ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Rafforzare le difese immunitarie

Gli immunostimolanti sono una classe molto eterogenea di sostanze in grado di rafforzare le difese immunitarie.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Esistono farmaci che rafforzano le difese immunitarie?

Gli immunostimolanti sono una classe molto eterogenea di sostanze in grado di rafforzare le difese immunitarie e attualmente sono al centro di un vivo dibattito nella comunità scientifica per valutarne la reale efficacia. Si tratta di sostanze di sintesi, oppure di derivati batterici (definiti impropriamente“vaccini”, dato che in realtà non lo sono), oppure di integratori alimentari, oppure di fitoterapici, oppure di omeopatici.

L’Echinacea (Echinacea purpurea ed Echinacea angustifolia) stimola le difese dell’organismo (mediante stimolazione del sistema immunitario) soprattutto  nei confronti delle infezioni virali. Nelle infezioni delle prime vie aeree, l’efficacia dei prodotti fitoterapici a base di questa pianta, anche associata alla Propoli, è stata documentata in numerosi lavori scientifici.

Le preparazioni ottenute da Echinacea sono ben tollerate e sicure, salvo che non vi sia un'allergia accertata alle Asteraceae, famiglia cui appartiene Echinacea. L’Echinacea può potenziare l’attività terapeutica di alcuni farmaci di sintesi (ansiolitici, antivirali, ecc.).

E’ consigliabile utilizzare preparati a base di questa pianta per non più di otto settimane consecutive. Qualora si intenda intervenire a scopo preventivo si possono fare 2-3 cicli di circa un mese intervallati da pause di 15 giorni.
 

13/12/2010

20/6/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rafforzare le difese immunitarie"

La propoli e lo zinco
Ho letto che assumere la propoli e lo zinco aiuta a ridurre le infezioni delle vie respiratorie. I consigli del Pediatra.
Prima di iniziare la materna stava sempre bene
Esistono numerosi motivi per spiegare perchè il piccolo sia più esposto ad episodi infettivi.
La propoli ai bambini?
La propoli è una sostanza resinosa che le api operaie raccolgono nelle ore più calde della giornata dalle gemme di diverse piante.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
I disturbi del sonno nei neonati e nei bambini
Disturbi del sonno nei neonati: si svegliano parecchie volte di notte. Come facilitare il sonno nei bambini: i consigli del Pediatra.
Sindrome di West
La sindrome di West è una malattia epilettica con esordio nel 1° anno di vita, caratterizzata dalla presenza di spasmi epilettici.
Allattamento artificiale: come faccio a fargli accettare il biberon?
Consigli per far accettare il biberon in corso di allattamento artificiale.
Incompatibilità da RH in gravidanza
L'identificazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh deve essere sempre fatta all'inizio della gravidanza per tutelare la salute fetale.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza