ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Schede di Pediatria per Famiglie

per la salute del tuo bambino

Le verruche

Le sedi più frequentemente colpite dalle verruche sono le mani, le ginocchia, i gomiti e la pianta dei piedi. Come si manifestano e come si curano.

a cura di: Dott. Gianni Caso (pediatra), Dott.ssa Annamaria Marengoni (pediatra), Dott. Leo Venturelli (pediatra)

Che cosa sono le verruche

Sono una malattia contagiosa della pelle causata da virus.


Come ci si contagia

Ci si contagia venendo a contatto con verruche, proprie (autoinoculazione) o di altri, o toccando luoghi infetti (ad esempio le piscine).

Incubazione

Il periodo di incubazione varia da 1 a 8 mesi.

Come si manifestano le verruche

Si manifestano sulla cute come papule ben demarcate con una superficie rugosa ed irregolare (talvolta possono ricordare un callo o un durone).
Le sedi più frequentemente colpite sono le mani, le ginocchia, i gomiti e la pianta dei piedi

Come si curano le verruche

È utile trattare le verruche per evitare di contagiare altre persone e la diffusione in sedi diverse.
Effettuare la medicazione in modo accurato:

  • immergere la parte affetta in acqua calda per qualche minuto ed asciugare con salvietta personale;
  • asportare la parte superficiale della verruca con una forbicina senza agire troppo profondamente, altrimenti potrebbe sanguinare (in alternativa sfregare con una pietra pomice);
  • applicare su ogni verruca una quantità di soluzione antiverruche (vedi successivamente) tale da coprire tutta la sua superficie (evitando la cute sana), e aspettare poi che il liquido asciughi bene e, seccando, rimanga adeso alla verruca;
  • coprire con un cerotto di garza non medicato;
  • ripetere il trattamento ogni 24 ore, preferibilmente alla sera, per circa 20-30 giorni, fino a rimuovere completamente la verruca.

N. B.

  • il trattamento di solito non è doloroso, ma se comparissero bruciore e irritazione attorno alla verruca, si consiglia di non medicare per 2-3 giorni;
  • la comparsa di un'area biancastra e macerata intorno alla verruca è da considerarsi invece normale;
  • fino alla completa guarigione, il bambino con le verruche deve utilizzare delle salviette personali;
  • in alcuni casi, se il trattamento non risultasse efficace, è necessario rivolgersi ad un dermatologo che può rimuovere le verruche con altre tecniche (elettroessicazione, azoto liquido, ecc.).

Avvertenze

  • se si è affetti da verruche alla pianta del piede è necessario frequentare la piscina (ed altri luoghi pubblici) non a piedi nudi ma utilizzando le ciabatte, o i calzini di gomma e coprendo la verruca stessa con un cerotto impermeabile chiuso sui 4 lati;
  • a scopo preventivo è prudente non camminare mai a piedi nudi in luoghi aperti al pubblico.

Soluzione antiverruche:

  • acido retinoico 0,05%
  • acido lattico 17%
  • acido salicilico 17%
  • collodio elastico q.b.

Dopo ciascuna applicazione assicurarsi che il tappo del flacone sia ben chiuso onde evitare che la soluzione solidifichi, e riporre il farmaco in un luogo inaccessibile ai bambini.

1/1/1997

7/8/2013

I commenti dei lettori

Il piccolo ha verruche sulle mani, ogni tanto ne esce una nuova, abbiamo provato diversi prodotti e perfino la crioterapia, ma niente. Poiché, ci hanno detto, che può essere un problema di difesa immunitaria, proviamo ora con qualche cura omeopatica.

lorenzo (TV) 09/10/2011

Mio figlio ha le verruche sui piedi da quando aveva 8 mesi e ancora le ha che ha 19 mesi. Non so più che fare sono in crisi! le ho anche io!!!!

cla (MI) 06/09/2012

Il mio mimbo ha 4 anni e frequenta la piscina. ha una grossa verruca sul palmo della mano e non so se vale la pena tentare con le cure "fai da te" qui suggerite, oppure se è meglio consultare un dermatologo. Temo che, per questioni economiche, lui ci consigli subito il suo intervento.

SILVIA (RM) 08/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Le verruche"

I pidocchi
La scheda sui pidocchi (pediculosi) a cura della Associazione per la Ricerca in Pediatria. Come ci si contagia e come ci si cura.
Verruca
La verruca è una lesione benigna della pelle, molto frequente nei bambini. E' provocata da virus e dunque è contagiosa.
Allattamento al seno: i consigli dell'ARP
Allattamento al seno: le schede della Associazione per la Ricerca in Pediatria. I consigli dei Pediatri.
Allattamento artificiale del neonato: dosi, orari e quantità
Allattamento artificiale del neonato: le schede della Associazione per la Ricerca in Pediatria.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta