ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Tumefazioni del muscolo sternocleidomastoideo

Per una tumefazione del muscolo sternocleidomastoideo ci hanno consigliato alcune sedute di fisioterapia.

a cura di: Dott. Antonio Andreacchio (ortopedico)

A circa 18 giorni dalla nascita della nostra bambina, che compirà domani sei mesi, ci siamo accorti di una pallina situata proprio sotto l'orecchio sinistro. L'ecografia ha rilevato la presenza di una cisti allo sternocleidomastoideo (N.d.R.: si tratta di un muscolo situato nella regione laterale del collo che si inserisce, superiormente, all'apofisi mastoidea, sotto l'orecchio, e inferiormente, allo sterno e alla clavicola. La sua contrazione provoca flessione, rotazione e piegamento laterale del capo) del diametro di tre cm causata, a detta della pediatra, da un versamento di sangue provocato da una manovra troppo brusca da parte del ginecologo al momento del parto.

A distanza di un mese il diametro si era ridotto a 2,5 cm e, all'ultima ecografia, non è più risultato niente. La pediatra sostiene che bisognerebbe far fare alla piccola alcune sedute di fisioterapia per garantire al muscolo una normale elasticità; l'ortopedico, invece, ha verificato che il muscolo interessato non è per niente anelastico e ha consigliato un'altra ecografia, fra circa tre mesi, e, subito dopo, una visita presso un fisioterapista che valuterà l'opportunità o meno di fare delle sedute. Precisiamo che la piccola predilige nettamente il lato destro sia quando è alzata che per dormire; si gira verso sinistra solo se stimolata e, comunque, non mantiene la posizione che per pochi secondi per rigirarsi subito verso destra. Inoltre, quando è girata verso destra, mantiene una posizione abbastanza eretta mentre se è girata verso sinistra si piega un po' su sé stessa. Le saremmo grati se ci desse un suo parere.

Esistono fondamentalmente due affezioni che colpiscono lo sternocleidomastoideo dei neonati; hanno un comportamento completamente diverso e tempi di insorgenza differenti. Il primo è il cosiddetto ematoma dello sternocleidomastoideo che si viene a produrre durante il parto e viene immediatamente notato alla nascita o a distanza di alcuni giorni. Il capo è atteggiato da un lato e la tumefazione che si apprezza tende a risolversi spontaneamente nel corso di qualche tempo e, comunque, il trend è verso la risoluzione spontanea, come in tutti gli ematomi di origine post traumatica. La "conditio sine qua non" è che si sia avuto un parto naturale, in quanto tale tumefazione, dopo un parto con taglio cesareo, poco giustifica tale diagnosi.

La seconda, e ben più insidiosa, origine di una tumefazione dello sternocleidomastoideo è rappresentata dalla presenza di un'entità nosologica congenita: il torcicollo miogeno congenito. Questa malattia congenita si evidenzia a distanza dalla nascita anche di mesi e tende ad un progressivo peggioramento se lasciata andare al suo destino. Tale affezione, se prontamente riconosciuta e trattata, ha una risoluzione con metodi incruenti, se invece lasciata al proprio decorso naturale può richiedere una risoluzione chirurgica. Il caso descritto rimane dubbio, in quanto l'età della bambina, e la non ancora completa risoluzione del problema, potrebbero far pensare di avere a che fare con un torcicollo miogeno congenito.

A quest'epoca ancora sono possibili recuperi attraverso una intensiva terapia con manipolazioni e manovre correttive, oltre che con un'attenta sorveglianza clinica dell'affezione. Il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un ortopedico esperto di problematiche infantili che, attraverso un esame clinico, e visionando la documentazione, può facilmente sciogliere il dubbio diagnostico instaurando, al tempo stesso, la più opportuna terapia.

18/11/2003

12/11/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Tumefazioni del muscolo sternocleidomastoideo"

Torcicollo oculare nei bambini
Il torcicollo oculare in un bambino può essere causato da un difetto della vista. E' necessario l'intervento chirurgico.
Torcicollo parossistico benigno
Il torcicollo parossistico benigno è un raro disordine dell'infanzia, a evoluzione benigna, caratterizzato da episodi di rotazione e deviazione del capo.
Torcicollo congenito
Il torcicollo congenito è una deformità presente alla nascita. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura