C’era una volta tanto, tanto tempo fa... il Signore della Sabbia e del Vento.

Egli costruiva i sogni per i bambini che non riuscivano ad addormentarsi. Arrivava la sera piano, piano, avvolto in un lungo mantello carico di piccoli imbuti. Si avvicinava ai suoi piccoli amici e poi senza che essi lo scorgessero soffiava il vento dell’oblio nell’imbuto che aveva adagiato sulla loro testa.

Essi cadevano in un sonno profondo fino al mattino seguente e sognavano... sognavano... Una sera accadde anche a Gil, il Signore della Sabbia e del Vento venne a trovarla e lei che non credeva affatto alla sua magia, mise due stecchini negli occhi per tenerli aperti, ma... i due legnetti non ressero alla potenza della sabbia e del sogno e Gil si addormentò.

E vide ... la terra che senza forza di gravità galleggiava fuori della sua orbita e il mare che cadeva da tutte le parti. Le cose volavano ed il suo corpo era leggero, leggero. Gil si svegliò di soprassalto. Stropicciò gli occhi e balzò a sedere sul letto guardandosi intorno. Vide ogni cosa al suo posto, ogni cosa al suo posto... nella sua stanza.

Andò alla finestra e guardò il mare, anch’esso era tranquillo sulla terra con le onde che s’infrangevano sulla sabbia.

Sorrise... Scostò la tendina e vide lontano, lontano, un lungo mantello carico di piccoli imbuti.

Era il Signore della Sabbia e del vento che si allontanava per portare sogni ad altri piccoli amici.

Altro su: "Se il mare cadesse il mondo sarebbe sottosopra"

Lo svezzamento: letteratura
Parliamo dello svezzamento nella letteratura; un brano tratto da "La pappa dolce" dei fratelli Grimm ed una poesia di Gianni Rodari.
Novella di Pirandello
Un brano tratto dalla Novella del premio Nobel Luigi Pirandello.
La favola del castello di Trebbio
Era una bella giornata di sole, faceva piuttosto caldo, ma per fortuna, ogni tanto, s’alzava un refolo di vento a rinfrescare l’aria.
La scatola magica
C'era una volta un vecchio signore che non riusciva a ricordare nulla.
Filastrocca fantasia
Ho incontrato Alì Babà, con Pinocchio e suo papà. C'era anche Barbablu, manchi proprio solo tu.
Natale è tempo di fiabe
La fiaba ha un educativo perché induce il bambino ad accostarsi alla realtà e terapeutico perché sperimenta nuove emozioni.