ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il bambino che morde

Non solo morde tutti i suoi giocattoli, ma anche i suoi coetanei. E' un comportamento comune a molti bambini, ma bisogna capire da che cosa è provocato.

a cura di: Dott.ssa Lucia Mantovani (psicologa)

Sono la mamma di Andrea, quasi 23 mesi. Il piccolo, pur senza l'apparente intenzione di aggredire, continua a mordere tutti, provocando ormai danni e lividi. Credo gli sia chiaro che provochi dolore a chi subisce i suoi dentini, gli dico che la mamma sente male, che ha la bua, che le viene da piangere, ma la cosa sembra lasciarlo indifferente. Anche i suoi pupazzi vengono continuamente morsicati e se incontriamo altri bimbi non posso perderlo un attimo di vista per evitare che faccia loro del male. Recentemente ha anche imparato a dare pizzicotti, anche quelli senza alcun apparente motivo, lo fa con divertimento, causando graffi evidenti. Andrea è oggetto delle attenzioni di tutti, essendo figlio unico ed unico nipote. Da alcuni mesi vive enormi tensioni familiari per la separazione che mio marito ha avviato e che mi fa soffrire, talvolta in maniera anche evidente. I morsi sono però cominciati molto molto prima. Un altro elemento che mi preoccupa molto è che quando viene rimproverato o gli si nega un suo capriccio, comincia a darsi pugnetti sul viso o a battere la testa contro il muro o il pavimento. Cosa vogliono dire questi gesti di autolesionismo? Come devo comportarmi per arginarli e cosa posso fare perchè smetta di mordere o pizzicare?

I comportamenti che lei descrivi ad opera del suo bambino sono molto frequenti e si manifestano soprattutto in situazioni di vita in comunità di coetanei.

La modalità orale, che utilizza cioè la bocca, appartiene alle prime esplorazioni sensoriali dei bambini, che iniziano proprio così ad entrare in contatto con il mondo esterno, a partire dall'interazione con chi li nutre, sia la madre allattando al seno sia la madre o una diversa figura con l'allattamento artificiale.

Progressivamente i bambini sostituiscono questo sistema esplorativo ricorrendo alla vista e soprattutto al tatto, attraverso la manipolazione sempre più fine degli oggetti che si raggiunge in genere intorno ai due anni di vita. Spesso i primi morsi possono non avere quindi una valenza aggressiva, ma rappresentare appunto questa modalità di sperimentazione di contatto con l'ambiente.

Da quanto lei riporta, tuttavia, Andrea sembra aver compreso che la conseguenza del suo comportamento è dolorosa per chi lo riceve e nonostante ciò sembra non modificare tale condotta; si può a questo punto supporre che sia subentrata una intenzionalità aggressiva, che può essere di attacco ma anche di difesa nei confronti di un ambiente da cui forse Andrea si sente in qualche modo minacciato.

Viene dunque da collegare le azioni aggressive alla situazione familiare che state attraversando, che sicuramente contribuisce a creare uno stato di tensione sia in Andrea che nelle persone che si occupano di lui, in primo luogo la sua mamma.

I comportamenti che lei descrive possono quindi essere letti come un modo di comunicare un disagio interiore che il suo bambino sta vivendo e che fatica a gestire da solo.

In tale ottica può diventare possibile leggere anche le manifestazioni di opposizione a regole e divieti a cui Andrea ricorre, come facendo del male a se stesso, quasi volesse suscitare nell'altro un senso di colpa e quindi una maggiore attitudine ad occuparsi di lui dedicandogli ancora più attenzioni e concessioni.

A livello prognostico tuttavia, in assenza di una conoscenza diretta del bambino e delle dinamiche familiari pregresse e attuali, appare complesso fornire indicazioni più specifiche.

Le consiglio perciò di rivolgersi ad un Servizio psicologico o ad un professionista esperto in età evolutiva che possa aiutare Andrea e le sue figure di riferimento a comprendere meglio le motivazioni di tali comportamenti e a trovare diverse e più adeguate modalità comunicative.
 

28/5/2012

13/11/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il bambino che morde"

Morsi e graffi all'asilo
E' possibile che morsi e graffi tra bambini all'asilo possano determinare anche l'insorgenza di infezioni cutanee più o profonde.
Esprime la sua rabbia mordendosi le mani
Mio figlio di due anni, se viene contrariato, si morde le mani. Solo crescendo si impara ad acquisire l'autocontrollo.
Il bambino che morde
Dopo l'anno di età il bambino morde per scoprire quello che lo circonda. Dopo i due-tre anni diventa un modo per esprimere rabbia e intimidire i coetanei.
Ha 21 mesi e morde gli altri
Ha 21 mesi e spesso, dopo aver baciato un bambino, lo morde. Passerà? I consigli dello psicologo per risolvere la situazione.
Mi morde spesso
Cosa fare quando il bambino morde? A 14 mesi i bambini giocano con i morsi. I consigli per superare questa fase.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.
Servono le lenti progressive nella miopia?
Non esiste nessuna evidenza scientifica che la lente Varifocale o progressiva sia utile nella gestione della miopia.
Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta