo attraverso la cute e le mucose. L'incubazione varia da 2 a 12 giorni (in media 6). Nei bambini più piccoli l'infezione è asintomatica o determina manifestazioni localizzate al cavo orofaringeo (gengivo-stomatite o faringite); nei più grandicelli o negli adulti interessa più frequentemente la cute. I meccanismi attraverso cui si instaura e viene poi mantenuto lo stato di latenza o si ha invece la riattivazione dell'infezione virale sono in gran parte sconosciuti; sembra comunque che abbiano importanza alcuni enzimi prodotti dal virus stesso e la risposta immunitaria dell'ospite. Gengivostomatite e faringite. Ne è colpito prevalentemente il bambino di 1-2 anni.

L'inizio è improvviso, con febbre elevata, irrequietezza, male in bocca; compaiono poi piccole vescicole che interessano la mucosa delle guance, la lingua, le gengive, le labbra, il palato. Gli elementi si rompono facilmente formando ulcere. Il bambino lamenta dolore, sbava parecchio e ha dolore a mangiare. Dopo 6-7 giorni la febbre e le lesioni diminuiscono, l'alimentazione si fa più facile. La guarigione completa avviene verso il 15^- 20^ giorno. In alcuni casi la contaminazione salivare provoca la diffusione delle vescicole alla cute del volto, del collo e, per il succhiamento, alle dita.

Terapia in soggetti sani: l'Aciclovir per via locale, se applicato precocemente, può abbreviare il decorso delle recidive erpetiche cutanee e mucose. In taluni casi la somministrazione protratta di Aciclovir per bocca può ridurre la frequenza degli episodi. Bambini con gengivostomatite primaria sono stati trattati con Aciclovir, ma non vi sono dati definitivi sull'efficacia del trattamento. Le infezioni orali da Herpes simplex sono comuni fra i bambini che frequentano asili o la scuola. Solo i bambini con gengivostomatite erpetica (cioè con l’infezione primaria) che non controllano la salivazione devono essere allontanati dall'asilo. Non è indicata l'esclusione dei bambini con herpes labiale (cioè recidivante) dall'asilo o dalla scuola.

1/11/1998

14/5/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Stomatite virale da Herpes"

Herpes
Herpes al labbro: il consiglio migliore è curarsi subito, appena si sente un leggero prurito.
Herpangina
L'Herpangina o faringite vescicolare è una infezione virale provocata da Virus Coxackie per lo più del tipo A.
Herpes e allattamento
Sto allattando e ho l'Herpes: può essere pericoloso per il mio bambino? Non vorrei contagiarlo.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
Stomatite aftosa
La stomatite aftosa è una infezione ricorrente della bocca, costituita da vescichette dolorose (afte) sulla mucosa labiale, linguale o gengivale.
Il mughetto
Cosa fare se compare il mughetto? La Candida è presente comunemente nel cavo orale, ma dopo una malattia o nel neonato può diventare mughetto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
Diagnosi prenatale invasiva
Le tecniche invasive di diagnosi prenatale servono per diagnosticare eventuali malformazioni fetali all'inizio della gravidanza.
Ho una figlia di due anni con il piede varo
Il piede varo è un problema che si manifesta nei primi mesi di vita e tende ad aggravarsi nel tempo, se non è curato.
Il significato dei "No" nei primi mesi di vita
E' bene fargli comprendere sin dai primi mesi di vita il significato dei "No"? I consigli della psicologa.
Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte