Vorrei sapere perché mio figlio di 22 mesi non sa ancora masticare, cioè non deglutisce nulla che non sia liquido. Ho provato in tutti i modi, ma quando gli si da qualsiasi pezzo di cibo anche piccolo, lui lo tiene sulla lingua per un po' poi lo butta fuori oppure inizia a tossire e vomita. Questo succede quasi tutti i giorni. Mi aiuti, sono disperata

In base ai soli elementi esposti non so dare nessuna risposta. Il bambino di 22 mesi non riceve cibi solidi e tutti i giorni tossisce e vomita se si dà un cibo solido: sono elementi che non permettono di dare risposte. Sarebbe necessaria una conoscenza maggiore del caso. Come è stato l'impatto con le prime pappe? Le ha mai prese? (mi si pone il problema a 22 mesi senza darmi notizie se e come ha iniziato uno svezzamento sui primi 4-5 mesi). Cosa è successo tra i cinque mesi e adesso?

Si tratta di ben 17 mesi che mi si pongono come un buco nero e non si può pretendere una risposta ragionata sul caso specifico che viene presentato in un modo troppo carente di elementi utili. È un problema recente (la non deglutizione di cibi solidi, la tosse ed il vomito) o se lo porta dietro da sempre? Se è recente o è iniziato dopo un episodio particolare potrebbe essere un problema più psicologico che fisico. Se invece è un problema esistente da sempre (fin dalla prima introduzione dei cibi solidi) allora andrebbe approfondito in sede clinica con mezzi strumentali e radiologici per capire la natura del fenomeno.

Altro su: "Non sa ancora masticare"

Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La prima pappa
Gli esperti di Pediatria On Line consigliano la prima pappa nello svezzamento dei neonati verso i 5-6 mesi.
Quando introdurre il glutine nello svezzamento
Il glutine deve essere introdotto nella dieta dello svezzamento del bambino dopo il sesto mese di vita.
Come comportarsi se un bambino non mangia
Alcuni suggerimenti su come comportarsi se un bambino piccolo non mangia e su quali sono i parametri importanti da osservare per una giusta crescita.
I cereali
I cereali (frumento, mais, riso, orzo, avena, segale) nell'alimentazione del bambino rappresentano una buona fonte di energia.
Uovo nello svezzamento
Riguardo all'uovo, occorre considerare le due parti che lo compongono e i modi che abbiamo a disposizione per cucinarlo e proporlo ai bambini.